Sab. Apr 13th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’Etiopia è diventata il terzo paese africano ad essere formalmente inadempiente sul proprio debito in così tanti anni, dopo aver mancato la scadenza di questa settimana per effettuare il pagamento di interessi di 33 milioni di dollari sulla sua unica obbligazione internazionale.

Fitch Ratings mercoledì ha declassato il rating creditizio del paese a “default limitato” dopo che è scaduto un periodo di grazia per un pagamento originariamente dovuto l’11 dicembre.

Il secondo paese più popoloso dell’Africa ha cercato per la prima volta la riduzione del debito nel 2021, poiché le pressioni derivanti dalla pandemia di coronavirus e dal conflitto nella regione settentrionale del Tigray hanno ostacolato la crescita economica.

Nonostante una tregua per porre fine alla guerra civile durata due anni alla fine dello scorso anno, la sua economia è sotto pressione con un tasso di inflazione annuo del 28%, carenza di valuta estera e crescenti rimborsi del debito.

Il mese scorso l’Etiopia ha raggiunto un accordo di principio con i creditori sovrani, inclusa la Cina, per sospendere i pagamenti del debito e ristrutturare le sue obbligazioni internazionali da 1 miliardo di dollari, ma il governo ha affermato che i colloqui paralleli con i fondi pensione e altri creditori privati ​​sono in fase di stallo.

“Le dichiarazioni del Ministero delle Finanze suggeriscono che il mancato pagamento riflette lo sforzo di garantire parità di trattamento ai creditori privati ​​a seguito di accordi con i creditori ufficiali per sospendere il servizio del debito”, ha affermato Fitch in una nota.

Il ministero delle Finanze aveva detto agli obbligazionisti all’inizio di questo mese che il pagamento era “un importo accessibile”, ma che aveva deciso di trattenere il pagamento in modo da poter trattare equamente i diversi gruppi di creditori.

Il default colloca il Paese dell’Africa orientale tra un numero crescente di economie emergenti che sono andate in default sul proprio debito a seguito della pandemia. Secondo la Banca Mondiale, negli ultimi tre anni si sono verificati 18 default sovrani in 10 paesi in via di sviluppo, un numero superiore a quello registrato in tutti i due decenni precedenti.

L’Etiopia sta cercando di rinegoziare i propri obblighi attraverso il quadro comune del G20, che coordina la riduzione del debito tra finanziatori pubblici e privati ​​ed è stato utilizzato da altri due paesi africani, Zambia e Ghana, con alterne fortune.

L’agenzia di rating del credito S&P Global ha declassato il debito dell’Etiopia al default il 15 dicembre dopo che la scadenza iniziale per il pagamento non era stata rispettata.

Fitch ha mantenuto il rating sulle obbligazioni a lungo termine in valuta locale dell’Etiopia a tripla C meno poiché il governo ha continuato a pagare quel debito e non ha annunciato alcuna intenzione di ristrutturare il debito interno.

I funzionari etiopi si aspettano che un programma del FMI, necessario per iniziare a negoziare un trattamento globale del debito nell’ambito del quadro comune, arriverà nel primo trimestre del prossimo anno, secondo Fitch, ma l’agenzia di rating ha detto che “questo potrebbe essere ancora ottimistico”.