Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Venerdì le società di beni di lusso hanno portato le azioni europee ai massimi pluriennali dopo che LVMH ha riportato vendite resilienti nel quarto trimestre, alimentando le speranze degli investitori che il settore possa superare una recessione economica.

Il Cac 40 francese, ad alto tasso di lusso, è salito del 2,3% toccando un nuovo massimo storico, mentre il FTSE 100 di Londra ha guadagnato l’1,4%. L’indice Stoxx Europe 600 a livello regionale è salito dell’1,1% toccando il livello più alto da gennaio 2022.

Le azioni LVMH sono aumentate del 12,8% dopo aver dichiarato che il fatturato è cresciuto del 10% nei tre mesi fino a dicembre, superando le aspettative degli analisti e allentando le preoccupazioni che potrebbe essere duramente colpita da un rallentamento economico in Cina.

I risultati ottimistici hanno anche innescato forti guadagni per i suoi pari e rivali, tra cui Kering ed Hermes, che hanno entrambi guadagnato il 6,6%. L’indice Stoxx Luxury 10 ha guadagnato il 6,7%.

Ad ulteriore stimolo del sentiment, Barclays ha portato i titoli del lusso europei a sovrappeso. Emmanuel Cau, responsabile della strategia azionaria europea della banca, ha affermato che i titoli del lusso sono rimasti indietro rispetto all’ampio rally del mercato di novembre e dicembre. “Questa sottoperformance offre un buon punto di ingresso”, ha detto.

Il grafico lineare dell'indice Cac 40 che mostra i titoli del lusso ha portato l'indice azionario di riferimento francese ai massimi storici

I guadagni per i mercati azionari europei sono arrivati ​​anche dopo che i commenti della presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde giovedì hanno convinto i trader ad aumentare le loro scommesse sui tagli dei tassi di interesse nell’eurozona nel 2024.

Intervenendo dopo che la BCE ha mantenuto i tassi stabili, Lagarde ha affermato che la crescita dei salari stava mostrando segni di rallentamento e che “il processo di disinflazione è in atto”.

Alcuni analisti erano meno ottimisti sul fatto che il settore avrebbe sovraperformato senza una ripresa economica in Cina, i cui consumatori sono i principali acquirenti di beni di lusso europei.

“La chiave per la performance di quest’anno e del prossimo anno è proprio la Cina”, ha affermato Jelena Sokolova, analista azionario senior di Morningstar. “I cinesi hanno i risparmi, [but] non viaggiano ancora in Europa nella stessa misura di prima del Covid. Potrebbero spendere di più se si sentissero un po’ più sicuri riguardo al loro futuro”.

Dall’altra parte dell’Atlantico, Wall Street si è mantenuta stabile vicino ai massimi storici mentre i trader valutavano i dati sull’inflazione e il produttore di chip Intel forniva previsioni cupe.

L’indicatore di inflazione preferito dalla Federal Reserve è sceso al di sotto del tasso su base annua del 3% a dicembre per la prima volta dal 2021, rafforzando l’argomentazione secondo cui la banca centrale potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse nella prima metà di quest’anno. L’indice del dollaro, che replica il biglietto verde rispetto a un paniere di sei valute, è sceso dello 0,2%.

L’indice S&P 500 era in rialzo dello 0,2% nel primo pomeriggio a New York, mettendolo sulla buona strada per estendere di poco la sua serie di vittorie consecutive di sei giorni, che ha portato cinque massimi di chiusura consecutivi. Il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è salito dello 0,1%.