Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le azioni cinesi hanno messo a segno una serie di tre giorni di vittorie consecutive poiché la promessa del premier del paese di fornire un sostegno statale “più vigoroso” al mercato non si è tradotta in passi concreti per sostenere i prezzi delle azioni.

L’indice di riferimento CSI 300 delle azioni quotate a Shanghai e Shenzhen venerdì ha chiuso in ribasso dello 0,3% dopo aver registrato guadagni di quasi il 4% rispetto alle tre sessioni precedenti, mentre a Hong Kong l’indice Hang Seng China Enterprises è sceso del 2%.

Le azioni di Cina e Hong Kong, che sono rimaste indietro rispetto alle controparti globali da luglio, avevano registrato un rally all’inizio di questa settimana dopo che Li Qiang, il premier del paese, aveva chiesto “misure più energiche ed efficaci per stabilizzare il mercato e aumentare la fiducia”.

Ma trader e strateghi hanno affermato che il conseguente impulso al sentiment è diminuito in assenza di prove concrete che le autorità stessero intraprendendo azioni significative per soddisfare le affermazioni di Li.

“C’è in gioco un po’ di teoria dei giochi”, ha detto Mohammed Apabhai, responsabile della strategia commerciale per l’Asia presso Citigroup. “I politici escono con un annuncio, il mercato si riprende in previsione di tali misure, che potrebbero potenzialmente allentare la pressione sui politici affinché facciano qualcosa di più grande. Probabilmente ci vorrebbe una svendita più grande e violenta per indurre un’azione politica seria.

“In questo momento, penso che le persone che hanno comprato [Chinese equities] negli ultimi tre giorni potrebbe essere costretto a vendere nuovamente”, ha aggiunto. “Anche se probabilmente sono il meno ribassista degli ultimi tre anni, non è ancora il momento.”

I ribassi sono arrivati ​​anche dopo che gli strateghi di Morgan Stanley hanno tagliato le loro previsioni a 12 mesi per l’indice MSCI China delle quotazioni cinesi globali a 53 da 60, allineandosi al livello di chiusura dell’indicatore di giovedì e rompendo con le aspettative di altre banche di investimento di Wall Street per un rally fuori misura. quest’anno.

L’appetito degli investitori globali per le azioni cinesi è stato messo a dura prova da luglio, quando le promesse dei massimi leader di un sostegno più sostanziale in termini di politica economica sono state vanificate da una serie di default nel settore immobiliare, spingendo quasi tutto il denaro straniero a confluire nel mercato azionario cinese. l’anno scorso per rifluire.

Gli strateghi di Morgan Stanley hanno affermato che l’accumulo di debito irrisolto affrontato dagli sviluppatori cinesi, l’invecchiamento della popolazione e il calo dei prezzi al consumo, “così come le complesse dinamiche mondiali multipolari” probabilmente manterrebbero le valutazioni delle azioni cinesi “a livelli relativamente bassi in futuro”.

La previsione ridimensionata contrasta con quella di altri grandi istituti di credito occidentali, molti dei quali hanno previsto un consistente rally per il mercato cinese nel 2024. Goldman Sachs prevede che l’indicatore MSCI China chiuderà l’anno a 63, in aumento di circa il 20% rispetto al livello attuale. .

Le perdite di venerdì hanno fatto seguito ad una mossa dei legislatori statunitensi giovedì a introdurre una legislazione per impedire ad alcune aziende biotecnologiche cinesi di stipulare contratti con il governo federale statunitense.

Tra i maggiori perdenti a Hong Kong venerdì ci sono stati WuXi Biologics e WuXi AppTec, in calo rispettivamente di circa il 18% e il 16%, dopo essere stati nominati nella proposta di legislazione.