Ven. Mar 1st, 2024

Lo Sri Lanka punta a negoziare una ristrutturazione del debito con i detentori delle sue obbligazioni in dollari USA in default entro “un paio di mesi”, ha detto il governatore della banca centrale della nazione in bancarotta dell’Asia meridionale, nonostante le lamentele dei creditori privati ​​di essere stati lasciati all’oscuro.

Nandalal Weerasinghe, capo della Banca Centrale dello Sri Lanka, ha dichiarato al MagicTech che “dobbiamo raggiungere un accordo entro un paio di mesi” sulla ristrutturazione dei 13 miliardi di dollari di debito, respingendo le preoccupazioni che i negoziati si siano impantanati.

“C’è molto interesse da parte dei creditori privati ​​a finire questo il più presto possibile”, ha detto Weerasinghe. “Ma a causa della procedura ci vuole un certo tempo. . . Vogliamo anche farlo velocemente”, ha aggiunto.

Due anni dopo che una crisi valutaria ha portato lo Sri Lanka al default sul proprio debito, il governo del presidente Ranil Wickremesinghe si sta preparando per le elezioni entro la fine dell’anno tra segnali di ripresa dell’economia.

Ma la risoluzione del default dello Sri Lanka è andata avanti molto più a lungo di quanto ampiamente previsto, riflettendo ciò che gli investitori vedono come il crollo del quadro internazionale per la risoluzione delle controversie sul debito sovrano.

Anche lo Zambia e altri paesi sono ancora alle prese con ritardi nella ristrutturazione dei loro debiti a causa della complessità introdotta dall’ascesa della Cina come importante finanziatore del mondo in via di sviluppo e dai disaccordi tra Pechino e altri creditori sulla riduzione del debito.

L’anno scorso il governo di Wickremesinghe ha negoziato accordi preliminari per ristrutturare circa 10 miliardi di dollari di debiti dovuti ai creditori bilaterali guidati da Cina, Giappone e India. Ha inoltre garantito una ristrutturazione dei debiti in valuta locale, aiutando lo Sri Lanka a continuare ad accedere a 3 miliardi di dollari in prestiti di salvataggio da parte del FMI.

Nandalal Weerasinghe
Nandalal Weerasinghe, capo della Banca centrale dello Sri Lanka: “C’è molto interesse da parte dei creditori privati ​​a finire il tutto il prima possibile” © Thilina Kaluthotage/Bloomberg

Ma a dicembre un comitato internazionale di obbligazionisti che comprendeva le società di fondi BlackRock e Amundi ha affermato che “non c’è stato alcun impegno sostanziale tra lo Sri Lanka e i suoi creditori privati”. Lo Sri Lanka ha bisogno di un accordo di questo tipo per mantenere il flusso di prestiti e, eventualmente, per tornare a indebitarsi sul mercato.

Il comitato ha inoltre lamentato “una significativa mancanza di trasparenza” da parte dei creditori governativi sui dettagli delle condizioni offerte allo Sri Lanka. Gli obbligazionisti sono alla ricerca di maggiori dettagli per formulare la propria proposta di riduzione del debito.

Non ci sono stati reali progressi nemmeno dopo queste dichiarazioni, hanno detto persone che conoscono il pensiero degli obbligazionisti, citando la mancanza di feedback da parte del governo sulle proposte su come ristrutturare le obbligazioni.

Anche le banche dello Sri Lanka che detengono il debito estero hanno bisogno di una rapida risoluzione della situazione per rilanciare i prestiti all’economia, hanno detto persone che conoscono la loro posizione.

Nonostante le preoccupazioni, i prezzi delle obbligazioni dello Sri Lanka in default sono aumentati negli ultimi mesi in attesa che un accordo sul debito venga finalmente raggiunto quest’anno.

I prezzi attuali di circa 50 centesimi di dollaro implicano un accordo che prevede un taglio del 30% del valore nominale, estensioni delle scadenze, cedole inferiori e il regolamento degli interessi accumulati dal default, hanno detto questo mese gli analisti della Bank of America.

Lo Sri Lanka deve “garantire che tutte le proposte che abbiamo scambiato siano coerenti con l’accordo [IMF’s] analisi di sostenibilità del debito e anche comparabili [with] abbiamo discusso con altri creditori. È un processo un po’ complicato”, ha detto Weerasinghe.

Lo Sri Lanka dovrà dimostrare che sta ancora parlando in buona fede con gli obbligazionisti per assicurarsi la prossima tranche di 330 milioni di dollari del programma del FMI, che sarà rivisto a marzo. Affronta anche il rischio di incontrare alcuni creditori nei tribunali anziché attorno a un tavolo delle trattative.

La Hamilton Reserve Bank, un creditore con sede a St Kitts e Nevis che non fa parte del comitato degli obbligazionisti, ha chiesto il rimborso immediato di circa 250 milioni di dollari di debito dello Sri Lanka attraverso i tribunali statunitensi.

A novembre, un giudice ha sospeso il caso fino al 29 febbraio per consentire il proseguimento delle trattative con altri obbligazionisti.

Alla domanda su come la causa della banca potrebbe influenzare le negoziazioni sul debito, Weerasinghe ha detto che “per quanto ci riguarda, si tratta di due processi paralleli che procedono in modo indipendente”.

“Stiamo prendendo in considerazione e siamo consapevoli di eventuali implicazioni di ritardo o meno nel giudizio”, ha aggiunto.

Una sentenza a favore della Hamilton Reserve Bank complicherebbe i colloqui anche se la sua richiesta sarebbe difficile da far valere, e potrebbe portare altri creditori frustrati a rivolgersi ai tribunali, hanno detto le persone che hanno familiarità con il pensiero degli obbligazionisti.

Se lo Sri Lanka non riuscirà a raggiungere presto un accordo, “vedrete crescere la pressione sugli obbligazionisti affinché abbandonino il processo consensuale e inizino a prendersi cura di se stessi”, ha aggiunto una persona vicina alla discussione.

Nell’ambito del programma del FMI, lo Sri Lanka sta attraversando una serie di riforme economiche tra cui l’aumento delle tasse e la privatizzazione delle società statali come la compagnia di bandiera SriLankan Airlines.

Tuttavia, alcune di queste misure si sono rivelate controverse in vista delle elezioni per un nuovo presidente e per il parlamento previste per la fine dell’anno, con alcuni partiti di opposizione che hanno promesso di rinegoziare l’accordo.

Weerasinghe ha detto di sperare che la ristrutturazione del debito venga finalizzata prima delle elezioni “così avremo spazio”.

Ha aggiunto: “C’è una grande comprensione da parte del popolo dello Sri Lanka sulla necessità di questo tipo di riforme e sulla continuazione di queste riforme. Sanno che se ci fosse una deviazione ci troveremmo in una situazione peggiore”.