Mar. Mag 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il crollo dei prezzi della carne suina potrebbe riportare la Cina in deflazione questa settimana, poiché i più grandi allevatori di suini quotati in borsa inondano il mercato interno e complicano gli sforzi di Pechino per rafforzare la fiducia nella seconda economia mondiale.

I futures sui suini vivi negoziati sulla Borsa cinese delle materie prime di Dalian sono scesi di circa il 15% dall’inizio di ottobre, riflettendo un forte deterioramento delle aspettative per i prezzi della carne suina a livello nazionale. I prezzi all’ingrosso della carne suina in Cina sono diminuiti di oltre il 40% rispetto a un anno fa.

Gli economisti hanno affermato che il calo del costo della carne di maiale, con il suo forte peso nell’indice ufficiale dei prezzi al consumo della Cina, probabilmente riporterà il paese nella deflazione quando giovedì verranno pubblicati i dati di ottobre.

“Sembra [consumer inflation] tornerà negativo a ottobre, e la ragione principale sembra essere stata il calo dell’inflazione alimentare causato dal calo dei prezzi della carne suina”, ha affermato Julian Evans-Pritchard, economista senior cinese presso Capital Economics.

Un ritorno alla deflazione – dopo una crescita anemica in agosto e un indice dei prezzi al consumo piatto a settembre – minerebbe gli sforzi dei funzionari per ripristinare la fiducia nell’economia cinese, che rimane in uno stato fragile a causa della debole fiducia dei consumatori e di una crisi di liquidità nel settore immobiliare del paese. .

Il prezzo della carne suina in Cina, che è il più grande produttore e consumatore del mondo, segue da tempo un ciclo di espansione e contrazione mentre gli agricoltori più piccoli si ammassano sul mercato in risposta alla crescente domanda. Ciò porta a un eccesso di offerta e innesca forti cali dei prezzi, costringendo gli stessi agricoltori a ritirarsi.

Il grafico a linee del prezzo medio della carne suina all’ingrosso (Rmb/kg) che mostra il calo dei prezzi della carne suina potrebbe riportare la Cina nella deflazione

Pechino ha cercato di esercitare un maggiore controllo su questo ciclo concentrando una maggiore produzione in una manciata di aziende agricole su larga scala. Tuttavia, quest’anno, gli stessi produttori hanno accentuato il calo dei prezzi.

I prezzi della carne suina hanno iniziato a risalire a luglio – in parte in risposta agli acquisti guidati dal governo – per poi crollare nuovamente quando i grandi allevatori di suini quotati in borsa, tra cui Muyuan e New Hope, hanno deciso di non ridurre la capacità nonostante la più ampia debolezza della domanda.

I grandi produttori in genere riducono la produzione vendendo scrofe da riproduzione e acquistando meno suinetti da allevare fino a quando la domanda non spinge nuovamente i prezzi verso l’alto. Ma i prezzi dei suinetti cinesi sono scesi solo del 10% rispetto a un anno fa, suggerendo che la domanda di suini giovani rimane relativamente forte nonostante i prezzi delle carni suine siano scesi molto di più.

Gli analisti hanno affermato che questa strategia ha dato i suoi frutti lo scorso anno, quando la ripresa dei prezzi della carne suina nel quarto trimestre – quando la Cina ha posto fine alle dure restrizioni zero-Covid – ha infine aiutato i principali produttori ad aumentare i ricavi a scapito degli allevatori più piccoli, che sono stati costretti a uscire dal mercato.

Darin Friedrichs, direttore delle ricerche di mercato presso Sitonia Consulting a Shanghai, ha affermato che i grandi produttori cinesi di carne suina hanno adottato la stessa strategia quest’anno, ma non ci sono segnali di un imminente rimbalzo della domanda nel quarto trimestre.

“Sembra che stiano cercando di resistere di nuovo”, ha detto Friedrichs. “Ma alcuni [pork producers] vendono filiali o costringono i dirigenti a riacquistare azioni. Ciò indica che c’è una maggiore pressione finanziaria su di loro”.

Muyuan, il più grande allevatore di suini del mondo, è in calo di oltre il 20% quest’anno, anche dopo che i dirigenti hanno annunciato il mese scorso un riacquisto di azioni del valore di circa 1 miliardo di Rmb (137 milioni di dollari). Recentemente l’azienda è stata costretta ad annullare una prevista vendita di azioni a Zurigo, imputando a non meglio specificati “fattori oggettivi”, in un documento depositato alla Borsa di Shenzhen.

“Parte del problema è che molte di queste grandi aziende hanno, in un certo senso, accettato il ciclo di espansione e recessione”, ha affermato Friedrichs. “E pensano di essere più bravi dei loro concorrenti a giocarci.”