Sab. Lug 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il capo della BP Murray Auchincloss ha respinto le speculazioni secondo cui la major britannica dell’energia potrebbe diventare un obiettivo di acquisizione nel mezzo di un’ondata di consolidamento nel settore del petrolio e del gas mentre ha difeso la performance della società nonostante un forte calo dei profitti del terzo trimestre.

Auchincloss, che è stato nominato amministratore delegato ad interim a settembre dopo che Bernard Looney si è dimesso a causa delle sue passate relazioni sentimentali con i colleghi, ha detto che BP è concentrata sulla sua strategia e non è preoccupata che le recenti acquisizioni multimiliardarie di ExxonMobil e Chevron possano incoraggiare un rivale più grande a fare un offerta per 110 miliardi di dollari BP.

“Non mi sento vulnerabile, anzi mi sento abbastanza fiducioso”, ha detto Auchincloss, sottolineando che, nonostante lo sconvolgimento della leadership, BP veniva scambiata a un multiplo di utili simile a quello dei concorrenti europei e aveva iniziato a colmare il divario di valutazione con i rivali statunitensi rispetto a negli ultimi 12 mesi.

L’acquisizione da 60 miliardi di dollari di Pioneer Natural Resources da parte di Exxon all’inizio di ottobre, seguita due settimane dopo dall’accordo da 53 miliardi di dollari di Chevron per l’operatore statunitense Hess, ha scatenato previsioni da parte di analisti e intermediari di ulteriori transazioni mentre i produttori rivali cercano di guadagnare scala.

Tuttavia, Auchincloss ha aggiunto che la BP non seguirà Exxon e Chevron nemmeno nell’acquisire ulteriore produzione di petrolio. “Non ho bisogno di più risorse negli Stati Uniti e ora non sarebbe il momento di farlo perché preferirei agire in modo anticiclico [and buy when oil prices are low],” Egli ha detto.

Auchincloss ha parlato martedì al MagicTech mentre la BP ha riportato utili sottostanti di 3,3 miliardi di dollari, deludendo le aspettative del mercato di 4 miliardi di dollari e in calo rispetto agli 8,2 miliardi di dollari dell’anno precedente. Le azioni BP sono scese del 3% a 509,60p nella tarda mattinata di Londra.

Nonostante il calo dei profitti rispetto ai livelli record raggiunti lo scorso anno, Auchincloss ha registrato una forte performance operativa nel terzo trimestre, con una produzione di petrolio e gas superiore del 3% rispetto allo scorso anno e costi di produzione inferiori del 6%.

“Nel complesso la compagnia stava operando molto bene e l’incidente era isolato dal commercio di gas”, ha detto.

Gli elevati livelli di stoccaggio del gas negli Stati Uniti e in Europa hanno ridotto la volatilità dei prezzi rispetto alla prima metà dell’anno, limitando le opportunità commerciali per la divisione gas della BP, ha affermato.

In una battuta d’arresto per le sue ambizioni nell’eolico offshore negli Stati Uniti, BP ha registrato una svalutazione di 540 milioni di dollari su due progetti al largo della costa di New York dopo che le autorità hanno respinto la sua richiesta di rinegoziare i termini del relativo accordo di acquisto di energia a causa di costi più elevati e ritardi nelle autorizzazioni.

BP e il suo partner Equinor stanno ancora valutando l’impatto della decisione, ha affermato Auchincloss, aggiungendo che BP è rimasta impegnata nell’eolico offshore, in particolare in bacini come il Regno Unito e la Germania dove può utilizzare l’elettricità per fornire le proprie strutture e le reti di ricarica.

La BP ha continuato con il suo programma di riacquisto di azioni proprie, annunciando l’intenzione di riacquistare altri 1,5 miliardi di dollari di azioni. La società si è impegnata a utilizzare il 60% del surplus di cassa del 2023 per i riacquisti.

La BP, come i suoi rivali, ha utilizzato i profitti record degli ultimi 18 mesi per riacquistare miliardi di dollari di proprie azioni, che la società considera sottovalutate. Ha lasciato invariato il dividendo dopo averlo aumentato nel secondo trimestre.

Il consiglio di amministrazione della BP, guidato dal presidente Helge Lund, ha lanciato la ricerca per un sostituto permanente per Looney. Auchincloss, che era direttore finanziario sotto Looney, è un potenziale candidato, così come lo sono diverse donne senior della BP. La BP non ha mai avuto un amministratore delegato donna.

“Helge non ha guidato la sequenza temporale, quindi continuiamo a concentrarci solo sui lavori giornalieri”, ha affermato Auchincloss.