Dom. Lug 14th, 2024
Il destino del dollaro dipende dalle elezioni americane

Sblocca gratuitamente la newsletter del conto alla rovescia per le elezioni americane

Il destino del dollaro – come di molte altre cose – dipende dall’esito del voto presidenziale americano di novembre. Su questo sono tutti d'accordo. Semplicemente non sono d'accordo sulla direzione della svolta.

Le implicazioni di una vittoria per i democratici sono relativamente non controverse. Il dollaro è stato forte negli ultimi anni perché il presidente Joe Biden ha sostenuto una forte dose di stimolo fiscale, liberando al contempo la Federal Reserve per aumentare i tassi di interesse in risposta all'inflazione. Questo mix di politiche fiscali accomodanti e politiche monetarie restrittive ha creato una valuta forte, come prevedono i libri di testo.

Ma con il deficit di bilancio già ampio e il debito pubblico salito a livelli che molti americani trovano allarmanti, un Biden rieletto, o una vittoria per un sostituto tra i democratici se si dimette dopo il dibattito della scorsa settimana, avrebbe meno margine di manovra fiscale. Nel frattempo, la Fed sarebbe in grado di abbassare i suoi tassi di interesse mentre l'inflazione si ritira ulteriormente, come presumibilmente accadrà. Quindi, il mix di politiche sarebbe meno positivo per il dollaro in un secondo mandato di Biden. Ciò non preannuncia affatto una crisi del dollaro, ma è una ricetta per un biglietto verde un po' più debole.

Infine, l'amministrazione Biden è stata attenta a collaborare con gli alleati quando ha imposto sanzioni finanziarie alla Russia. Quindi la sua militarizzazione del dollaro non ha portato a una diversificazione delle riserve diffusa che potrebbe indebolire la valuta. La cooperazione significa che altri paesi potenzialmente presi di mira dalle sanzioni non hanno avuto dove andare.

Le conseguenze valutarie di un secondo mandato presidenziale per Donald Trump sono più difficili da prevedere. È allettante estrapolare dal passato, come ha fatto un team di analisti di Citi all'inizio di quest'anno. Il dollaro si è ripreso di circa il 5 percento dopo la sorprendente vittoria di Trump nel 2016, osservano. È sceso di una quantità simile intorno al periodo della sua sconfitta elettorale nel 2020. Su queste basi, è allettante pensare che una vittoria di Trump nel 2024 si tradurrebbe di nuovo in un dollaro più forte.

In effetti, Trump potrebbe benissimo pianificare ulteriori tagli fiscali per le imprese e i ricchi. È meno probabile che sia critico nei confronti del debito e dei deficit quando ne è l’autore. E abbiamo visto come la politica fiscale espansiva possa essere positiva per il dollaro.

Allo stesso modo, anche le nuove tariffe sulle importazioni, nonostante i loro costi, probabilmente sosterranno il dollaro. Le tariffe rendono le importazioni più costose. Inducono i consumatori a spostare la loro spesa verso i beni nazionali, facendo aumentare anche i loro prezzi. La Fed è portata a rispondere all'inflazione risultante aumentando nuovamente i tassi, il che rafforzerebbe il dollaro. Un tasso di cambio del dollaro più forte spingerebbe i prezzi delle importazioni di nuovo verso il basso, almeno in parte, aiutando la banca centrale a raggiungere il suo obiettivo disinflazionistico.

Ma si possono anche immaginare altri scenari. Trump, che si è dichiarato un uomo a basso tasso di interesse, potrebbe fare pressione sulla Fed affinché non reagisca in questo modo. Il risultato, un'inflazione sostenuta, sarebbe negativo per il dollaro. I consiglieri di Trump hanno già proposto di cambiare la posizione legale, il mandato o le procedure della Fed per obbligarla a consultarsi con il presidente o addirittura a prendere ordini di marcia da lui. In ogni caso, a maggio 2026, Trump, in quanto presidente, avrebbe la semplice opzione di nominare un presidente della Fed più compiacente. Presumibilmente lo farebbe, avendo imparato da quello che descrive come il suo “errore” di scegliere Jay Powell, che ha prestato giuramento nel 2018.

Inoltre, circolano voci secondo cui influenti consiglieri di Trump stiano tramando per un dollaro più debole. Hanno visto come la forza della valuta abbia compensato l'impatto sulla bilancia commerciale delle tariffe imposte nel primo mandato di Trump. Sembrano impegnati a impedire che ciò accada di nuovo.

È probabile che sostengano ulteriori sanzioni contro i paesi che non impediscono alle loro valute di scendere rispetto al dollaro. Possono citare il Plaza Accord del 1985 come un esempio di come i governi stranieri possano essere spinti dagli Stati Uniti ad adottare politiche di rafforzamento del tasso di cambio. Un’altra idea è una tassa sugli acquisti esteri di asset statunitensi per impedire che tali investimenti esteri sostengano il biglietto verde a livelli elevati.

È discutibile se queste misure dubbie riusciranno effettivamente a raggiungere il loro obiettivo di rafforzare la posizione competitiva della produzione manifatturiera statunitense. Una tassa sul capitale estero che scoraggi gli investimenti negli Stati Uniti non renderebbe l'economia americana più competitiva. Minacciare i paesi con più tariffe se le loro valute non scendono potrebbe avere solo l'effetto indesiderato di rafforzare ulteriormente il dollaro. Ma, dubbie o meno, queste misure non possono essere escluse.