Mar. Giu 18th, 2024
Il lavoro dovrebbe infrangere le regole fiscali per finanziare la transizione energetica, afferma Greenpeace

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il partito laburista dovrebbe infrangere le sue regole fiscali per consentire prestiti sulla scala necessaria per finanziare la crescita verde e risolvere la sua posizione “ipocrita” sulle licenze di petrolio e gas, ha detto il co-responsabile di Greenpeace UK.

La cancelliera ombra Rachel Reeves ha promesso di prendere prestiti solo per investire e si è impegnata a raggiungere l'obiettivo del primo ministro Rishi Sunak di far crollare il debito nazionale se il partito laburista salisse al potere.

Quando è stato chiesto se il Labour dovesse infrangere le sue regole per spendere di più nella transizione verde, Areeba Hamid, direttore esecutivo congiunto dell'organizzazione, ha detto: “Sì. . . perché le regole sono state pensate in un momento in cui la situazione economica era molto diversa.

“Infrangere queste regole fiscali, a mio avviso, significa investire in un’economia che al momento è stagnante. Si tratta di riportarlo in vita”, ha detto al MagicTech.

All’inizio di quest’anno, il partito laburista ha tagliato il suo impegno annuale di spesa verde di 28 miliardi di sterline, che sarebbe stato interamente finanziato dal debito, a 4,7 miliardi di sterline all’anno, a causa delle preoccupazioni sulle finanze pubbliche limitate.

Questa settimana Sunak ha indetto le elezioni generali per il 4 luglio, mentre i conservatori sono dietro ai laburisti di 21 punti nei sondaggi d'opinione nazionali.

Hamid ha sostenuto che l’allentamento dei vincoli fiscali consentirebbe ai laburisti di investire di più nel sostenere i lavoratori del settore petrolifero e del gas nella riqualificazione e nella ricerca di nuovi posti di lavoro. Il partito ha promesso di non concedere nuove licenze per l’esplorazione dei combustibili fossili nel Mare del Nord.

L’avvertimento secondo cui il partito laburista avrebbe onorato le licenze esistenti di petrolio e gas era “ipocrita”, ha detto Hamid. “Se sei seriamente intenzionato a raggiungere il tuo obiettivo climatico, non puoi andare avanti con Rosebank”, ha osservato, riferendosi al più grande giacimento di petrolio e gas non sviluppato nel Mare del Nord.

Il partito laburista ha rifiutato di fornire una risposta ufficiale alle critiche di Hamid, ma un funzionario ha difeso la decisione del partito di bloccare solo le nuove licenze per i combustibili fossili nel Mare del Nord, sostenendo che bloccare quelle esistenti minerebbe la fiducia degli investitori nel Regno Unito.

“Sarebbe ingiusto nei confronti degli investitori che hanno assunto grandi impegni finanziari nei confronti di . . . retrospettivamente disonorali”, hanno detto.

Nell’ambito del suo piano di spesa, il partito laburista ha promesso di creare una nuova società di energia pulita di proprietà pubblica, pagata da una tassa sul settore del petrolio e del gas, e di spendere milioni di sterline per la creazione di posti di lavoro per sostenere un’economia verde.

I conservatori, nel frattempo, hanno attaccato i laburisti dalla direzione opposta, affermando che sarebbe “follia” lasciare la Gran Bretagna più dipendente dai combustibili fossili importati, che genererebbero maggiori emissioni di CO₂. L’anno scorso i ministri conservatori avevano promesso di “massimizzare” le riserve del Mare del Nord.

Greenpeace ha anche affermato che porterà in tribunale il governo laburista se dovesse portare avanti lo sviluppo di Rosebank sulla base del fatto che la decisione di farlo è incompatibile con gli obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra, basandosi sulla sua sfida legale esistente.

Hamid ha detto che i piani elettorali dell'organizzazione si adatterebbero ad un governo di sinistra, data la “musica d'atmosfera”. [on climate] cambierà enormemente”. “Non abbiamo fretta di scalare il tetto di nessuno”, ha detto.

Gli attivisti di Greenpeace hanno suscitato preoccupazione per la sicurezza dei politici la scorsa estate quando sono saliti sulla villa di Sunak nel North Yorkshire per protestare contro il suo sostegno alle trivellazioni di petrolio e gas.

Hamid ha anche risposto all’azione legale intentata contro l’organizzazione da parte delle società di combustibili fossili di cui ha criticato le attività di estrazione.

Shell sta chiedendo più di 1 milione di dollari di danni e spese legali a Greenpeace, dopo che i manifestanti hanno occupato la piattaforma petrolifera galleggiante della compagnia lo scorso anno, in un caso iniziato venerdì presso la Corte dell'Ammiragliato inglese.

“I guanti sono tolti. Essi [Shell] hanno deciso da che parte della storia stare e questa chiarezza è stata molto utile per la nostra campagna”, ha detto Hamid.

Shell ha dichiarato: “Il diritto di protestare è fondamentale e Shell lo rispetta assolutamente, ma deve essere fatto in modo sicuro e legale”.

Da novembre Greenpeace ha raccolto più di 1 milione di dollari in donazioni per finanziare la sua difesa.