Gio. Giu 13th, 2024
Misurare la temperatura del tuo portafoglio verde

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Sai quanto è interessante il tuo portafoglio? Saresti perdonato se non sapessi cosa significa. Si riferisce alla pratica alla moda di capire se le società in cui si investe raggiungeranno o meno gli obiettivi di riscaldamento globale.

Non sorprende inoltre che i portafogli spesso non siano in linea con l’obiettivo di evitare un aumento della temperatura media mondiale superiore a 1,5 gradi Celsius.

Anche il fondo pensione governativo giapponese (GPIF), il più grande al mondo e uno che prende sul serio gli investimenti sostenibili, prevede un aumento della temperatura implicito di 2,5-2,6 gradi.

Calcolare e cercare di ridurre il calore nel proprio portafoglio sembrerebbe un modo ragionevole per misurare i progressi come investitore sostenibile. Ma ci sono alcuni grossi difetti in questo approccio.

Innanzitutto, come stanno effettuando questo calcolo gli investitori? Molti si affidano una metodologia inventato dal fornitore di indici MSCI chiamato “aumento implicito della temperatura”. Questo calcola il budget di carbonio rimanente per il mondo per prevenire un aumento della temperatura di oltre 1,5 gradi e assegna questo budget a 12.000 aziende pubbliche su base ponderata, in base all’entità dei loro ricavi.

Uno strumento sul loro sito Web può quindi essere utilizzato per cercare varie aziende. L’aumento di temperatura implicito di Exxon è superiore a 3,2, collocandola nella peggiore categoria di “fortemente disallineati” – senza grandi sorprese in questo senso. Ørsted, una società energetica che ha fatto una svolta decisiva verso le energie rinnovabili, si piazza a 1,6. Tesla, l'azienda di veicoli elettrici, è in linea con l'obiettivo di 1,5. L’aumento della temperatura implicito di British American Tobacco è di soli 1,3 gradi, a ricordare che investimento sostenibile ed etico non sono sinonimi.

Mi sono divertito molto a giocare con questo, e se avessi un portafoglio di azioni dirette sarebbe abbastanza semplice capire quanto fosse “caldo”.

Ma quando si guarda come viene calcolato l’aumento della temperatura implicito, non si tratta di una misura rigorosamente scientifica. Si fanno varie ipotesi.

La raccolta dei dati è un problema. Nel Regno Unito, le grandi aziende sono tenute a divulgare le proprie emissioni di ambito 1 e ambito 2, ma non le emissioni di ambito 3. Si tratta di quelli prodotti nelle loro catene di fornitura, che spesso rappresentano la maggior parte dell'impronta di carbonio di un'azienda.

Le aziende statunitensi non sono affatto obbligate a rendere pubbliche le emissioni, anche se la nuova regolamentazione sta per cambiare la situazione.

Questi dati dubbi significano che chiunque cerchi di calcolare l’impronta di carbonio di un’azienda dovrà fare alcune ipotesi plausibili. Calstrs, uno dei piani pensionistici più grandi del mondo, ha recentemente avuto grattacapi quando ha affermato di non poter dire con precisione quale fosse la sua impronta di carbonio nel 2023, in parte a causa di “dati significativi e problemi di calcolo”.

Capire quanto è interessante il tuo portafoglio implica anche esaminare gli obiettivi di emissioni di carbonio fissati da un’azienda. Idealmente, un’azienda avrà un obiettivo di zero emissioni nette per il 2050, ma anche una sorta di obiettivo significativo a breve termine anche per il 2030. Gli obiettivi net-zero da soli a 26 anni nel futuro sono sempre più visti con sospetto. MSCI afferma che oltre ad analizzare gli obiettivi di emissioni di un’azienda effettua una “analisi di credibilità” – che almeno sembra che sia incorporato un sano grado di scetticismo.

Ma ci sono altri problemi: la ponderazione del budget di carbonio di un’azienda (quelle con maggiori ricavi ottengono un budget maggiore) porta ad alcuni risultati controintuitivi. L’aumento di temperatura implicito di Amazon è di 2,6°C, più di quello del gigante petrolifero BP di 2,5°C, per esempio.

Il punto più ampio è se abbia senso capire quanto è interessante il tuo portafoglio. Un portafoglio più interessante potrebbe significare che ti stai perdendo la transizione energetica. Potrebbe anche significare che stai investendo con gestori di fondi che scelgono di non impegnarsi con le società in cui investono e li spingono a fissare obiettivi migliori. Una società interessante quest'anno potrebbe diventare una società molto più interessante nel giro di un anno se avesse coinvolto gli azionisti.

Il GPIF giapponese, ad esempio, afferma di favorire questo tipo di impegno attivo con le società in cui investe, il che significa che potrebbe scegliere ora le società più calde nella speranza di convincerle a essere più cool. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui l’aumento della temperatura implicito nel GPIF sembra elevato per un investitore attento al cambiamento climatico.

I professionisti impegnati nel tentativo di far sì che le aziende riducano la propria impronta di carbonio sono più propensi a voler utilizzare questo tipo di cifre perché hanno bisogno di una certa responsabilità; un qualche modo di misurare le cose.

E per molti investitori al dettaglio sembra una bella idea. Uno studio condotto lo scorso anno da Kana Earth ha rilevato che il 69% degli investitori al dettaglio voleva che i propri gestori di fondi dichiarassero l’impronta di carbonio del proprio portafoglio, anche se potrebbero non sapere quanto sia inesatta una scienza.

In definitiva, nel tentativo di calcolare una temperatura esatta per il tuo portafoglio dovrai fare alcune ipotesi, alcune delle quali si appoggiano più a cose da dito nell'aria che a quelle scientificamente misurabili. Ciò potrebbe essere accettabile per alcune persone. Potrebbero divertirsi cercando di perfezionare il calcolo e spostare il quadrante verso la scienza. Se ti piacciono le cifre e ritieni che sia motivante misurare le prestazioni in questo modo, provaci.

Per il resto di noi, c'è la prova dell'annusata. Non hai bisogno di un'analisi completa per capire se le tue partecipazioni petrolifere stanno aumentando la temperatura del tuo portafoglio. Una delle decisioni più importanti che un investitore sostenibile deve prendere è se disinvestire o impegnarsi. Se abbandoni tutte le tue tradizionali partecipazioni energetiche – se non riesci a sopportare il caldo – il tuo portafoglio sarà più fresco. Ma se scegli le società per le quali prevedi di votare alle assemblee degli azionisti, o i gestori di fondi con un buon record di voto, potresti avere un impatto maggiore, anche se il tuo portafoglio è più interessante. Alcuni di noi preferiscono restare in cucina.

Alice Ross è la redattrice ad interim delle notizie di economia internazionale del FT. X: @aliceemross