Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I militanti Houthi hanno promesso di reagire agli attacchi militari statunitensi e britannici nello Yemen, allontanando i principali operatori mondiali di petroliere dalla rotta commerciale critica del Mar Rosso.

Venerdì i prezzi del petrolio sono balzati brevemente sopra gli 80 dollari al barile per la prima volta nel 2024, dopo che gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno colpito obiettivi a seguito di oltre 25 attacchi da parte di militanti Houthi alle navi da novembre.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha affermato che gli attacchi, che hanno coinvolto missili statunitensi e quattro caccia Typhoon della RAF, sono “necessari e proporzionati” poiché gli attacchi Houthi hanno messo a rischio la vita di marinai commerciali, hanno preso di mira navi da guerra statunitensi e britanniche e hanno fatto salire i prezzi delle materie prime.

I commercianti di energia hanno avvertito che potrebbero verificarsi prezzi più alti poiché il conflitto derivante dalla guerra tra Israele e Hamas minaccia di intensificarsi nella regione più ampia e causare ulteriori interruzioni nelle catene di approvvigionamento.

L’Associazione internazionale dei proprietari indipendenti di navi cisterna (Intertanko), che rappresenta quasi il 70% di tutte le navi cisterna per petrolio, gas e prodotti chimici commerciate a livello internazionale, venerdì ha avvertito i membri di “stare lontani” dallo stretto di Bab al-Mandab per la prima volta.

Il leader Houthi Abdul-Malik Badr al-Din al-Houthi aveva messo in guardia dall’aumento degli attacchi, affermando in un video pubblicato su X che sarebbero stati più significativi di quelli “recentemente effettuati”, quando più droni e missili hanno preso di mira navi da guerra statunitensi e britanniche.

Alcuni dei più grandi operatori di navi cisterna del mondo hanno confermato che eviteranno la regione, in una mossa che potrebbe aggiungere tempi e costi significativi alle spedizioni dal Medio Oriente all’Europa mentre le navi cambiano rotta intorno all’Africa.

Mentre circa il 91% del traffico di navi portacontainer stava già evitando di passare dallo Yemen, i caricatori di petrolio erano stati fino ad ora più disposti a utilizzare la rotta, con gli analisti che calcolavano che i viaggi delle petroliere fossero diminuiti di meno di un quinto prima di venerdì.

Intertanko ha affermato che il “periodo di minaccia” per la spedizione potrebbe durare diversi giorni, se non di più.

L’ufficio per le operazioni commerciali marittime del Regno Unito con sede a Dubai, che fornisce consulenza sulla sicurezza, ha segnalato un tentativo di attacco a una nave venerdì pomeriggio e numerosi incidenti di piccole imbarcazioni che si avvicinavano a navi mercantili.

L’ufficio ha detto che un missile è stato lanciato contro una nave nel Golfo di Aden, 90 miglia nautiche a sud-est di Aden. L’area è più a sud rispetto al luogo dei precedenti attacchi.

Il greggio Brent, il punto di riferimento del petrolio internazionale, è aumentato del 4,3% a 80,75 dollari al barile, il livello più alto finora nel 2024, prima di rallentare leggermente.

“La questione chiave è se questa azione militare ben telegrafata raggiungerà l’obiettivo prefissato da Washington di ridurre i rischi nel Mar Rosso o espandere questa guerra di tre mesi”, ha affermato Helima Croft, ex analista della CIA presso RBC Capital Markets.

Bob McNally, fondatore di Rapidan Energy ed ex consigliere della Casa Bianca di George W. Bush, ha affermato di aver calcolato che i prezzi del petrolio potrebbero aumentare di circa il 15% se il conflitto mostrasse ulteriori segni di espansione. “Una possibile escalation tra Israele e Hezbollah, principale rappresentante dell’Iran in Libano, è un rischio di contagio iraniano ancora sottovalutato”, ha affermato McNally.

La diversione delle navi portacontainer ha già causato problemi all’industria europea, con Tesla che venerdì ha confermato di aver sospeso le operazioni nel suo stabilimento di produzione di auto elettriche in Germania a causa di ritardi nella ricezione dei pezzi. Alcuni produttori ricorrono al trasporto aereo per le parti critiche.

I timori di un’interruzione prolungata hanno spinto i costi di spedizione dei container ai livelli più alti al di fuori della pandemia di coronavirus. Il costo medio per spostare un container da 20 piedi da Shanghai a Rotterdam è aumentato dell’8% questa settimana ed è più che raddoppiato da dicembre fino a raggiungere i 3.103 dollari.

Le aziende hanno sottolineato, tuttavia, che, sebbene doloroso, l’aumento dei costi di spedizione non è affatto così grave come durante la pandemia, quando le interruzioni della catena di approvvigionamento li hanno portati fino a 20.000 dollari per container sulla rotta dalla Cina all’Europa, contribuendo ad alimentare l’inflazione a livello globale.