Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Morgan Stanley ha accettato di pagare 249 milioni di dollari per risolvere le indagini federali di lunga durata sulla cattiva condotta nella sua attività di block trading, poiché uno dei suoi ex principali banchieri di investimento ha ammesso di aver divulgato informazioni riservate ai clienti.

Venerdì, la Securities and Exchange Commission ha accusato di frode la banca e l’ex capo del suo desk per il sindacato azionario statunitense, Pawan Passi. Nell’ambito di un’indagine criminale parallela l’istituto di credito di Wall Street ha inoltre stipulato un accordo di non perseguibilità triennale con la procura americana a Manhattan.

“I venditori hanno affidato a Morgan Stanley e Passi informazioni rilevanti non pubbliche riguardanti imminenti operazioni di blocco con la piena aspettativa e la consapevolezza che le avrebbero mantenute riservate”, ha affermato il presidente della SEC Gary Gensler. “Invece [they] hanno abusato di tale fiducia facendo trapelare le stesse informazioni e utilizzandole per posizionarsi davanti a tali operazioni.

Gurbir Grewal, direttore delle forze dell’ordine presso la SEC, ha aggiunto che Morgan Stanley ha infranto le regole “per mitigare il proprio rischio, ottenere più affari nel commercio di blocchi e generare oltre cento milioni di dollari di profitti illeciti”.

La transazione totale di 249 milioni di dollari include 153 milioni di dollari di sanzioni da parte del Dipartimento di Giustizia.

“[W]Sebbene molti fattori abbiano pesato a favore di Morgan Stanley, inclusa la cooperazione straordinaria e le azioni correttive, la cattiva condotta non è stata scoperta e divulgata volontariamente”, ha affermato Damian Williams, procuratore statunitense per il distretto meridionale di New York, in una nota. L’indagine del governo “serve a ricordarci che stiamo osservando”, ha aggiunto.

La risoluzione risolve uno dei principali problemi che il nuovo amministratore delegato Ted Pick, succeduto a James Gorman all’inizio del mese, deve affrontare.

Morgan Stanley è sotto indagine da parte della SEC dal 2019 per la sua gestione delle transazioni in blocco – un business redditizio che la banca ha dominato per anni -, mentre l’ufficio della procura statunitense a Manhattan ha avviato un’indagine simile nel 2021.

Le operazioni in blocco sono vendite in blocco di azioni eseguite da una banca di investimento, normalmente per un cliente, che tendono ad essere abbastanza grandi da muovere i mercati.

Prima di una potenziale operazione, i banchieri spesso parlano con i potenziali acquirenti per avere un’idea dell’interesse del mercato per un determinato titolo, a volte condividendo i dettagli dell’operazione in base a un accordo di non divulgazione e altre volte utilizzando termini codificati progettati per mascherare la società coinvolta.

La pratica di “attraversare il muro” per parlare con gli acquirenti è irta del rischio che altri investitori inizino a negoziare sulle informazioni. La SEC aveva chiesto informazioni a una serie di banche sulle loro comunicazioni con una serie di acquirenti, compresi gli hedge fund.

La SEC ha inflitto a Passi una sanzione civile di 250.000 dollari e gli ha impedito di lavorare nel settore. Ha ammesso la cattiva condotta e ha concordato un accordo di differimento del procedimento giudiziario con il procuratore americano, soggetto all’approvazione del tribunale. Eviterà il procedimento penale se dimostrerà un buon comportamento durante il periodo di tale accordo.

“Siamo lieti di risolvere queste indagini e siamo fiduciosi nei miglioramenti che abbiamo apportato ai nostri controlli sul block trading, compreso il rafforzamento delle nostre politiche, procedure, formazione e sorveglianza”, ha affermato Morgan Stanley in una nota.

Un avvocato che rappresenta Passi, James Cavoli, ha detto di essere contento che il DoJ abbia accettato di non perseguire una condanna penale.

“Gli accordi consentono al signor Passi e alla sua famiglia di superare due anni molto difficili di intenso controllo da parte del governo sulle pratiche di scambio di blocchi a Wall Street”, ha detto Cavoli.

Secondo il DoJ, Passi “ha promesso ai venditori di alcuni blocchi azionari che Morgan Stanley avrebbe mantenuto riservate le informazioni riguardanti le loro potenziali vendite, sapendo che avrebbe rivelato tali informazioni agli investitori buyside e che quegli investitori avrebbero utilizzato le informazioni per effettuare operazioni prima del blocco saldi”. Passi è stato messo in congedo nel 2021 e ha lasciato la banca alla fine del 2022.

L’anno scorso, la banca ha avvertito di dover affrontare anche una potenziale responsabilità civile derivante da azioni legali degli investitori per le accuse di aver causato il calo dei prezzi delle azioni prima di eseguire operazioni in blocco.

Martedì Morgan Stanley pubblicherà i risultati dell’intero anno.