Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Buongiorno. L’entusiasmo dei gestori patrimoniali per l’attivismo degli azionisti sui temi ambientali e sociali è stato, nella migliore delle ipotesi, gelido lo scorso anno, come esplorerò di seguito.

E ci sono tutti i segnali che questa più ampia diffidenza nei confronti di essere pubblicamente collegati al movimento per un “capitalismo più pulito” è destinata a continuare, almeno negli Stati Uniti. I lanci di fondi che rivendicavano caratteristiche ambientali, sociali o governative si sono quasi esauriti negli ultimi sei mesi. Solo sei fondi che citano fattori ESG lanciati nella seconda metà del 2023 rispetto ai 55 della prima metà, riferisce il mio collega Will Schmidt. — Kenza Bryan

I gestori finanziari ritirano il sostegno alle proposte degli azionisti in materia di clima e sociale

Cosa spinge realmente la riluttanza dei gestori patrimoniali a mettere la testa al di sopra del parapetto sulla questione degli investimenti più puliti ed ecologici?

Secondo il gruppo di difesa ShareAction, i manager con grandi capitali che hanno fatto promesse esplicite di raggiungere emissioni nette pari a zero rischiano di sembrare ipocriti in mezzo a un calo “catastrofico” del sostegno alle risoluzioni degli azionisti sul cambiamento climatico e sulle questioni sociali.

Appena 3 per cento delle 257 risoluzioni su questioni ambientali e sociali esaminate lo scorso anno hanno ottenuto il sostegno della maggioranza, in parte a causa del calo del sostegno da parte dei gestori patrimoniali statunitensi. Questa percentuale è scesa rispetto al 14% nel 2022 e al 21% nel 2021. Il numero totale di proposte incentrate su temi sociali e ambientali e che ShareAction ha ritenuto credibili, tuttavia, è aumentato ogni anno con 146 nel 2021 e 252 nel 2022.

Claudia Gray, responsabile della ricerca sul settore finanziario presso ShareAction, ha affermato che si tratta del “peggior risultato che abbiamo visto dai gestori patrimoniali negli ultimi anni” e che è “profondamente preoccupante”.

BlackRock, Fidelity, Vanguard e State Street – i quattro maggiori player del settore per asset gestiti – sono stati tra i più riluttanti a sostenere le proposte. I giganti statunitensi hanno sostenuto solo il 14% delle risoluzioni ambientali, rispetto al 39% di due anni fa, e solo il 13% delle proposte incentrate su questioni sociali, contro il 29% di due anni fa.

Secondo ShareAction, almeno altre 69 risoluzioni lo scorso anno sarebbero state approvate se questi quattro gestori patrimoniali le avessero sostenute.

Queste includono una risoluzione di Amazon che chiede una valutazione dei diritti dei lavoratori e un’altra che chiede alla banca statunitense Citigroup di riferire su come considera i diritti delle popolazioni indigene nei suoi finanziamenti.

ShareAction sottolinea che poche proposte erano particolarmente impegnative lo scorso anno: tre quarti delle risoluzioni trattate nel rapporto chiedevano una maggiore divulgazione di dati, piuttosto che cambiamenti nel modo in cui opera un’azienda.

Azionista ambientale o sociale

Ma i gestori patrimoniali sostengono che le richieste degli azionisti attivisti, anche in materia di divulgazione, stanno diventando più stridenti e potrebbero danneggiare il valore degli azionisti. Una delle poche proposte approvate prevedeva che Starbucks conducesse una valutazione indipendente del suo impegno nei confronti dei diritti dei lavoratori, esercitando pressioni sull’azienda affinché fornisse la prova di non avere un “programma anti-sindacale”.

“Nel 2023, poiché molte proposte erano eccessive, prive di valore economico o semplicemente ridondanti, difficilmente avrebbero contribuito a promuovere il valore per gli azionisti a lungo termine e hanno ricevuto meno sostegno dagli azionisti, tra cui BlackRock, rispetto agli anni passati”, ha affermato il gestore patrimoniale. in una dichiarazione.

Un divario geografico nei modelli di voto suggerisce anche che il clima politico di ciascuna regione potrebbe aver avuto un ruolo nell’influenzare i gestori patrimoniali a sostenere o fare marcia indietro rispetto alle proposte.

In Europa e nel Regno Unito, ci si aspetta sempre più che le istituzioni finanziarie rendano pubblici gli impatti ambientali e sociali dei loro investimenti, mentre negli Stati Uniti, al contrario, i politici repubblicani hanno criticato le istituzioni finanziarie per essere troppo esplicite sulle questioni ESG.

Affinché le rivendicazioni ambientali e sociali dei gestori patrimoniali globali abbiano credibilità, “devono votare a favore di più risoluzioni sociali e ambientali”, ha affermato Gray. “Ora stiamo assistendo all’esatto contrario di ciò che sta accadendo”. (Kenza Bryan)

Letture intelligenti

  • Non perdetevi il commovente servizio di David Pilling sui giovani moderatori di contenuti africani che sono stati esposti a immagini orribili prima di essere licenziati in massa da un subappaltatore di Meta.

  • Secondo una nuova analisi, almeno un terzo dei componenti critici per i campi di battaglia importati dalla Russia lo scorso anno sono stati prodotti da aziende con sede negli Stati Uniti o nei suoi alleati.