Gio. Giu 13th, 2024
Il principale gestore del fondo nel caso di frode di Allianz si dichiara colpevole

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il manager principale dello scandalo sui fondi che ha portato a un accordo da 6 miliardi di dollari tra la tedesca Allianz e le autorità statunitensi si è dichiarato colpevole di frode in materia di consulenza per gli investimenti, due anni dopo che altri due manager si erano dichiarati colpevoli per il loro ruolo nel programma.

Lo scandalo avvenuto in una delle sue unità di asset management negli Stati Uniti ha scosso Allianz, uno dei più grandi gruppi assicurativi del mondo, mettendo in dubbio le sue funzioni di controllo e provocando le scuse del suo amministratore delegato.

Gregoire Tournant si è dichiarato colpevole venerdì di due capi d'accusa di frode di consulenti per gli investimenti, ciascuno dei quali comporta una pena massima di cinque anni di prigione, hanno detto le autorità statunitensi.

Tournant è stato l'ex lead manager di una serie di fondi presso Allianz Global Investors che sono stati pubblicizzati come in grado di resistere a un crollo del mercato e hanno accumulato 11 miliardi di dollari al loro apice, prima di subire pesanti perdite nella svendita della pandemia del 2020.

Damian Williams, l'avvocato americano per il distretto meridionale di New York, ha detto che Tournant e gli altri due manager hanno “mentito agli investitori, esponendoli segretamente al rischio e, come Tournant ha ora ammesso, inviato alle vittime rapporti di rischio alterati”.

La dichiarazione di colpevolezza, ha aggiunto, è stata “il culmine di un'indagine e di un procedimento giudiziario pluriennale che ha ritenuto responsabili i trasgressori, ha guarito le vittime e ha dimostrato la determinazione di questo ufficio a perseguire anche il più sofisticato dei crimini finanziari”.

Tournant ha accettato di rinunciare a circa 17 milioni di dollari di risarcimenti pagati e differiti, hanno detto le autorità. La sentenza dovrebbe essere pronunciata a ottobre.

Le autorità hanno affermato che Tournant e gli altri gestori hanno mentito agli investitori sottovalutando i veri rischi assunti dai fondi e sopravvalutando il livello di supervisione.

Secondo la documentazione legale originale, Tournant ha apportato modifiche, inclusa la rimozione di una cifra da una percentuale per ridurre le perdite previste in uno stress test del fondo.

Tournant ha detto a un investitore nel 2014 di avere “dietro di me una delle compagnie assicurative più grandi e conservatrici del mondo che monitora ogni posizione che assumo”. L'indagine del Dipartimento di Giustizia americano ha riscontrato “lacune e debolezze significative” nei controlli dei fondi, ma non ha riscontrato che qualcuno al di fuori del gruppo dei prodotti strutturati fosse a conoscenza della cattiva condotta.

Nella sua denuncia civile di due anni fa, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti sostenne che Tournant aveva esortato uno dei suoi colleghi a fornire una falsa testimonianza e ne aveva incontrato un altro in un cantiere vuoto per discutere come rispondere alle domande degli investigatori.

L'accordo includeva il denaro pagato agli investitori dei fondi. Mentre le autorità di regolamentazione indagavano sulla questione nel 2021, Allianz è stata costretta a mettere in guardia sui profitti non appena il potenziale impatto sugli utili è diventato chiaro, e l’amministratore delegato della compagnia assicurativa Oliver Bäte ha dichiarato all’epoca che la società era “profondamente dispiaciuta” per l’impatto sugli investitori.

Un avvocato di Tournant ha rifiutato di commentare. Allianz ha rifiutato di commentare.