Dom. Lug 14th, 2024
Il progetto di punta sull’idrogeno di Joe Biden deve affrontare una crescente opposizione

Sblocca gratuitamente la newsletter del conto alla rovescia per le elezioni americane

Uno dei progetti di punta dell’amministrazione Biden per ricavare energia dall’idrogeno si trova ad affrontare un futuro incerto a causa della forte opposizione della comunità, sottolineando la difficoltà nell’implementazione di una tecnologia un tempo considerata fondamentale per la transizione verde.

L’Appalachian Regional Clean Hydrogen Hub (ARCH2), che attraversa il prolifico bacino di scisto Marcellus in West Virginia, Ohio e Pennsylvania, è progettato per produrre idrogeno utilizzando principalmente la cattura di gas e carbonio entro la metà del 2030. Ma il progetto da 6 miliardi di dollari, che comprende le società di combustibili fossili EQT, CNX e Marathon Petroleum come sviluppatori, deve affrontare l’opposizione delle comunità locali e dei gruppi ambientalisti sulla sua impronta ambientale e dubbi sulla sua fattibilità commerciale.

Il mese scorso più di 50 gruppi ambientalisti locali hanno sollecitato il Dipartimento dell'Energia a lettera di sospendere le trattative su ARCH2 fino a quando non sarà stata fornita maggiore chiarezza sul progetto.

“Questa è solo l’ultima reinvenzione del [oil and gas] l’industria nel tentativo di rimanere rilevante e riposizionarsi come soluzione a un problema che ha creato, la crisi climatica”, ha affermato Tom Torres, coordinatore della campagna sull’idrogeno per l’Ohio River Valley Institute e uno dei firmatari della lettera.

L’idrogeno pulito è stato pubblicizzato per il suo potenziale nel rendere verdi settori difficili da abbattere come il trasporto marittimo e la produzione di cemento. Le abbondanti risorse di gas a basso costo dell’America l’hanno resa una destinazione attraente per progetti come ARCH2, che utilizzano il gas e la cattura del carbonio, noto anche come idrogeno blu.

Ma il lancio dell’idrogeno blu è controverso perché genera emissioni e si basa sulla tecnologia di cattura del carbonio, che deve ancora essere dimostrata economicamente vantaggiosa su larga scala. Uno studio condotto da ricercatori di Stanford e Cornell ha scoperto che l’impronta delle emissioni dell’idrogeno blu era 20 per cento maggiore che bruciare gas o carbone per riscaldarsi.

I gruppi verdi sostengono che i progetti sull’idrogeno blu forniscono all’industria dei combustibili fossili un’ancora di salvezza e che i fondi dovrebbero invece essere indirizzati verso l’idrogeno verde, che viene prodotto utilizzando energie rinnovabili.

Kat Finneran, dottoranda in geografia di Findlay, Ohio, quartier generale della Marathon Petroleum, ha avvertito che l’hub dell’idrogeno “prolungherebbe le operazioni di fracking per decenni”.

“Non si limita a prolungarli, li convalida e li rende verdi”, ha detto Finneran, che ha anche testimoniato in una sessione di ascolto del Dipartimento dell'Energia a marzo con quasi 200 partecipanti.

Secondo la società di consulenza BloombergNEF, entro il 2030, gli Stati Uniti dovrebbero diventare il più grande produttore mondiale di idrogeno pulito, con l’idrogeno blu che costituirà più di tre quarti della produzione. L’idrogeno verde, generato utilizzando elettricità rinnovabile, costituirà il restante quinto.

Shawn Bennett, leader del progetto ARCH2 ed ex vice segretario aggiunto per il petrolio e il gas sotto l’amministrazione Trump, ha difeso le credenziali ambientali e la fattibilità commerciale dell’hub.

Ha detto che l’hub non “causerà novità [gas] pozzi da pulire” e ha attribuito le resistenze locali a un “malinteso” sullo stadio di sviluppo del progetto. ARCH2 era in trattative con il DOE e non aveva finalizzato i siti per i suoi impianti di idrogeno per avviare un serio impegno a livello comunitario, ha affermato Bennett.

“Invece di finanziare è molto difficile. . . per iniziare a fare promesse e impegni nei confronti delle comunità”, ha affermato Bennett, che ha testimoniato in un’udienza in Pennsylvania il 17 giugno sugli hub dell’idrogeno, dove gruppi ambientalisti e legislatori hanno sollevato preoccupazioni sull’impronta di carbonio dell’idrogeno blu.

Un portavoce del Dipartimento dell’Energia ha affermato che l’idrogeno pulito è “essenziale” per una forte economia basata sull’energia verde e che gli hub dell’idrogeno “aiuteranno a sbloccare il pieno potenziale di questo combustibile versatile”.

L’amministrazione Biden ha fissato l’obiettivo di produrre 10 milioni di tonnellate di idrogeno pulito all’anno entro il 2030, rispetto all’attuale zero e con le stesse dimensioni dell’industria dell’idrogeno “sporco”, che deriva da combustibili fossili e produce una quantità significativa di emissioni.

Le resistenze della comunità hanno afflitto altri progetti sull’idrogeno, con la francese CMG Cleantech che ha spostato il suo parco tecnologico rinnovabile da 113 milioni di dollari nella contea di Osceola, in Florida, in un altro sito dopo che i locali si sono opposti ai suoi piani sull’idrogeno verde. Il trasferimento ha ritardato il progetto di 8 mesi.

Gli analisti affermano che i progetti sull’idrogeno devono affrontare difficoltà per garantire finanziamenti e clienti, con BNEF che stima che solo il 6% dei progetti statunitensi abbiano ottenuto accordi di fornitura vincolanti.

“C'è una reale mancanza di fiducia nella possibilità che ci sarà un vero mercato dell'idrogeno con prezzi competitivi”, ha affermato Elina Teplinsky, partner di Pillsbury Law. “Molte aziende aspettano in disparte prima di fare qualsiasi investimento serio”.

Anche la mancanza di regole finali per il controverso credito d’imposta sulla produzione di idrogeno pulito previsto dall’Inflation Reduction Act ha ostacolato l’implementazione del settore.

A febbraio, tutti e sette gli hub dell’idrogeno hanno scritto una lettera al Tesoro avvertendo che “gli investimenti e i posti di lavoro non si materializzeranno completamente” a meno che le regole non vengano “riviste in modo significativo”.