Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Martedì il Regno Unito confermerà che sta eliminando il limite ai bonus bancari ereditato dall’UE come parte della sua spinta post-Brexit per rilanciare la City di Londra, secondo fonti a conoscenza della situazione.

Segue la mossa una consultazione all’inizio di quest’anno sui piani per abolire una norma del 2014 che limitava i bonus al doppio della retribuzione base per i dipendenti di banche, società di costruzione e società di investimento.

I principali regolatori finanziari del Regno Unito si sono opposti al divieto quando è stato introdotto, e il governo ha affermato che la sua revoca aumenterà la competitività post-Brexit della città.

I capi della finanza in privato hanno accolto con esitazione l’annuncio dell’allora cancelliere Kwasi Kwarteng lo scorso settembre secondo cui il Regno Unito avrebbe abolito la misura, temendo una reazione pubblica. Inizialmente si erano opposti al tetto massimo dei bonus perché li costringeva ad aumentare la retribuzione fissa per trattenere il personale.

Quando l’idea di abolire il tetto fu discussa nel giugno dello scorso anno, il leader laburista Sir Keir Starmer disse che il piano dei conservatori prevedeva “aumenti salariali per i banchieri, tagli salariali per gli infermieri distrettuali”. Ma da allora il partito di opposizione ha intrapreso un’offensiva di fascino per conquistare la City in vista delle elezioni generali previste per il prossimo anno.

Il Tesoro ha rifiutato di commentare l’imminente annuncio, così come la Financial Conduct Authority e la Prudential Regulatory Authority, le autorità di regolamentazione che hanno effettuato la revisione congiuntamente.

L’amministratore delegato della PRA Sam Woods ha affermato nel settembre 2021 che l’autorità di regolamentazione “non è mai stata un grande sostenitore del tetto massimo dei bonus” poiché riduce la flessibilità delle aziende per ridurre i costi durante una recessione.

“Negli ultimi anni, le autorità di regolamentazione ritengono che siano emerse prove sempre più evidenti di conseguenze indesiderate delle norme sulla sicurezza e solidità delle imprese e sulla competitività del Regno Unito”, ha affermato la PRA nella sua consultazione.

Il PRA ha proposto di implementare le modifiche il giorno successivo alla pubblicazione delle nuove regole, il che implica che si applicheranno a partire dal 25 ottobre. Il primo periodo di pagamento ad essere interessato sarà il 2024.

Il tetto massimo ai bonus è stato introdotto nell’UE per porre fine all’era dei bonus illimitati che incentivavano i lavoratori finanziari ad assumersi rischi enormi, visti come una minaccia alla stabilità finanziaria sulla scia del crollo finanziario globale del 2008-2009.

Il Regno Unito ha introdotto altre regole in materia salariale per frenare la minaccia alla stabilità. Questi includono la richiesta di pagare una percentuale di bonus su un certo numero di anni e la possibilità di recuperare i bonus in caso di cattiva condotta, scarsa performance individuale e talvolta scarsa performance aziendale.

Dopo la proposta di rimozione del tetto massimo ai bonus, le autorità di regolamentazione del Regno Unito hanno affermato di volere che le aziende garantissero che la retribuzione fissa e i bonus fossero “adeguatamente bilanciati” e che nessun individuo fosse “dipendente esclusivamente dalla remunerazione variabile, o in una misura tale da incoraggiarlo ad assumersi rischi al di fuori la propensione al rischio dell’impresa”.