Buon giorno. L’inquietante insurrezione in Brasile, nonostante tutti i suoi parallelismi con la rivolta del Campidoglio degli Stati Uniti, presenta una notevole differenza. Ci è voluta la polizia brasiliana solo ore per detenere o arrestare più di mille golpisti, mentre la maggior parte dei rivoltosi americani è rimasta libera per settimane o mesi. È troppo lontano per definirlo pieno di speranza?

In altre notizie, Ethan è appena tornato da una vacanza alle Bahamas, dove, purtroppo, non ha potuto visitare il vecchio quartier generale di FTX. Un sacco di pesci tropicali, però. Scrivici: [email protected] e [email protected]

Il tetto del debito

La tragicomica elezione del presidente della Camera della scorsa settimana ha fatto versare molto inchiostro ansioso sul tetto del debito. Ecco il FT, per esempio:

Ma lo storico stallo su chi scegliere come presidente ha sollevato nuove preoccupazioni su entrambi i lati della navata che un piccolo gruppo di ribelli si trovi a bloccare grandi pezzi di legislazione “deve passare” entro la fine dell’anno.

La cosa più importante è il tetto del debito, il limite su quanto il governo degli Stati Uniti può prendere in prestito. Gli economisti hanno avvertito che se i legislatori non voteranno per aumentare il limite nei prossimi mesi, il governo degli Stati Uniti rischia di andare in default sui suoi debiti per la prima volta nella storia americana.

Gli Stati Uniti pongono limiti legali al proprio debito totale che deve essere aumentato con un voto a maggioranza semplice in entrambe le camere del Congresso. In assenza di tale voto, il Tesoro non può pagare i conti del governo dopo che il suo conto in banca presso la Fed si è esaurito. Il limite è fissati a $ 31,348 trilioni, una soglia che il governo dovrebbe raggiungere – a seconda della spesa e delle entrate fiscali – all’inizio dell’autunno.

Per gli investitori, ci sono tre livelli di preoccupazione qui.

Il livello più basso di preoccupazione è che l’atteggiamento politico, le minacce e le sciocchezze generali intorno al massimale saranno particolarmente gravi quest’anno, causando volatilità sia nei mercati del Tesoro che in quelli azionari. “Penso che questa volta il teatro kabuki sarà particolarmente fastidioso e brutto. . . costringerà il mercato a prestare attenzione”, afferma Isaac Boltansky, analista politico presso BTIG.

Questa volta sarà più brutto non solo perché gli stessi ribelli repubblicani che hanno sostenuto l’oratore di Kevin McCarthy sono, o si divertono a fingere di essere, conservatori fiscali. Sarà anche più brutto perché le ultime volte che abbiamo giocato a questo gioco (2013, 2018, 2021) le cose sono andate per lo più bene (a differenza del 2011, quando il debito degli Stati Uniti è stato declassato da S&P, la volatilità del mercato è stata terribile e tutti hanno avuto un vero spavento). Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics, la mette così:

I mercati sono abituati a tutto questo processo. Abbiamo già visto questo film e i mercati pensano di conoscere il finale. All’undicesima ora i legislatori si danno da fare. Ma questo è spaventoso. I legislatori guarderanno al mercato come guida e i mercati guarderanno ai legislatori. Si guardano l’un l’altro per spunti e prendono quelli sbagliati.

“I legislatori faranno atterrare questo aereo, ma il pilota avrà il segnale della cintura di sicurezza illuminato per tutto il tempo”, dice Boltansky.

Il secondo livello di preoccupazione è più serio, ma solo per gli investitori di alcuni settori. I falchi fiscali cercheranno di utilizzare il tetto del debito come leva per imporre tagli alla spesa temporanei o permanenti. Le aziende i cui ricavi provengono in gran parte dal governo federale potrebbero subire pressioni. Daniel Clifton di Strategas ha scritto quanto segue in una nota ai clienti ieri:

[Kevin] McCarthy ha accettato di consentire a tre membri di House Freedom Caucus di sedere nel Comitato per le regole e questi membri probabilmente chiederanno tagli alla spesa, che non hanno il sostegno della maggioranza dei repubblicani alla Camera, per non parlare dei democratici, come condizione per aumentare il debito soffitto. L’importanza di questo non può essere sopravvalutata. La legislazione deve passare attraverso il Comitato per le regole per essere collocata in aula secondo l’ordine regolare della Camera. I conservatori hanno indebolito il presidente e hanno leva.

Clifton osserva che i titoli della difesa, che ultimamente hanno registrato buoni risultati, sono vulnerabili:

Anche se tagliare la spesa per la difesa sarà difficile in questo contesto, non saremmo sorpresi se un po’ di cautela aumentasse nelle scorte. È improbabile che passiamo nuove spese per i prossimi 18 mesi e ci saranno continue lotte per i soldi appena passati. Riteniamo inoltre che i conservatori stiano chiamando i progressisti per vedere se possono unirsi per tagliare la difesa

Vale la pena notare, tuttavia, che gran parte delle misure di taglio del bilancio emanate per aumentare il tetto del debito nel 2011 (il Budget Control Act) sono state prontamente revocate.

Il terzo e più alto livello di preoccupazione è che ci sia una sorta di incidente politico e gli Stati Uniti manchino effettivamente il pagamento degli interessi, cadendo in default tecnico. Le probabilità che ciò avvenga sono universalmente accettate come basse, ma ora sono più alte di prima, sia a causa dell’autocompiacimento tra i legislatori e il mercato sopra descritto, sia a causa delle concessioni procedurali estorte alla leadership repubblicana dalla destra ribelli.

Anche se un default è breve, il conseguente danno finanziario sarebbe grave. Zandi cita l’esempio di ciò che accadde 40 anni fa, quando un mancato pagamento fu causato da un guasto informatico. Lui scrive:

Quanto è costoso [technical default] Può essere evidente in un episodio del 1979 in cui il Tesoro ha inavvertitamente mancato il pagamento dei buoni del Tesoro in scadenza quella primavera. L’incidente è stato causato in parte dalle ricadute dovute a un ritardo nell’innalzamento del limite del debito, ma anche da problemi con le apparecchiature di elaborazione testi che il Tesoro utilizzava all’epoca per pagare gli investitori. Anche se gli investitori hanno ricevuto i loro pagamenti con solo un piccolo ritardo, i rendimenti dei Buoni del Tesoro sono aumentati inizialmente di 60 punti base e sono rimasti elevati per diversi mesi successivi. Il costo per i contribuenti alla fine è stato di decine di miliardi di dollari.

L’impatto e il rischio di contagio ad altri mercati sarebbe molto, molto maggiore se il mancato pagamento fosse causato dalla stupidità umana piuttosto che da un errore informatico.

Ci sono membri del Congresso che potrebbero essere disposti a rischiare, dice Ed Mills, analista politico di Raimondo Giacomo: “Abbiamo infranto così tante norme negli ultimi due anni che ce ne sono alcune sulla collina. . . che sono in qualche modo interessati a vedere cosa succede realmente” dopo un default. Dice Zandi: “Ci sono senatori e deputati che contemplano apertamente una violazione [of the debt ceiling], dicendo “possiamo dare la priorità alla spesa, possiamo gestirla anche se” . . . ci sono più persone che pensano che non sia un grosso problema.

Ma se si verificasse un default, potrebbe essere un vero incubo. “La fiducia nella piena fiducia e nel credito del governo degli Stati Uniti è il fondamento di tutti gli altri mercati finanziari del mondo”, afferma Mills.

Ci sono due soluzioni proposte per consentire al governo di evitare il default anche se non si riesce a raggiungere un accordo sul tetto del debito, entrambe vengono lanciate ogni volta che il tetto si avvicina. Uno è il presidente che invoca la sua autorità del 14° emendamento per pagare i conti del governo; l’altro è il conio di una moneta da mille miliardi di dollari per ricaricare il conto generale del governo. Il problema con entrambi è che sono legalmente traballanti e puzzano di disperazione e potrebbero spaventare i mercati quasi quanto un default.

I mercati devono solo sperare che il Congresso possa fare il suo lavoro.

Una buona lettura

Citadel ha superato Bridgewater come l’hedge fund più performante di sempre?