Ven. Giu 14th, 2024

Il CSI 300 cinese raggiunge il livello più basso dal 2019, nonostante gli sforzi per rilanciare il mercato

L’indice azionario cinese CSI 300 è sceso oltre il minimo dell’era della pandemia poiché gli sforzi ufficiali per sostenere il mercato azionario del paese non sono riusciti a arginare una svendita guidata dal rallentamento della crescita e da una crisi nel settore immobiliare a corto di liquidità.

Lunedì il benchmark delle azioni grandi e liquide quotate a Shanghai e Shenzhen è sceso dello 0,9%, portandolo a un minimo di circa 3.480. Quel livello era al di sotto del punto più basso toccato all’inizio del 2020, vicino all’inizio della pandemia, e ha segnato il livello più basso dal 2019.

L’ultima battuta d’arresto per i mercati cinesi arriva nonostante le recenti misure delle autorità di regolamentazione intese a rafforzare il sentiment degli investitori.

Cosa guardare in Europa oggi

Eventi: Il primo ministro ungherese Viktor Orbán tiene un discorso nel giorno della Festa della Repubblica, anniversario della fallita rivolta del paese del 1956 contro il dominio sovietico. Il Consiglio Affari Esteri dell’UE si riunisce a Lussemburgo, così come il Consiglio di Cooperazione UE-Kazakistan.

Indicatori economici: Pubblicato l’indice sulla fiducia dei consumatori di ottobre nell’Eurozona. GfK pubblica i livelli di fiducia dei consumatori di novembre in Germania. Francia e Germania pubblicano i dati dell’indice dei responsabili degli acquisti.

Dati aziendali: Il colosso olandese dell’elettronica Philips pubblica gli utili del terzo trimestre, così come la società svedese di ingegneria pesante Sandvik, l’istituto di credito italiano UniCredit e la società svedese di tecnologia medica Getinge.

Le azioni Foxconn crollano dopo le notizie di ispezioni statali cinesi

Le azioni del produttore taiwanese di componenti elettronici Foxconn e di una filiale quotata a Shanghai sono crollate lunedì dopo che i media statali cinesi hanno riferito che la società era stata ispezionata dalle autorità fiscali e delle risorse naturali in quattro province.

Le azioni di Foxconn, meglio conosciuta per aver assemblato l’iPhone di Apple, sono scese del 3% nelle prime negoziazioni prima di ridurre le perdite di circa l’1,7%. Le azioni di Foxconn Industrial Internet, una filiale quotata sulla Cina continentale, sono scese del limite giornaliero del 10%.

Global Times, un tabloid statale, ha riferito domenica che le autorità fiscali hanno ispezionato i siti di Foxconn nel Guangdong e nel Jiangsu, mentre i funzionari delle risorse naturali hanno controllato le strutture nell’Henan e nell’Hubei.

Foxconn ha detto che collaborerà alle indagini.

Le azioni asiatiche crollano per il quarto giorno a causa del Medio Oriente e delle preoccupazioni sui tassi di interesse

Il benchmark giapponese Topix è crollato dello 0,4% nelle contrattazioni di lunedì, mentre il mercato azionario di Hong Kong è rimasto chiuso per festività nazionale. © Montaggio FT/Dreamstime

Lunedì le azioni asiatiche sono scese, mettendo la maggior parte degli indici sulla buona strada per il quarto giorno consecutivo di perdite, poiché le tensioni in Medio Oriente e il potenziale di tassi di interesse globali più alti hanno colpito il sentiment degli investitori.

Il CSI 300 cinese è sceso dello 0,4%, il Kospi sudcoreano ha ceduto lo 0,1% e il Topix giapponese è sceso dello 0,4%. La Borsa di Hong Kong è rimasta chiusa per un giorno festivo.

Le preoccupazioni sulla possibilità che il conflitto tra Israele e Hamas si trasformi in una conflagrazione regionale si sono intensificate durante il fine settimana, con gli Stati Uniti che avvertono che le loro truppe e altro personale in Medio Oriente corrono il rischio di una “significativa escalation” di attacchi contro di loro.

Il centrosinistra Massa si avvia verso la vittoria al primo turno delle elezioni presidenziali in Argentina

Javier Milei, l’economista libertario radicale considerato il favorito nelle elezioni presidenziali argentine, sembra essere arrivato secondo nel voto del primo turno di domenica dietro a Sergio Massa, ministro dell’Economia del governo peronista al potere.

Con l’82% dei voti scrutinati, Massa ha superato le aspettative dei sondaggisti, ottenendo il 36%, contro il 30,4% del partito La Libertad Avanza (LLA) di Milei e il 23,7% di Patricia Bullrich della coalizione di opposizione di centro-destra mainstream Juntos por il Cambio (JxC).

Massa e Milei ora avanzano al secondo turno il 19 novembre. L’eliminazione di JxC, visto come via di mezzo ideologica tra LLA e peronisti, e partito favorito dagli investitori, pone le basi per una campagna polarizzante del secondo turno.

Il candidato indonesiano sceglie il figlio del presidente come vicepresidente dopo l’abolizione del limite di età

Gibran Rakabuming Raka è il figlio del leader indonesiano Joko Widodo
Gibran Rakabuming Raka è il figlio del leader indonesiano Joko Widodo © Dika/AFP tramite Getty Images

Il ministro della Difesa e candidato presidenziale indonesiano Prabowo Subianto ha scelto il figlio del leader in carica Joko Widodo come suo compagno di corsa per le elezioni del prossimo anno.

Subianto, che ha uno stretto vantaggio nei sondaggi, domenica sera ha annunciato che Gibran Rakabuming Raka si sarebbe candidato come vicepresidente.

La mossa fa seguito ad una controversa sentenza della corte della scorsa settimana che ha permesso a Gibran di candidarsi al ballottaggio del 14 febbraio.

La corte ha deciso che si potrebbe derogare al requisito di età minima di 40 anni per presidenti e vicepresidenti se un candidato avesse ricoperto una carica regionale.

Gibran, 36 anni, è sindaco di Surakarta, città di Giava.

Cosa guardare in Asia oggi

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida, al centro, attende l’arrivo di un membro della Dieta prima della cerimonia di apertura della sessione straordinaria del parlamento venerdì a Tokyo © Kimimasa Mayama/EPA-EFE/Shutterstock

Giappone: Il primo ministro giapponese Fumio Kishida terrà un discorso politico in una sessione parlamentare straordinaria e dovrebbe annunciare un pacchetto di stimoli economici.

Altri eventi: I trader obbligazionari si concentreranno sulla Reserve Bank of India man mano che scade uno swap valutario da 5 miliardi di dollari. A Tashkent si apre la ICT Week 2023, che attira aziende di outsourcing dei processi aziendali e della tecnologia dell’informazione. L’Azerbaigian ospita il primo di tre giorni di esercitazioni militari con la Turchia.

Dati economici: Singapore pubblica i dati sull’indice dei prezzi al consumo per settembre. Taiwan pubblica la produzione industriale e il tasso di disoccupazione per lo stesso mese. Gli analisti di Barclays prevedono che la disoccupazione salirà al 3,5% dal 3,4% di agosto.

Dati aziendali: La società tecnologica ZTE con sede a Shenzhen e il produttore di macchinari Nidec con sede a Kyoto pubblicano gli utili del terzo trimestre. Anche due istituti di credito del sud-est asiatico, la Bank Negara Indonesia e la Bank of the Philippine Islands, annunciano i risultati.

Mercati: Le borse di Hong Kong e della Nuova Zelanda sono chiuse nei giorni festivi.

Gli ex leader del Regno Unito sostengono un approccio trasversale nei confronti dei sindaci regionali

Ex primi ministri e cancellieri del Regno Unito hanno unito le forze per chiedere la fine di decenni di “tagli e cambiamenti” sulla politica regionale, in un rapporto che avverte che ha portato a una crescente disuguaglianza e a “40 anni di fallimento”.

Gli ex primi ministri laburisti Tony Blair e Gordon Brown, il leader conservatore John Major e l’ex cancelliere Tory George Osborne sono tra coloro che chiedono un approccio trasversale più coerente.

Ed Balls, ex ministro del Lavoro, ha guidato un progetto dell’Università di Harvard e del King’s College di Londra sulla disuguaglianza nel Regno Unito, che comprendeva interviste con coloro che supervisionavano la farfugliante politica regionale del paese.

I populisti di destra ottengono ottimi risultati alle elezioni parlamentari svizzere

Il leader del partito popolare svizzero Marco Chiesa, a sinistra, parla con il presidente dei liberali del FDP Thierry Burkart, al centro, e il presidente del Centro Gerhard Pfister prima di un’intervista televisiva congiunta domenica © Fabrice Coffrini/AFP tramite Getty Images

I populisti di destra svizzeri erano destinati a ottenere una delle loro migliori performance alle elezioni parlamentari di domenica, poiché gli elettori hanno abbandonato la politica verde tra i timori per l’immigrazione e l’aumento dei costi energetici.

Secondo le previsioni, il Partito popolare svizzero (SVP), conservatore e intransigente, avrebbe ottenuto il 29,1% dei voti alle elezioni per il Consiglio nazionale, la camera bassa del parlamento, dopo che i risultati distrettuali avessero ottenuto il 95%. Si trattava del secondo miglior risultato nella storia recente del partito, dopo aver ottenuto il 29,4% dei voti nel 2015.

Il risultato è stato un “evidente scivolamento a destra”, ha affermato Thierry Burkart, leader del partito liberale pro-business FDP. I liberali hanno avuto il loro risultato peggiore, vincendo solo con il 14,5%. Gli elettori hanno lanciato un “segnale e un mandato”, ha detto Burkart alla televisione svizzera.

Leggi di più qui.

La settimana a venire: la stagione degli utili raggiunge il picco mentre la BCE e Israele fissano i tassi di interesse

I prossimi sette giorni saranno – ancora una volta – dominati da eventi incerti, in particolare dal conflitto Israele-Hamas e dalla debacle del presidente della Camera degli Stati Uniti, nonché dalle ricadute delle elezioni in Argentina.

Nel frattempo, i decisori dei tassi della Banca Centrale Europea si incontrano ad Atene durante la loro fuga annuale dall’UE da Francoforte e gli organismi statistici ufficiali producono una serie di numeri, tra cui il PIL preliminare degli Stati Uniti del terzo trimestre e le statistiche ritardate del mercato del lavoro britannico.

Si prevede che i membri del Comitato di politica monetaria della BCE voteranno per mantenere i tassi, anche a causa dell’incertezza creata dal conflitto Israele-Gaza e del suo impatto sui prezzi del petrolio, come ha detto la settimana scorsa al FT il governatore della banca centrale greca Yannis Stournaras.