Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Ken Griffin, fondatore e amministratore delegato dell’hedge fund statunitense Citadel da 62 miliardi di dollari, ha avvertito le autorità di regolamentazione che dovrebbero concentrare la loro attenzione sulle banche piuttosto che sul suo settore se vogliono ridurre i rischi nel sistema finanziario derivanti dalle scommesse con leva finanziaria sul debito pubblico statunitense.

I regolatori globali hanno messo in guardia sui rischi crescenti che emergono dal cosiddetto commercio di base del Tesoro, ovvero la vendita di futures del Tesoro mentre si acquistano titoli di stato statunitensi e l’estrazione di guadagni dal piccolo divario tra i due utilizzando denaro preso in prestito.

Ma Griffin ha affermato che dovrebbero concentrarsi sulla gestione del rischio delle banche che consentono l’attività concedendo prestiti agli hedge fund, piuttosto che cercare di aumentare la regolamentazione degli hedge fund stessi.

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, che regola gli hedge fund, ha proposto un nuovo regime per il mercato del Tesoro che tratterebbe gli hedge fund come i rami delle banche.

“La SEC è alla ricerca di un problema”, ha detto Griffin al MagicTech. “Se i regolatori sono davvero preoccupati per la dimensione delle operazioni di base, possono chiedere alle banche di condurre stress test per vedere se hanno abbastanza garanzie dalle loro controparti”.

Le scommesse degli hedge fund contro i futures dei titoli del Tesoro USA sono salite a nuovi massimi nei sette giorni fino al 24 ottobre, con short netti record sia contro i futures a due che a cinque anni. La maggior parte, ma non tutte, di queste scommesse riguardano il commercio di base.

Citadel, insieme agli hedge fund rivali Millennium Management e Rokos Capital Management, è tra i tanti che utilizzano abitualmente il commercio di base.

La Banca dei regolamenti internazionali e i ricercatori della Federal Reserve statunitense sono tra coloro che hanno messo in guardia sui rischi di un rapido accumulo di scommesse sugli hedge fund nel mercato dei titoli del Tesoro, amplificato da livelli di leva finanziaria che possono superare 100 volte.

Se il commercio si muovesse contro di loro e gli hedge fund fossero costretti a vendere i loro buoni del Tesoro allo stesso tempo, i regolatori temono che ciò potrebbe portare ad un collasso del mercato obbligazionario più importante del mondo, con gravi implicazioni per il sistema finanziario più ampio.

La BRI ha attribuito alla “riduzione disordinata della leva finanziaria dei margini” la responsabilità del crollo del mercato dei titoli del Tesoro statunitense nel marzo 2020 all’inizio della pandemia. Tuttavia, nell’ultimo rapporto sulla stabilità finanziaria della Fed del mese scorso, la banca centrale ha affermato che i rischi legati alle operazioni di base “sono probabilmente mitigati dai termini di finanziamento più restrittivi applicati agli hedge fund dalle controparti dei dealer negli ultimi trimestri”.

Le divisioni di prime brokerage delle banche svolgono un ruolo chiave nel commercio di base perché prestano denaro agli hedge fund utilizzando i loro titoli del Tesoro come garanzia. Ci si aspetta che le banche valutino la performance dei portafogli dei loro clienti hedge fund in varie situazioni di stress del mercato per assicurarsi di avere garanzie sufficienti per resistere a uno shock di mercato.

Griffin ha affermato di non essere contrario a regolamenti che limitino l’importo dei prestiti da parte degli hedge fund nel mercato del Tesoro, a condizione che le proposte siano “soggette a una solida analisi economica e proposte per un commento pubblico”.

Ha osservato che il commercio di base ha ridotto il costo di emissione di titoli di stato, poiché gli hedge fund acquistano grandi quantità di titoli del Tesoro da abbinare alle loro posizioni short su futures.

“La capacità dei gestori patrimoniali di ottenere in modo efficiente un’esposizione ai titoli del Tesoro attraverso i futures consente loro di liberare liquidità per investire in obbligazioni societarie, mutui residenziali e altri asset”, ha affermato.

Questo perché i futures sono prodotti con leva finanziaria che richiedono una frazione della liquidità depositata come garanzia per mantenere la posizione, anziché pagare subito il prezzo intero per un titolo del Tesoro.

“Se la SEC compromettesse incautamente il commercio di base, taglierebbe fuori i finanziamenti per le multinazionali americane, aumentando il costo del capitale per costruire una nuova fabbrica o assumere più dipendenti”, ha detto Griffin. “Aumenterebbe anche il costo dell’emissione di nuovo debito, che sarà sostenuto dai contribuenti statunitensi per miliardi o decine di miliardi di dollari all’anno”.

Affrontando i rischi in altri ambiti del sistema finanziario, il fondatore di Citadel ha affermato che “i rischi risiedono laddove esiste un significativo disallineamento tra attività e passività rispetto alla leva finanziaria impiegata”, sottolineando il crollo quest’anno della Silicon Valley Bank.

I 180 miliardi di dollari di depositi del prestatore statunitense fornivano finanziamenti a breve termine a basso costo e poiché la domanda di prestiti era debole, ha acquistato obbligazioni a lungo termine senza copertura, ma l’aumento dei tassi di interesse ha svalutato le obbligazioni, portando a una crisi di liquidità quando i clienti hanno cercato di ritirare i propri soldi.

“L’utilizzo dei depositi bancari dei clienti da parte della Silicon Valley Bank per investire in titoli del Tesoro a lunga scadenza è profondamente diverso da un hedge fund che acquista un titolo del Tesoro e vende un contratto future che può essere chiuso consegnando il titolo”, ha affermato Griffin.

La SEC presieduta da Gary Gensler ha scatenato il più grande blitz normativo dai tempi della crisi finanziaria. Una regola che costringerebbe gli operatori più grandi a registrarsi come broker-dealer o commercianti di titoli di stato è tra le normative proposte che sottoporrebbero gli hedge fund a una maggiore supervisione.

“I regolatori dovrebbero concentrarsi sulle banche invece di richiedere che ogni hedge fund che parteciperà al mercato del Tesoro su qualsiasi scala ragionevole sia un broker-dealer registrato”, ha detto Griffin. “Questo è un modo molto più conveniente per affrontare qualsiasi preoccupazione che la SEC o altri regolatori in questo ambito potrebbero avere”.