Ven. Giu 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Aumentano le aspettative che la banca centrale del Giappone allenti la presa sul mercato obbligazionario questa settimana, mentre lo yen testa il minimo di 33 anni e i rendimenti dei titoli di stato toccano i livelli più alti degli ultimi dieci anni.

Ma l’attenzione maggiore degli investitori potrebbe essere se il governatore della Banca del Giappone Kazuo Ueda offrirà segnali cruciali sulle tendenze inflazionistiche che potrebbero aprire la strada al Giappone per porre fine agli ultimi tassi di interesse negativi del mondo.

Il rendimento dei titoli di Stato giapponesi a 10 anni di riferimento ha toccato la scorsa settimana lo 0,89%, il livello più alto da luglio 2013. Di conseguenza, si prevede che la BoJ riveda, per la terza volta in 12 mesi, il suo non convenzionale “controllo della curva dei rendimenti”. ” politica di acquisto di titoli di Stato per mantenere i rendimenti al di sotto di un livello fisso.

“Sembra che il mercato stia anticipando una modifica al controllo della curva dei rendimenti e stia già iniziando a scontarla”, ha affermato Jim Leaviss, responsabile degli investimenti per il reddito fisso pubblico presso M&G.

L’ultima volta che la BoJ ha rivisto la fascia entro la quale i rendimenti dei JGB a 10 anni possono essere scambiati lo scorso luglio. UBS ora si aspetta che la banca allarghi ulteriormente la fascia martedì, all’1,5% dall’1%, e prevede che il rendimento obiettivo del JGB a 10 anni pari a zero venga aumentato a circa lo 0,5%.

Barclays si aspetta che martedì la BoJ abolisca completamente il controllo della curva dei rendimenti.

Tuttavia Goldman Sachs, Nomura e Morgan Stanley MUFG affermano che la banca centrale probabilmente si atterrà all’attuale quadro di politica monetaria.

La BoJ è stata l’unica grande banca centrale a non alzare i tassi di interesse negli ultimi due anni, mantenendo il tasso di riferimento al meno 0,1% nonostante 18 mesi di inflazione superiore al target.

Ma il crescente divario tra i costi di finanziamento in Giappone e negli Stati Uniti e in Europa, mentre i rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni sono saliti ai livelli più alti degli ultimi 16 anni, ha messo pressione sulla BoJ affinché inasprisca la politica mentre lo yen si indebolisce.

Grafico a linee di ¥ per $ (scala invertita) che mostra lo yen sceso al livello più basso in un anno

La scorsa settimana lo yen si è indebolito oltre i 150 yen rispetto al dollaro, sollevando preoccupazioni sull’inflazione con l’aumento del costo delle merci importate. Il livello di 150 ¥ ha precedentemente spinto le autorità giapponesi ad intervenire sulla valuta.

Anche se lo yen si è stabilizzato, i trader valutari vedono questo come temporaneo e prevedono test più severi se la BoJ non farà nulla dopo la riunione di due giorni di lunedì e martedì, o farà solo una modifica cosmetica al controllo della curva dei rendimenti.

Gli analisti Forex hanno affermato che il governo giapponese potrebbe rassegnarsi all’idea che 152-153 ¥ sia un livello giusto rispetto al dollaro. L’ampliamento del differenziale tra i tassi di interesse giapponesi e statunitensi implica che l’intervento sarà probabilmente meno efficace rispetto al 2022.

I commenti di metà ottobre del FMI, che ha affermato di non vedere fattori che giustifichino un intervento, rafforzano la convinzione dei mercati che il livello di 150 yen non rappresenti più una “linea nella sabbia” per il Giappone, anche se lo yen più debole mantiene l’inflazione al di sopra Il tasso obiettivo della BoJ è pari al 2%.

La banca centrale ha sostenuto che il principale fattore che ha spinto al rialzo i prezzi in Giappone è stato l’aumento dei costi delle importazioni e che è necessario attendere segnali più sostenibili di crescita dei salari, per garantire che l’economia non ricada in decenni di deflazione.

In un discorso di settembre, Ueda ha osservato che la crescita dei salari stava iniziando ad avere un impatto sui prezzi. Gli economisti stanno prestando attenzione alla possibilità che Ueda riconosca una correlazione più forte tra salari e prezzi.

“Anche se la BoJ questa volta non ha fatto alcuna mossa, non sarebbe sorprendente se avesse iniziato a lanciare messaggi aggressivi per preparare il pubblico a un futuro rialzo dei tassi”, ha detto l’economista di UBS Masamichi Adachi.

Il grafico lineare del rendimento del JGB a 10 anni (%) mostra un aumento dei rendimenti dei titoli di stato giapponesi in vista della riunione della BoJ

L’inflazione core del Giappone a settembre è scesa sotto il 3% per la prima volta in più di un anno, sulla scia del calo dei prezzi dei carburanti importati. Escludendo i prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari freschi, anche l’inflazione è rallentata al 4,2% rispetto al 4,3% del mese precedente.

Tuttavia, alcuni economisti avvertono che l’inflazione superiore al target del Giappone potrebbe essere più persistente di quanto previsto dalla BoJ. Nel mese di ottobre, la Confederazione sindacale giapponese ha dichiarato di voler ottenere maggiori aumenti salariali durante le negoziazioni del prossimo anno. Il primo ministro Fumio Kishida si è anche impegnato ad aumentare il salario minimo da 1.000 yen l’ora a 1.500 yen entro la metà degli anni ’30.

Gli investitori di tutto il mondo tengono d’occhio i rendimenti obbligazionari giapponesi perché le istituzioni giapponesi sono tra i maggiori proprietari del debito statunitense ed europeo. Rendimenti più interessanti in patria potrebbero innescare un’ondata di vendite su altri mercati obbligazionari.

“Riteniamo che l’abolizione del YCC potrebbe innescare gli investitori giapponesi, ma il fattore più importante probabilmente sarà quando la BoJ metterà fine ai tassi di interesse negativi e inizierà ad aumentare i tassi ufficiali a breve termine”, ha affermato Yusuke Miyairi, economista di Nomura.

“Il livello dei rendimenti dei JGB non è ancora abbastanza interessante da consentire loro di rimpatriare i loro capitali dall’estero in Giappone”, ha aggiunto.