Ven. Mag 24th, 2024
La Banca indonesiana è “pronta al peggio” di fronte alla linea dura della Fed e alla volatilità valutaria

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La banca centrale indonesiana è “pronta al peggio” e fornirà maggiore sostegno alla rupia, se necessario, ha detto il capo del dipartimento di gestione monetaria.

La Bank Indonesia era pronta a intervenire nel mercato valutario – come ha fatto il mese scorso quando la rupia ha toccato i minimi pluriennali – ma non si affiderà esclusivamente all’intervento, ha detto al MagicTech Edi Susianto, direttore esecutivo del dipartimento monetario.

I commenti di Susianto arrivano mentre le economie asiatiche si preparano ad una maggiore volatilità valutaria dopo il segnale della Federal Reserve americana di questo mese che manterrà i tassi di interesse più alti per un periodo più lungo.

La Banca Indonesia ha alzato i tassi inaspettatamente alla fine del mese scorso e ha avvertito del peggioramento dei rischi globali, affermando che l’aumento dei tassi era una mossa preventiva per garantire che l’inflazione rimanesse entro il suo obiettivo.

L’Indonesia si trova ad affrontare un ambiente “insolitamente” difficile da fattori globali e interni, ha detto Susianto in un’intervista.

“Crediamo di essere pronti per la situazione peggiore”, ovvero una Fed più aggressiva e maggiori tensioni geopolitiche in Medio Oriente, ha affermato.

I paesi di tutto il mondo stanno cercando di proteggere le loro valute dal rafforzamento del dollaro in un contesto in cui crescono le aspettative che la Fed ritarderà il taglio dei tassi di interesse mentre l’inflazione rimane ostinatamente al di sopra del suo obiettivo del 2%.

Ad aprile, la Banca Indonesia è intervenuta sui mercati spot, dei contratti a termine non consegnabili e dei titoli obbligazionari con un “triplice intervento” per sostenere la rupia, ha detto Susianto. Il governo ha inoltre chiesto alle imprese statali di limitare i loro acquisti in dollari USA.

Anche il Giappone e il Vietnam sono intervenuti per sostenere le rispettive valute, mentre le banche centrali di Malesia e Corea del Sud si sono dette pronte a farlo.

In aggiunta alla pressione più ampia derivante dal rafforzamento del dollaro, l’Indonesia sta anche attraversando un ciclo di rimpatrio dei dividendi, ha affermato Susianto.

Secondo lui, il rimpatrio delle compagnie straniere, che ha ulteriormente stimolato la domanda del dollaro, dovrebbe durare fino alla fine di maggio, dopodiché la rupia diventerà “più gestibile”.

Dall'aumento dei tassi del mese scorso, l'Indonesia ha notato afflussi netti dall'estero in titoli di stato e titoli della banca centrale, ha detto Susianto.

Separatamente, il governatore della banca centrale Perry Warjiyo ha dichiarato venerdì in una conferenza stampa che metterà all’asta i titoli in rupie due volte a settimana – anziché una – a partire da questa settimana per attirare maggiori afflussi.

Susianto ha affermato che la banca sta incoraggiando le aziende a utilizzare strumenti di copertura e a perseguire sforzi per approfondire il mercato in modo che ci sia meno bisogno di interventi della banca centrale.

Qualsiasi futura azione di politica monetaria sarà “dipendente dai dati”, ha affermato Susianto, rifiutandosi di commentare se la banca sia disposta ad aumentare ulteriormente i tassi.

Prima dell'aumento dei tassi del mese scorso, gli economisti si aspettavano ampiamente che la Bank Indonesia iniziasse a tagliare i tassi a partire dalla fine di quest'anno, anche se alcuni ora credono che l'allentamento potrebbe non avvenire.

Brian Lee, economista del Maybank Investment Banking Group, ha affermato di non escludere un altro aumento dei tassi, anche se la rupia si è rafforzata dopo l'aumento a sorpresa del mese scorso.

“Il nostro scenario di base prevede che la BI mantenga il suo tasso di riferimento al 6,25% quest’anno per salvaguardare la stabilità della rupia. È improbabile che la BI riesca a tagliare i tassi di interesse, dato che la banca centrale si aspetta che la Fed tagli i tassi solo a dicembre”, ha detto Lee.

“Una ripresa del deprezzamento della rupia, al ritmo osservato durante il periodo precedente la riunione di aprile, potrebbe innescare un altro rialzo del tasso BI”.