Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Una bozza di accordo del vertice sul clima COP28 delle Nazioni Unite ha eliminato i riferimenti all’eliminazione graduale dei combustibili fossili, innescando una reazione da parte di paesi che accusano l’Arabia Saudita e altri petrostati di ostacolare gli sforzi per affrontare il riscaldamento globale.

Il documento, che dovrà essere approvato da quasi 200 paesi al vertice di Dubai, definisce una serie di azioni che i paesi “potrebbero” intraprendere per ridurre le emissioni di gas serra a zero entro il 2050.

Ciò include la riduzione “del consumo e della produzione di combustibili fossili, in modo giusto, ordinato ed equo in modo da raggiungere lo zero netto”. [carbon emissions] entro, prima o intorno al 2050 in linea con la scienza”.

Ma un gran numero di paesi sperano che il testo finale vada oltre, concludendo un accordo storico per eliminare gradualmente i combustibili fossili, piuttosto che limitarsi a presentare la scelta di tagliare consumo e produzione.

La bozza del testo, pubblicata dall’organismo delle Nazioni Unite per il clima, deve affrontare una forte opposizione da parte dei paesi dell’UE e dei piccoli stati insulari. Il commissario europeo per il clima Wopke Hoekstra ha affermato che è “chiaramente insufficiente”, aggiungendo: “Per la stragrande maggioranza delle nostre emissioni non abbiamo altra alternativa che ridurle al più presto”.

Negoziatori e ministri di paesi di tutto il mondo nel fine settimana hanno accusato l’Arabia Saudita di esercitare pressioni su Sultan al-Jaber, presidente della COP28 e capo della Compagnia petrolifera nazionale di Abu Dhabi, affinché sposti il ​​focus di qualsiasi accordo dai combustibili fossili.

“Chiaramente sta emergendo una coalizione proattiva sui fossili”, ha affermato un negoziatore senior dell’UE dopo la pubblicazione del testo. “In passato avevamo una resistenza più silenziosa e ora sembra più consapevole, più concentrata e più coordinata”.

Il consumo di combustibili fossili è il principale responsabile del cambiamento climatico, rappresentando circa i tre quarti delle emissioni.

Jaber ha dichiarato alla sessione delle Nazioni Unite dopo la pubblicazione della bozza: “Abbiamo fatto progressi, ma abbiamo ancora molto da fare. . . Voglio che tu sviluppi la massima ambizione su tutti gli argomenti, compreso il linguaggio dei combustibili fossili”.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha affermato che è fuorviante il mondo affermare che i combustibili fossili potrebbero svolgere un ruolo essenziale in futuro. Inoltre contraddiceva la politica energetica dell’UE e consentiva la costruzione di nuove centrali elettriche a carbone.

António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha affermato che un “aspetto centrale del successo” della COP28 sarà che il vertice “raggiunga un consenso sulla necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili”, mentre il Dipartimento di Stato americano ha affermato che la formulazione sui combustibili fossili i combustibili dovevano essere “sostanzialmente rafforzati”.

Il governo britannico ha affermato che la bozza è “deludente” e “non è andata abbastanza lontano”, aggiungendo: “La posizione del Regno Unito è chiara: è necessario eliminare gradualmente i combustibili fossili per raggiungere i nostri obiettivi climatici”.

Se approvato, il testo segnerebbe comunque il primo piano stabilito da un vertice COP – il forum sul clima più importante al mondo – per abbandonare tutti i combustibili fossili. In precedenza si faceva riferimento solo all’eliminazione graduale del carbone senza abbattimento.

“Non dovremmo permettere che nulla si intrometta nel fatto che abbiamo tutti deciso di concentrarci sulla nostra stella polare. . . di mantenere 1.5[C] a portata di mano”, ha detto Jaber.

Nell’ambito dello storico accordo sul clima di Parigi del 2015, i paesi hanno concordato di limitare l’aumento della temperatura ben al di sotto dei 2°C e idealmente 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali.

Tuttavia, Toeolesulusulu Cedric Schuster, ministro delle risorse naturali di Samoa, che parlava a nome di un gruppo di piccoli paesi insulari vulnerabili al cambiamento climatico, ha affermato che “non sono stati ascoltati”.

“È in gioco la nostra stessa sopravvivenza. Ecco perché in ogni sede i nostri negoziatori hanno spinto instancabilmente per decisioni in linea con il mantenimento del limite inferiore a 1,5.[C] gradi”, ha detto Schuster.

L'inviata per il clima delle Isole Marshall Tina Stege e il ministro delle risorse naturali e dell'ambiente di Samoa Toeolesulusulu Cedric Schuster
L’inviata per il clima per le Isole Marshall Tina Stege e il ministro delle Risorse naturali e dell’ambiente di Samoa Toeolesulusulu Cedric Schuster, che hanno affermato che i piccoli paesi insulari “non vengono ascoltati” ©Reuters

John Silk, ministro delle risorse naturali e del commercio delle Isole Marshall, ha affermato che il Paese “non è venuto qui per firmare la nostra condanna a morte”, chiedendo l’eliminazione graduale dei combustibili fossili. “Non andremo in silenzio nelle nostre tombe d’acqua. Non accetteremo un risultato che porterà alla devastazione per il nostro Paese”.

I colloqui si sono intrecciati nella disputa sul finanziamento della transizione verso un’economia più verde, nonché nella controversia sul futuro dei combustibili fossili.

Rachel Cleetus, direttrice politica dell’UCS, ha affermato che il progetto è “pieno di prove di leader mondiali che soccombono all’influenza perversa dell’industria dei combustibili fossili e dei petrostati invece di scegliere di salvaguardare un futuro vivibile per le persone e il pianeta”.

Ma altri hanno accolto con favore il testo. Mohamed Adow, direttore di Powershift Africa, un think tank, ha affermato che “getta le basi per il cambiamento”. “Questo è l’inizio della fine dell’era dei combustibili fossili”.

La COP28, che ha attirato decine di migliaia di visitatori a Dubai, dovrebbe concludersi martedì, anche se diversi negoziatori hanno affermato di aspettarsi che i colloqui si protraggano fino a mercoledì o giovedì.