Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le borse cinesi hanno lanciato un ulteriore benchmark azionario blue-chip come parte di uno sforzo per incrementare gli investimenti in quotazioni ritenute strategicamente importanti per Pechino.

Investitori e analisti hanno affermato che l’indice CSI A50, che ha debuttato martedì, aveva lo scopo di stimolare la creazione di prodotti di investimento che garantiscano maggiori ponderazioni per settori come le energie rinnovabili e la produzione di semiconduttori – aree centrali nella visione dei politici per la transizione economica e la sicurezza nazionale.

L’introduzione del nuovo benchmark fa seguito a una lunga svendita di azioni cinesi che ha stimolato deflussi record di denaro estero e ha lasciato l’indice CSI 300 delle azioni quotate a Shanghai e Shenzhen in ribasso di oltre l’11% nel 2023 in un contesto di crescita economica deludente. In confronto, l’indice S&P 500 è cresciuto di oltre il 24% nello stesso periodo.

La borsa di Shanghai, che possiede congiuntamente la China Securities Index Company insieme alla sua controparte di Shenzhen, questa settimana ha dichiarato ai media statali che garantirà che il fornitore dell’indice “arricchisca il pool di prodotti di indici azionari, che saranno sfruttati per mostrare il cambio di marcia nella struttura economica della Cina”.

I principali componenti del CSI A50 includono Kweichow Moutai, la società di liquori più preziosa al mondo, la società di batterie Contemporary Amperex Technology Co, il produttore di chip Semiconductor Manufacturing International Corp e Jiangsu Hengrui Pharmaceuticals.

L’attenzione diversificata dell’indicatore contrasta con i parametri di riferimento esistenti che danno scarsa attenzione ai nuovi motori della crescita economica, poiché le loro ponderazioni si basano principalmente sulla capitalizzazione di mercato.

Grafico a barre delle ponderazioni dei principali titoli costituenti l'indice CSI A50 (%) che mostra che il nuovo benchmark azionario cinese favorisce i settori strategici

Gli analisti hanno affermato che gli investitori stranieri e istituzionali in Cina tendono a concentrarsi sul CSI 300, che privilegia i titoli finanziari, mentre i trader al dettaglio in genere tengono d’occhio l’indice Shanghai Composite, ad alto contenuto finanziario e industriale.

“Negli ultimi anni, abbiamo assistito a una rapida crescita in aree che non si riflettono necessariamente negli indici convenzionali che gli investitori al dettaglio e stranieri tendono a monitorare”, ha affermato Jason Lui, responsabile della strategia per l’Asia orientale presso BNP Paribas. “Puoi pensarci [the CSI A50] come un indice blue-chip con un’adeguata diversificazione settoriale incorporata”.

I documenti depositati sul sito web dell’autorità cinese di regolamentazione dei titoli mostrano che 10 gestori di fondi – inclusa l’attività di vendita al dettaglio locale di JPMorgan Asset Management – hanno già fatto domanda per lanciare fondi negoziati in borsa che replicano il nuovo indice.

“Questo nuovo indice è abbastanza diversificato e rappresentativo”, ha affermato Zhang Qi, analista di Haitong Securities. “Il clou è l’inclusione di nuove azioni legate all’energia, che rappresentano la direzione della nuova economia cinese”.

“Prima di ciò, gli investitori stranieri generalmente seguivano l’indice CSI 300”, ha affermato un gestore di fondi con sede a Shanghai presso un asset manager straniero. “Ora questi fondi hanno una nuova opzione”.

Ma gli investitori hanno affermato che non vi è alcuna garanzia che il CSI A50 – che è sceso del 2,6% dal suo lancio – rappresenterebbe una seria sfida per i benchmark azionari esistenti che hanno goduto di decenni di attenzione da parte della stampa finanziaria cinese.

“Per noi, il passo successivo è vedere quanto affluiscono questi prodotti [tracking the CSI A50] generare davvero”, ha affermato Lui, presso BNP Paribas. “È ancora troppo presto per dirlo, ma dal nostro punto di vista ora ci sono più scelte sul mercato per consentire agli investitori di esprimere opinioni più numerose e diverse”.