Ven. Giu 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’autorità di vigilanza contabile britannica ha abbandonato gran parte della revisione delle regole dei consigli di amministrazione, una mossa che secondo lui protegge la competitività ma che secondo i critici segna il disfacimento delle riforme di governance aziendale a lungo promesse.

Richard Moriarty, amministratore delegato del Financial Reporting Council, ha dichiarato martedì che rinuncerà a “più della metà” delle 18 modifiche proposte dall’autorità di regolamentazione in una consultazione a maggio.

I piani eliminati includono maggiori requisiti per il reporting sulla diversità e nuove responsabilità del comitato di audit per le questioni ambientali, sociali e di governance, nonché un impegno regolare con i grandi azionisti.

La mossa segue un cambio di rotta da parte del governo britannico, che sta cercando di ridurre la burocrazia per le imprese e rafforzare la posizione di Londra come sede di quotazione.

Andrew Griffith, ministro della Città, ha definito la decisione della FRC “pragmatica e proporzionata”.

Ha aggiunto: “Il Regno Unito gode giustamente di una forte reputazione per gli elevati standard di governance, ma è importante non gravare sulle nostre aziende migliori e più brillanti nella misura in cui non si creano condizioni di parità rispetto ai nostri concorrenti internazionali”.

La miniera BHP, il gruppo di materiali da costruzione CRH e il fornitore di impianti idraulici Ferguson sono tra le società ad aver lasciato la FSTE 100 per quotazioni primarie in Australia o negli Stati Uniti. Nonostante un’intensa campagna di lobbying nel Regno Unito per un’offerta azionaria a Londra, quest’anno il designer britannico di chip Arm si è quotato anche negli Stati Uniti.

Ma Roger Barker, direttore delle politiche e della governance presso l’Institute of Director, che rappresenta i membri del consiglio di amministrazione delle società, ha affermato che la decisione della FRC è “l’ultima fase nel disfacimento delle riforme di governance aziendale del governo”.

Hywel Ball, presidente britannico della Big Four Accountability EY, ha aggiunto: “L’attrattiva del Regno Unito si basa sulla regolamentazione intelligente, non sull’assenza di regolamentazione”.

Le riforme originali sono state avanzate da regolatori e ministri dopo i fallimenti di aziende di alto profilo che sono costati migliaia di posti di lavoro e hanno messo in pericolo le pensioni dei dipendenti negli ultimi dieci anni. Questi includevano il collasso dell’appaltatore governativo Carillion, del rivenditore BHS e della catena di caffetterie Patisserie Valerie.

L’inversione di rotta di martedì è l’ultima di una serie di diluizioni e ritardi nella revisione, a seguito di una reazione da parte di aziende che sarebbero state interessate dai cambiamenti e di una spinta del governo per alleggerire la regolamentazione.

Michael Izza, amministratore delegato dell’organismo professionale dei contabili ICAEW, ha dichiarato: “Il crollo di Carillion quasi sei anni fa ha segnato un momento di svolta per l’audit e la governance aziendale del Regno Unito, ma sembra che la promessa del governo di una riforma globale rimarrà insoddisfatta a causa della mancanza di volontà politica”.

La FRC ha dichiarato che pubblicherà a gennaio una versione aggiornata del codice, che si applica alle società con una quotazione premium sulla Borsa di Londra.

Moriarty ha affermato che i cambiamenti sosterrebbero “la crescita economica e la competitività del Regno Unito”.

Anche se la nuova versione del codice continuerà a richiedere alle società di riferire sui controlli interni, l’attuazione subirà ritardi indeterminati. La FRC ha affermato che ciò contribuirebbe a garantire che “l’approccio del Regno Unito si differenzia chiaramente dall’approccio molto più invasivo adottato negli Stati Uniti”.

L’organismo di vigilanza ha affermato di aver abbandonato alcune proposte a causa della decisione del ministro degli affari Kemi Badenoch il mese scorso di accantonare la legislazione che avrebbe reso più severe le regole di governance aziendale per le grandi aziende.

Tali regolamenti sono stati aboliti dopo le pressioni del settore dei servizi finanziari sul costo delle nuove regole di reporting aziendale, comprese le dichiarazioni annuali sulla resilienza finanziaria.

I ministri hanno anche ritardato una legislazione separata per istituire un nuovo e più potente regolatore contabile e dei consigli di amministrazione. La misura è stata omessa dal discorso del re di martedì, che ha delineato l’agenda legislativa del governo per il prossimo anno.

Il partito laburista si è scontrato con il governo per i ritardi, promettendo di portare avanti una revisione dei conti e della governance aziendale se dovesse conquistare il potere.

Il segretario ombra agli affari Jonathan Reynolds ha affermato che il partito laburista istituirà “un sistema di audit e di governance in cui le aziende possano avere fiducia e non sarà soggetto a punteggi politici”.