Mer. Lug 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Ad agosto, il cantante Post Malone ha sollevato casualmente l’argomento delle valute digitali delle banche centrali a Joe Rogan, conduttore del podcast più popolare in America. “Assolutamente no”, disse Rogan. “Penso che sia scacco matto. Il gioco è finito.”

Era preoccupato che i paesi potessero creare sistemi di punteggio per valutare i cittadini sulla base di criteri sociali o politici, quindi utilizzare tali punteggi per bloccare l’accesso al denaro. “Ciò che vorrebbero fare è poterti spogliare dei tuoi soldi e poterti imprigionare”, ha detto. “E poi assicurati di conformarti.”

La preoccupazione per quello che è diventato noto come punteggio di credito sociale sta diventando un identificatore politico negli Stati Uniti. Dal 2021, poco più di una dozzina di stati a guida repubblicana hanno approvato leggi che impediscono alle agenzie statali di considerare fattori ambientali o sociali nelle loro decisioni di investimento. Nel marzo di quest’anno, un gruppo di 19 governatori repubblicani ha firmato un accordo confermando il proprio impegno nei confronti di queste leggi, aggiungendo il voto di proteggere i consumatori dai punteggi di credito sociale che potrebbero influenzare il loro accesso alle banche o ai prestiti.

A maggio, Ron DeSantis, il governatore della Florida candidato alla presidenza, ha firmato una legge che fa proprio questo. Le banche in Florida non possono utilizzare un punteggio di credito sociale che consideri opinioni politiche, discorsi, affiliazioni, credenze religiose, possesso di armi da fuoco o sostegno ai combustibili fossili, al legname, alle industrie minerarie o agricole. Rogan è fermamente convinto di non essere repubblicano. Ma non è solo un ragazzo preoccupato per il futuro. C’è forza politica dietro la paura americana del credito sociale.

Ma gli Stati Uniti hanno già un proprio sistema privato, opaco e spesso arbitrario per il punteggio e l’assegnazione del credito, che già limita l’accesso ai prestiti, agli affitti e in alcuni casi anche all’occupazione. La legge della Florida presuppone che sia possibile valutare il credito in modo puramente “quantitativo, imparziale e basato sul rischio”. Potrebbe essere vero. L’attuale sistema americano, tuttavia, offre un punteggio quantitativo senza garanzia di accuratezza e colpisce in modo sproporzionato alcuni gruppi sociali.

Il credito è intrinsecamente sociale. Offrire un prestito o una linea di credito significa implicare che esiste una sorta di relazione continuativa, che puoi sapere ora come qualcuno si comporterà in futuro. Fino alla metà del XIX secolo in America questa conoscenza era locale e aneddotica. Ad esempio, un commerciante che lascia una scheda aperta potrebbe richiedere un co-firmatario su una cambiale per alcuni clienti poco affidabili. I rapporti di credito tra le città e attraverso gli oceani, tuttavia, richiedevano corrispondenti locali, persone che potessero garantire a New Orleans per un prestatore a Liverpool.

Tuttavia, fu solo dopo il Panico del 1837, quando tutti questi rapporti di corrispondenza fallirono contemporaneamente, che gli Stati Uniti svilupparono quelle che oggi chiamiamo agenzie di rating private. Come Bruce Carruthers della Northwestern University sottolinea, si è trattato di un processo volto a trasformare l’incertezza in rischio. Gli impiegati delle poste e i banchieri registravano segretamente le impressioni soggettive in tutto il paese, inviando alle agenzie rapporti spesso contraddittori che venivano trasformati in numeri. I punteggi di credito erano precisi, ma non accurati.

Il continuo richiamo di un numero per ridurre l’incertezza non garantisce ancora l’accuratezza. C’è un record esasperante di informazioni errate nei punteggi del credito al consumo. Ciò può essere il risultato di file misti, in cui le agenzie segnalanti semplicemente confondono due persone diverse; debito medico, un cattivo predittore del comportamento finanziario; e furto d’identità.

Nonostante le ripetute promesse fatte a Washington, le agenzie di informazione creditizia spesso non riescono a rispondere ai tentativi di correggere la situazione, o trascinano le controversie, incoraggiando le persone a pagare debiti sbagliati solo per cancellare i loro conti. E, prevedibilmente, le persone che contestano le linee di credito sui loro rapporti di credito sono sproporzionatamente giovani, neri e ispanici.

Le controversie segnalate al Consumer Financial Protection Bureau sono aumentate negli ultimi anni, da poco più di 300.000 nel 2020 a quasi un milione fino a settembre 2022. Questa crescita deriva in parte da un aumento dei furti di identità. Le agenzie di segnalazione del credito hanno anche sostenuto che l’aumento delle controversie deriva dalle organizzazioni di riparazione del credito, un’industria artigianale che aiuta i consumatori ad affrontare la complessità delle discussioni sui loro punteggi di credito.

Rogan e Malone sono preoccupati per la capricciosa perdita dell’accesso al settore bancario e al credito. Questo è davvero un problema fastidioso. Purtroppo è anche il sistema già in atto.