Ven. Giu 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Secondo fonti a conoscenza della questione, il Regno Unito e l’UE spingeranno i paesi più ricchi del mondo a porre fine ai sussidi per le operazioni straniere di petrolio e gas e per l’estrazione del carbone in una riunione dell’OCSE a porte chiuse il mese prossimo.

Si prevede che la proposta di tagliare la più grande fonte estera di finanziamento pubblico per i combustibili fossili scatenerà accesi negoziati presso la sede parigina dell’OCSE.

La mossa si basa sull’impegno di alcuni paesi OCSE ad allineare le istituzioni finanziarie pubbliche agli obiettivi dell’accordo di Parigi per limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C e idealmente 1,5°C sopra i livelli preindustriali.

Ma lo sforzo di porre fine ai sussidi per progetti esteri attirerà l’attenzione sulla prevalenza dei sussidi nazionali per le industrie del petrolio e del gas, anche se un accordo globale per porre fine alla produzione di combustibili fossili senza le emissioni catturate al prossimo vertice sul clima delle Nazioni Unite COP28 sembra sempre più improbabile.

Porre fine alla fornitura di prestiti e garanzie da parte delle agenzie di credito all’esportazione per progetti di combustibili fossili sarebbe “un primo passo essenziale per mantenere i nostri obiettivi climatici internazionali a portata di mano”, ha affermato Nina Pušić, stratega climatica dei finanziamenti all’esportazione presso il gruppo statunitense per la campagna ambientale Oil Change International.

Uno stimato 41 miliardi di dollari Secondo OCI, l’anno è stato speso dalle agenzie di credito all’esportazione dei paesi OCSE per sostenere progetti relativi a carbone, petrolio e gas tra il 2018 e il 2020, quasi cinque volte il loro sostegno all’energia pulita.

Oltre al Mozambico, i maggiori destinatari del sostegno in questo periodo operavano nei paesi sviluppati tra cui Canada, Emirati Arabi Uniti e Russia.

I paesi ricchi hanno concordato nel 2021 di sospendere i sussidi per la produzione di elettricità alimentata a carbone all’estero, dimostrando che questo tipo di decisione dell’OCSE può “avere un effetto catalizzatore sulla transizione all’energia pulita”, ha aggiunto Pušić.

Anche il tentativo di ridisegnare la posizione dei membri dell’organizzazione internazionale sui combustibili fossili si basa su a impegno da alcuni Stati membri tra cui Regno Unito, Canada, Francia, Italia e Stati Uniti al vertice COP26 delle Nazioni Unite a Glasgow due anni fa.

La loro promessa di porre fine al nuovo sostegno pubblico ai combustibili fossili internazionali entro la fine del 2022 prevedeva eccezioni per i progetti in cui le emissioni vengono catturate e per i casi “coerenti” con l’accordo di Parigi.

I governi si sono inoltre impegnati a Glasgow a spingere organismi come l’OCSE e le banche multilaterali di sviluppo ad aggiornare i loro quadri di governance per allinearli agli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Le modifiche all’accordo dell’OCSE sui crediti all’esportazione sarebbero volontarie. Richiederebbe anche il consenso di un gruppo di Stati membri che includa i principali finanziatori di combustibili fossili che non hanno sostenuto l’impegno di Glasgow, come il Giappone e la Corea del Sud.

Ciò eserciterebbe inoltre pressioni sui firmatari affinché frenino il finanziamento dei combustibili fossili all’estero da parte delle loro agenzie di credito all’esportazione.

I direttori dell’agenzia statunitense per il credito all’esportazione Exim, ad esempio, hanno votato a maggio per sborsare quasi 100 milioni di dollari per sostenere l’espansione di una raffineria di petrolio indonesiana, nonché l’efficienza del carburante e il miglioramento della sicurezza. A luglio hanno anche votato a favore del credito a sostegno dell’acquisto di gas naturale liquefatto statunitense da parte del commerciante di materie prime Trafigura per l’esportazione in Europa.

Exim ha affermato che tali decisioni sosterrebbero più di 12.000 posti di lavoro negli Stati Uniti, aumentando le vendite di petrolio e gas del paese. Non ha risposto ad una richiesta di commento.

Louise Burrows, che gestisce la diplomazia del clima e dell’energia per l’Alleanza Beyond Oil and Gas di governi tra cui Francia e Danimarca, ha affermato che le discussioni dell’OCSE costituirebbero “un utile meccanismo di forzatura per iniziare a dialogare con i ritardatari”.

Persone vicine alla UK Export Finance, l’agenzia di credito britannica, hanno affermato che il Canada si è impegnato a sostenere la proposta del Regno Unito all’OCSE prima della riunione del mese prossimo. Il dipartimento finanziario canadese ha affermato che “non vede l’ora di lavorare insieme a partner che la pensano allo stesso modo presso l’OCSE e in altri forum internazionali per far crescere e promuovere l’economia pulita in tutto il mondo”.

L’UE ha presentato la propria proposta, secondo una persona a conoscenza della questione, dopo che gli Stati membri si sono accordati su una bozza di proposta il mese scorso, secondo un’altra persona a conoscenza della questione. Non ha fornito un commento.

Il blocco sta facendo una spinta concertata per porre fine al sostegno al petrolio, al gas e al carbone.

Il suo mandato negoziale per il vertice COP28 di quest’anno a Dubai, concordato questo mese dai ministri del clima del blocco, afferma che l’UE chiederà “un’eliminazione graduale il più presto possibile dei sussidi ai combustibili fossili che non affrontano la povertà energetica o la semplice transizione”.

Il nuovo capo del clima dell’UE Wopke Hoekstra ha descritto i sussidi ai combustibili fossili come “obsoleti e controproducenti”.

Ma in un rapporto pubblicato la scorsa settimana, la Commissione europea ha affermato che i sussidi totali ai combustibili fossili nel blocco sono “impennati” durante la crisi energetica nel 2022 fino a raggiungere i 122 miliardi di euro, dopo essere rimasti sostanzialmente stabili a 56 miliardi di euro l’anno precedente. “Gli Stati membri devono accelerare l’azione per porre fine ai sussidi ai combustibili fossili”, si legge.