Mar. Giu 18th, 2024
La sanità mentale alla fine prevale nelle battaglie giudiziarie sul debito sovrano di New York

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Da quando il Covid ha colpito le economie mondiali nel 2020, gli ingenti debiti sovrani dei paesi a basso reddito sono stati una delle principali preoccupazioni.

La necessità di una riduzione del debito è stata spesso contestata, l’effettiva riduzione del debito è stata concessa troppo lentamente e l’importo richiesto è stato contestato. La frustrazione nei confronti del successore del Club di Parigi, il Quadro comune, ha innescato la ricerca di alternative.

Mentre i politici internazionali e gli esperti hanno proposte di riforma del quadro comune per accelerare i negoziati, le organizzazioni della società civile hanno individuato la possibilità di utilizzare la legislazione dello Stato di New York per migliorare i risultati. È in questo contesto che, questa settimana, il Senato di New York è pronto ad approvare un disegno di legge volto a sostenere la ristrutturazione ordinata del debito sovrano.

Invece di cercare di cambiare il processo negoziale internazionale – come avrebbero fatto alcune proposte legislative – la nuova legge mira strettamente a ridurre il rischio di contenziosi di resistenza nello stato. New York è stata a lungo la giurisdizione preferita dai creditori resistenti che intentavano azioni legali contro sovrani stranieri. Tali creditori sono tipicamente hedge fund in difficoltà che acquistano debito con un forte sconto solo per chiedere il rimborso completo in un tribunale. Questi investitori in genere hanno ampie disponibilità finanziarie per finanziare le controversie e nessuna reale intenzione di negoziare una ristrutturazione ordinata.

Oggi ci sono azioni pendenti contro lo Sri Lanka e Argentina. Negli ultimi 25 anni sono stati intentati casi contro paesi tra cui Perù, Polonia, Panama, Ecuador, Costa d'Avorio e Paraguay. Il caso più famoso di tutti è stato l’epico contenzioso contro l’Argentina, durato dal 2001 al 2016. La nuova legge scoraggerebbe controversie ingiustificate che potrebbero interrompere una ristrutturazione negoziata.

I mutuatari sovrani si trovano ad affrontare una sfida unica quando non riescono a pagare i propri debiti: a differenza delle imprese, non sono in grado di chiedere protezione ai creditori e di riorganizzare i propri debiti ai sensi del codice fallimentare.

La conseguenza è che quando un sovrano straniero va in default su un’obbligazione o su un prestito, la ristrutturazione del debito avviene sotto la costante minaccia di contenziosi, perché gli investitori che detengono obbligazioni documentate ai sensi delle leggi dello Stato di New York (o di qualsiasi altro Stato) hanno il diritto inequivocabile di intentare causa e di chiedere la riscossione integrale.

Alcuni investitori hanno utilizzato il loro diritto di agire in giudizio per perseguire i paesi in tribunale per anni, nel tentativo di ottenere il rimborso completo del capitale residuo (e ingenti importi di interessi scaduti) – anche dopo che la maggior parte dei creditori ha accettato una perdita significativa a seguito di una ristrutturazione consensuale del debito. per aiutare il Paese a riprendersi. Scoraggiare tale comportamento non collaborativo è l’obiettivo della nuova legge.

Il disegno di legge si compone di due parti operative.

In primo luogo, ripristina nella legge di New York la difesa del “champerty” per i mutuatari sovrani rispetto ai crediti superiori a 500.000 dollari. La dottrina della champerty dello Stato di New York vieta l’acquisto di crediti “con l’intento e lo scopo di intentare causa”. Questa dottrina è presente da tempo nella legge di New York; tuttavia, un sentenza della Corte d'appello del 1999 E un disegno di legge del 2004 per fornire un porto sicuro per i sinistri di grandi dimensioni tolto la difesa.

Il nuovo disegno di legge eliminerebbe l’approdo sicuro di 500.000 dollari, ma solo per le cause intentate da attori litigiosi e non cooperativi che non si impegnano in buona fede per trovare una soluzione cooperativa. Tuttavia, il disegno di legge protegge la salute dell’ecosistema del debito sovrano specificando che la modifica legislativa non è destinata ad applicarsi agli acquirenti abituali di nuove emissioni di debito sovrano o ai fondi cooperativi di copertura del debito in difficoltà, come quelli che prestano regolarmente servizio nei comitati dei creditori. , o che generalmente accettano accordi sostenuti da altri creditori a seguito di una negoziazione.

In secondo luogo, modifica il tasso di interesse legale applicato alle sentenze di New York portandolo a un tasso di mercato tasso attuale del 9%., che è stata introdotta per legge quando i tassi di mercato erano molto più alti. Il nuovo tasso sarebbe fissato al tasso legale federale, che è pari al rendimento prevalente dei buoni del Tesoro a un anno, attualmente intorno al 5%.

Ciò ridurrebbe il tasso al quale i crediti dei titoli sovrani si sommano agli interessi non pagati dopo il default. Questa è stata una considerazione importante nel contenzioso argentino, perché più tempo ci voleva per raggiungere un accordo, più alcuni hedge fund ne traevano profitto.

Il motivo è che, prima che vengano emessi giudizi monetari, i crediti obbligazionari crescono dell’importo dei mancati pagamenti delle cedole obbligazionarie più 9 interesse percentuale su tali mancati pagamenti. Tale aumento dei sinistri, in teoria, rende più redditizio per gli hedge fund ritardare la liquidazione e continuare a litigare. Riportare il tasso di interesse del giudizio di New York al tasso legale federale ridurrà l'incentivo finanziario a trascinare il contenzioso.

Sebbene queste disposizioni disincentivino il comportamento non cooperativo nella ristrutturazione del debito sovrano, gli scettici potrebbero chiedersi: perché emanare questa legge quando il contenzioso è stato meno un problema da quando il mercato ha adottato potenti clausole di azione collettiva sulla scia del disordinato re-default dell’Argentina per ordine del tribunale nel 2014?

La risposta è che questa riforma contrattuale non fa nulla per prevenire il contenzioso durante la negoziazione degli accordi – e non tutti gli strumenti di debito hanno clausole di azione collettiva adeguate.

Quindi, finché gli stati sovrani non possono presentare istanza di fallimento, sono garantiti limiti alle aggressive controversie sul debito sovrano per proteggere la maggioranza degli investitori dalla tirannia della minoranza legalmente esperta che cerca un accordo migliore a loro spese.

Incoraggiamo l’Assemblea ad approvare il disegno di legge e il Governatore a firmarlo. Il disegno di legge è limitato, mirato e giustificato. Sarà positivo per gli affari nello Stato di New York e ridurrà le inutili controversie nei nostri tribunali.