Mar. Giu 18th, 2024
Le banche centrali globali intendono aumentare le riserve in dollari, suggerisce un sondaggio

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il numero di banche centrali che cercano di aumentare la propria esposizione al dollaro statunitense è aumentato notevolmente quest’anno, secondo un sondaggio annuale attentamente monitorato, confondendo le richieste di alcuni paesi in via di sviluppo di utilizzare valute rivali come riserve.

Secondo l’Official Monetary and Financial Institutions Forum, un think tank britannico, il 18% netto delle banche centrali globali prevede di aumentare la propria allocazione in dollari nei prossimi uno o due anni in risposta ai tassi di interesse statunitensi che rimangono elevati. ha intervistato 73 istituzioni di questo tipo che gestiscono un totale di 5,4 trilioni di dollari di riserve internazionali. La mossa segna un forte aumento rispetto al 6% netto di un anno fa.

Allo stesso tempo, la domanda di renminbi si è arrestata tra le banche centrali, arrestando una tendenza degli ultimi anni in cui un numero maggiore di banche centrali mirava ad aumentare l’esposizione alla valuta cinese.

Un’impennata della domanda di dollari tra i gestori delle riserve segna una pausa, almeno nel breve termine, da un graduale calo dell’allocazione al biglietto verde da parte delle banche centrali, poiché il ruolo degli Stati Uniti nel commercio globale è diminuito.

Il congelamento di asset della banca centrale russa per un valore di oltre 300 miliardi di dollari nel 2022 ha inoltre suscitato nuove richieste da parte di alcune delle maggiori economie emergenti del mondo ad abbandonare il dollaro.

“Il fatto che il dollaro sia la valuta più richiesta nel breve termine, mentre la domanda per il renminbi si è stabilizzata, suggerisce che questa ampia narrativa di de-dollarizzazione si è quantomeno arrestata”, ha affermato Nikhil Sanghani, amministratore delegato dell’OMFIF. .

Sanghani ha aggiunto che la domanda più forte di dollari su un orizzonte di uno o due anni si è verificata tra le banche centrali asiatiche, mentre i gestori delle riserve in Asia e America Latina sono più propensi a pianificare riduzioni delle loro allocazioni in renminbi.

In un vertice del cosiddetto gruppo di paesi Brics lo scorso anno – che ha portato l’Egitto, l’Etiopia, l’Iran e gli Emirati Arabi Uniti ad unirsi al blocco dei mercati emergenti composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa a gennaio – i leader hanno accusato i loro ministri delle finanze e governatori delle banche centrali con lo sviluppo di misure per ridurre la dipendenza dal dollaro negli scambi commerciali tra le loro economie.

“C'è uno slancio globale verso l'uso delle valute locali, degli accordi finanziari alternativi e dei sistemi di pagamento alternativi”, ha affermato il presidente del Sud Africa Cyril Ramaphosa, che all'epoca aveva ospitato il vertice.

Ma il rapporto dell’OMFIF afferma che fattori a breve termine sembrano guidare la rinnovata domanda di dollari tra le banche centrali, compresi rendimenti più elevati attesi dagli Stati Uniti, dove si prevede che i tassi rimarranno più alti che in Cina.

Diverse banche centrali, tra cui la Banca Centrale Europea, la Banca Nazionale della Polonia, la Reserve Bank of New Zealand e la South African Reserve Bank, hanno affermato che il conseguimento di rendimenti è parte del loro obiettivo di investimento.

In una prospettiva a 10 anni, tuttavia, Sanghani ha affermato che i gestori delle riserve si aspettano ancora un “calo molto graduale della quota del dollaro nelle riserve globali” fino a un’allocazione media del 55% per il dollaro rispetto al 5,5% per il renminbi, che è stata “ampiamente in linea” con le tendenze degli ultimi dieci anni.

Secondo i dati del FMI, il dollaro attualmente rappresenta circa il 58% delle riserve globali, rispetto al 70% di inizio secolo. La quota attuale del renminbi è pari al 2,3%.

Secondo l’OMFIF, la percentuale media delle riserve delle banche centrali detenute in oro è aumentata dal 9% all’11% nell’ultimo anno. Un 15% netto sta cercando di aumentare la propria esposizione nei prossimi uno o due anni, anche se l’oro è scambiato vicino a un livello record.

Il rapporto afferma che se ciò si concretizzasse di nuovo, come è accaduto nell’ultimo anno, le banche centrali potrebbero acquistare altri 600 miliardi di dollari di metallo prezioso nei prossimi uno o due anni.