Mar. Lug 16th, 2024
La vittoria dell’estrema destra francese potrebbe innescare una crisi del debito in stile Liz Truss, avverte il ministro delle Finanze

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il ministro delle Finanze francese ha avvertito che il paese potrebbe affrontare una crisi del debito simile a quella del mercato dei gilt del Regno Unito sotto l’ex primo ministro Liz Truss se il Rassemblement National di estrema destra vincesse le elezioni anticipate questo mese e il prossimo.

In segno di nervosismo del mercato, i titoli di stato francesi sono stati bruscamente svenduti dopo l’annuncio scioccante del presidente Emmanuel Macron di domenica che avrebbe sciolto il parlamento e indetto nuove elezioni dopo che il suo partito è stato sconfitto dall’estrema destra alle elezioni europee.

La svendita ha spinto il divario tra i costi di finanziamento francesi e tedeschi al livello più alto da ottobre. Il costo di alcune scadenze del debito francese è inoltre salito al di sopra di quello del Portogallo, che è andato in default durante la crisi dell’Eurozona e ha avuto un rating di credito spazzatura per gran parte dell’ultimo decennio.

“Se la RN attuasse il suo programma, una crisi del debito sarebbe possibile. Uno scenario in stile Liz Truss è possibile”, ha detto martedì sera il ministro delle Finanze Bruno Le Maire ai funzionari locali del partito.

Una crisi è scoppiata nel mercato obbligazionario del Regno Unito nel 2022 quando Truss ha presentato un bilancio che avrebbe implementato tagli fiscali non finanziati per decine di miliardi di sterline. Truss è stato costretto a dimettersi dopo soli 44 giorni in carica, ma non prima che la crisi avesse fatto crollare centinaia di miliardi di sterline dal valore dei regimi pensionistici del Regno Unito.

Le Maire ha avvertito che la Francia “semplicemente [does] non hanno i mezzi per finanziarsi [RN leader] Le decine di miliardi di euro aggiuntivi di Marine Le Pen” in costi associati al programma del partito di tagliare le tasse sulle vendite e aumentare l'età pensionabile. La Marina militare non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il rendimento delle obbligazioni francesi a 10 anni di riferimento è aumentato di 0,22 punti percentuali lunedì e martedì fino a oltre il 3,33% in una fase, spingendo il premio sugli oneri finanziari della Francia rispetto a quelli tedeschi a 0,62 punti percentuali.

Mercoledì le obbligazioni francesi hanno parzialmente invertito le perdite, chiudendo con un rendimento del 3,25%. Tuttavia, gli investitori restano preoccupati che, qualora la RN dovesse prendere o condividere il potere, i suoi piani per decine di miliardi di euro di spesa pubblica aggiuntiva potrebbero impedire qualsiasi miglioramento del crescente deficit di bilancio del paese.

Mercoledì François Villeroy de Galhau, governatore della Banca di Francia, ha avvertito che il paese deve chiarire la sua traiettoria di spesa il prima possibile.

“Sarà importante che, qualunque sia l'esito del voto, la Francia possa chiarire rapidamente la sua strategia economica e in particolare la sua strategia di bilancio”, ha detto mercoledì mattina a Radio Classique. “I periodi elettorali sono sempre accompagnati da incertezza. . . ma agli investitori non piace l’incertezza”.

Le forti vendite di obbligazioni francesi questa settimana fanno seguito alla decisione dell'agenzia di rating S&P di abbassare il rating sul debito francese alla fine di maggio a doppia A meno, gettando acqua fredda sugli sforzi del governo francese per migliorare le proprie finanze pubbliche.

“Se si considerano i parametri del debito francese, il deficit è un problema e penso che, combinato con l’incertezza politica, non sorprenda che gli spread si siano ampliati”, ha affermato Andrew Balls, responsabile degli investimenti per il reddito fisso globale presso il colosso obbligazionario Pimco. I mercati stavano “prezzando il rischio in modo appropriato”.

Il grafico lineare del costo del debito sovrano francese a 10 anni rispetto alla Germania mostra che il premio per il rischio della Francia è aumentato vertiginosamente questa settimana

Lo scorso anno il deficit di bilancio della Francia era ben al di sopra dell’obiettivo del 5,5%, il che inserisce la Francia nella lista della procedura per disavanzo eccessivo dell’UE. Secondo le nuove regole dell’UE che entreranno in vigore il prossimo anno, la Francia dovrà ridurre il suo deficit strutturale dello 0,5% all’anno fino a quando il deficit complessivo non scenderà al di sotto del 3%.

Il governo si è anche impegnato a portare il deficit al di sotto del 3% entro il 2027. Cedric Gemehl, analista di Gavekal Research, ha affermato che tali piani “non sembravano credibili all’inizio” e “ancora meno adesso”, aggiungendo che “ulteriori downgrade sembrano probabile”.

Jason Davis, gestore del portafoglio tassi globali presso JPMorgan Asset Management, ha affermato di detenere da qualche tempo una ponderazione inferiore al benchmark nei titoli di stato francesi. “Le elezioni anticipate aumentano l'incertezza sulla traiettoria della sostenibilità fiscale della Francia e sui conseguenti rating creditizi”, ha affermato.

Tuttavia, la svendita dei bond francesi rimane più contenuta rispetto al 2017, quando Le Pen arrivò seconda al primo turno di votazioni per la presidenza francese, spingendo lo spread dei costi di finanziamento tra la seconda economia dell’Eurozona e la Germania a 0,8 punti percentuali.

Dal 2017, Le Pen ha rimangiato il suo piano di far uscire la Francia dall’UE. Gli analisti affermano che l'ampliamento dello spread questa volta dovrebbe essere meno intenso nei prossimi mesi, ma hanno avvertito che le elezioni presidenziali francesi nel 2027 potrebbero rappresentare un rischio maggiore per i mercati se Le Pen dovesse rimanere molto avanti nei sondaggi.

“In poche parole, la questione chiave per i mercati sono le possibili implicazioni fiscali di una maggioranza Le Pen piuttosto che esistenziali come la potenziale Frexit”, ha affermato Meera Chandan, stratega FX globale presso JPMorgan Chase.