Lun. Giu 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’hedge fund londinese Qube Research & Technologies ha negato di aver effettuato una scommessa da 670 milioni di sterline contro le azioni HSBC, dopo aver dichiarato la posizione in un deposito presso la Financial Conduct Authority all’inizio di questa settimana.

La posizione, che equivarrebbe allo 0,57% della capitalizzazione di mercato di HSBC, una delle più grandi posizioni corte mai registrate su una delle quattro grandi banche del Regno Unito, è stata stipulata martedì, secondo i dati riportati alla FCA e pubblicati mercoledì.

Ma in una dichiarazione al MagicTech venerdì pomeriggio, Qube ha dichiarato: “Il deposito della FCA è stato effettuato erroneamente a causa di un problema tecnico ed è attualmente in fase di correzione con la FCA. Si prega di notare che QRT non ha una posizione corta netta in HSBC.”*

Qube è una società di hedge fund quantitativa multistrategia che accetta scommesse su una vasta gamma di mercati e strategie.

HSBC ha rifiutato di commentare. Quest’anno le azioni della banca hanno guadagnato circa il 18%. La FCA ha rifiutato di commentare.

L’ultima volta che un hedge fund ha assunto una posizione corta al di sopra della soglia di divulgazione contro HSBC è stato quando Bridgewater di Ray Dalio ha venduto allo scoperto le azioni all’inizio del 2018. La posizione corta di Bridgewater era inferiore in termini percentuali ma di dimensioni simili in termini di sterline.

Ivan Ćosović, fondatore del gruppo di dati Breakout Point, ha affermato che sarebbe “inaspettato” che Qube faccia “una divulgazione di queste dimensioni”.

HSBC ha goduto di un aumento delle entrate in gran parte guidato dai forti aumenti dei tassi di interesse iniziati quasi due anni fa. Con tassi più alti, la banca ha guadagnato più denaro prestando i depositi dei clienti.

Ma ci sono ancora delle sfide, data la sua esposizione all’economia cinese, che non è riuscita a riprendersi con forza dai rigorosi blocchi del Covid-19.

Il maggiore azionista di HSBC, l’assicuratore cinese Ping An, in precedenza aveva spinto la banca a dividere e quotare in borsa le sue attività in Asia, sostenendo che era diventato troppo difficile gestire le crescenti tensioni tra l’Occidente e la Cina.

La proposta di Ping An è stata respinta dall’80% degli azionisti a maggio durante l’assemblea annuale della banca.

Qube è nata dalla divisione asset management di Credit Suisse nel 2018 ed è gestita dall’amministratore delegato Pierre-Yves Morlat e dal chief investment officer Laurent Laizet. Secondo i documenti della società, lo scorso anno ha pagato ai suoi 343 dipendenti 272 milioni di sterline in salari e benefici correlati. Questo è aumentato rispetto ai 229 dipendenti del 2021, con costi del personale pari a 105 milioni di sterline.