Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le banche e i gestori patrimoniali hanno attaccato una serie di modifiche dell’ultimo minuto proposte dal governo italiano per una revisione tanto attesa dei mercati dei capitali del paese, avvertendo che potrebbero scoraggiare gli investitori stranieri.

Il governo di Giorgia Meloni è in procinto di approvare una serie di misure volte a migliorare l’attrattiva dei mercati dei capitali, tra cui requisiti di quotazione più semplici e la possibilità di emettere azioni con diritto di voto multiplo ampliato.

Le proposte arrivano dopo che un certo numero di grandi aziende hanno spostato le loro quotazioni o sedi legali fuori dall’Italia, e seguono gli avvertimenti 2020 dell’OCSE sul miglioramento dei mercati dei capitali del Paese per stimolare la crescita economica e un rapporto compilato dal Ministero del Tesoro italiano.

Ma gli emendamenti tardivi alle misure tanto attese, che sono state incorporate nei piani del governo per il settore e che annullerebbero lo statuto aziendale sulle modalità di nomina del consiglio di amministrazione, sono stati criticati durante una conferenza tenutasi venerdì alla Borsa di Milano.

“Queste disposizioni sono totalmente inutili e non è chiaro chi ne trarrebbe beneficio, sicuramente non il mercato”, ha affermato Andrea Vismara, amministratore delegato della banca d’investimento italiana Equita.

Analisti e investitori affermano che favorirebbero gli investitori di minoranza nazionale ma danneggerebbero gli altri azionisti.

In Italia i consigli di amministrazione, compreso l’amministratore delegato, hanno generalmente un mandato triennale. Al termine del mandato, le società quotate con una base di investitori internazionali – ad esempio Generali, UniCredit, Banco BPM o Mediobanca – di solito danno al consiglio uscente la possibilità di nominare una lista di candidati per il mandato successivo. Se i direttori uscenti hanno avuto un mandato di successo, queste proposte sono solitamente sostenute da investitori istituzionali.

Tuttavia, con le modifiche proposte, il diritto dei consigli di nominare gli amministratori verrebbe significativamente limitato a favore delle liste presentate dai grandi azionisti.

Un cambiamento vedrebbe un consiglio non in grado di presentare la propria lista di candidati se c’è un unico investitore che possiede più del 9% della società e nomina gli amministratori. Un altro cambiamento aumenterebbe i voti di una lista rivale di candidati, anche se la lista del consiglio ottenesse la maggioranza.

Le disposizioni potrebbero creare “uno scenario assurdo in cui la lista dei candidati vittoriosa potrebbe [in effect] ottenere meno posti nel consiglio di amministrazione”, ha affermato Luisa Torchia, membro del consiglio di amministrazione della compagnia assicurativa Generali, che è al centro di una lunga battaglia tra i suoi principali azionisti.

Massimo Tononi, presidente del Banco BPM, la terza banca italiana, ha affermato che le regole che riguardano il consiglio di amministrazione sono “sconcertanti” e dovrebbero essere riviste perché rischiano di spaventare gli investitori internazionali “che non sono abituati a tali pratiche che potrebbero minare la stabilità dell’Italia”. buoni standard di governo societario”.

Le modifiche darebbero inoltre un forte incentivo a detenere azioni per più di un decennio, poiché a tali investitori a lungo termine vengono concessi più diritti di voto rispetto agli altri azionisti.

“Queste modifiche sono in forte contrasto con le migliori pratiche internazionali e rischiano di distorcere profondamente il rapporto tra gli attori del mercato”, ha affermato Carlo Trabattoni, amministratore delegato di Generali Investments Partners, il braccio investimenti dell’assicuratore.

Anche l’autorità di regolamentazione finanziaria nazionale Consob ha messo in guardia in un rapporto sulle conseguenze che tali cambiamenti potrebbero comportare “minando gli obiettivi di semplificazione, stabilità e chiarezza della regolamentazione del settore”.

Trabattoni, che presiede anche l’associazione nazionale dei fondi Assogestioni, i cui membri includono BlackRock, Amundi, Pimco, Vanguard e Invesco, ha esortato il governo ad aprire alla discussione gli emendamenti proposti per evitare che la più ampia riforma dei mercati dei capitali si ritorce contro.

Tuttavia, ha anche criticato una disposizione nelle proposte originali che rafforza la possibilità per le società di introdurre diritti di voto multipli – progettata per impedire la fuga delle società nazionali ad Amsterdam dove è una pratica di mercato standard – che è profondamente sgradita ai fondi internazionali.