Gio. Giu 13th, 2024
L’Opec+ passa alla riunione online poiché il mercato prevede che i tagli continuino

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

L’Opec+ ha annullato il suo incontro formale a Vienna la prossima settimana a favore di una videoconferenza, nel segno che potrebbe già esserci un ampio accordo affinché i membri possano rinnovare i tagli esistenti alla produzione di petrolio.

I membri del cartello petrolifero allargato si incontreranno ora online, anziché di persona, il 2 giugno per decidere la politica di produzione per la seconda metà dell’anno.

Non è stata fornita alcuna motivazione per lo spostamento, anche se alcune persone in contatto con i delegati hanno suggerito che le preoccupazioni per la salute dell'88enne re Salman dell'Arabia Saudita abbiano contribuito alla decisione. Il ministro dell'energia saudita Abdulaziz bin Salman, che presiede l'Opec, è il figlio del re.

Il gruppo ha tenuto solo due incontri di persona dall’inizio della pandemia di Covid.

I 22 membri dell’Opec+, guidati da Arabia Saudita e Russia, hanno fatto un passaggio simile lo scorso novembre, dopo le controversie con i membri africani sulle quote che alla fine hanno portato l’Angola a lasciare il gruppo. Questa volta, le discussioni “dovrebbero svolgersi senza intoppi”, ha affermato Amena Bakr, analista di Energy Intelligence.

La maggior parte degli analisti si aspetta che i membri dell'Opec rinnovino per la seconda volta il taglio volontario di 2,2 milioni di barili al giorno concordato lo scorso novembre, nel tentativo di sostenere i prezzi contro l'aumento della produzione statunitense e le incerte prospettive economiche in Cina.

Il prezzo del greggio Brent di riferimento è vicino ai minimi di tre mesi, scambiato a poco più di 81 dollari al barile venerdì mattina. “Penso che rinnoveranno i tagli”, ha detto una persona vicina a diversi delegati dell’Opec. “L'ho sentito direttamente e indirettamente da due membri”, ha aggiunto la persona.

“L’incapacità di mantenere la soglia dei 90 dollari, il prezzo preferito per la maggior parte dei produttori Opec+ [means] l’esito più probabile sarà un’estensione degli attuali tagli alla produzione alla riunione di giugno”, ha affermato Ole Hansen, responsabile della strategia sulle materie prime presso la Saxo Bank.