Buongiorno da Boston, dove ho passato parte di questa settimana a scavare nella corsa per portare l’energia da fusione sul mercato (mi sono anche imbattuto in un pubblicità stradale questo mi ha fatto chiedere se ora abbiamo raggiunto il picco ESG).

Maggiori informazioni sulla storia della fusione nella nostra prossima edizione di lunedì. Oggi, iniziamo con un articolo dal Regno Unito che mette in evidenza una domanda fondamentale: gli obiettivi netti zero aziendali sono utili?

Come scrive Kenza di seguito, una “task force” ufficiale nel Regno Unito sta mettendo da parte tali obiettivi, concentrandosi invece sull’obiettivo nazionale zero netto e su come le aziende possono fare la loro parte per aiutare il paese a raggiungerlo.

Questo segue un importante dichiarazione l’anno scorso da ADEME, l’agenzia francese per l’ambiente e l’energia (un’utile analisi in inglese è qui). ADEME ha esortato le aziende e altre entità non statali a non fissare obiettivi di zero netto, avvertendo che “la neutralità del carbonio è una nozione che può essere definita solo su scala planetaria o statale”.

Gli obiettivi aziendali netti zero, avverte ADEME, potrebbero incoraggiare le aziende a concentrarsi semplicemente sulla compensazione delle loro emissioni attraverso crediti di carbonio a basso costo, invece di considerare il loro massimo contributo potenziale agli obiettivi climatici globali e nazionali.

Questo è un argomento su cui torneremo e nel frattempo accogliamo con favore i tuoi pensieri al riguardo: scrivici a [email protected] (Simone Mundy)

Le regole del piano di transizione del Regno Unito iniziano a prendere forma

Come in altre grandi economie, le grandi aziende del Regno Unito si sono messe in fila per giurare che elimineranno le loro emissioni nette di carbonio entro il 2050, o anche prima. Ma tali impegni non dovrebbero essere resi obbligatori, secondo una “task force” di leader aziendali e di governo che stanno preparando nuove linee guida nazionali sulla rendicontazione relativa al clima.

Dal prossimo anno, le aziende, i grandi gestori patrimoniali e i proprietari devono iniziare a pubblicare spiegazioni su come aiuteranno il Regno Unito a raggiungere l’obiettivo zero netto del 2050.

Una prima bozza di linee guida per questi piani dovrebbe essere pubblicata al vertice COP27 di novembre dalla Transition Plan Taskforce, guidata congiuntamente da Amanda Blanc, che è a capo dell’assicuratore Aviva e direttore non esecutivo di BP, e dal Tesoro .

I piani di transizione attualmente pubblicati dalle società britanniche sono di “qualità estremamente variabile”, ha detto a Moral Money Jacques Morris, team leader presso il segretariato della Transition Plan Taskforce. “Se abbiamo un mondo in cui le grandi organizzazioni hanno solo un obiettivo netto zero, ma in realtà non stabiliscono come ci arriveranno, allora non c’è responsabilità. E questo porta al greenwashing”.

Piani di alta qualità potrebbero aiutare la Financial Conduct Authority a sradicare il greenwashing raccogliendo gli obiettivi di riduzione delle emissioni di un’azienda e i dati relativi alla sostenibilità in un unico posto, ha affermato Morris, nei conti finanziari di un’azienda o in un documento dedicato separato.

Il TPT sta adottando un “approccio a economia intera”, il che significa che ritiene che le aziende non debbano raggiungere lo zero netto individualmente affinché il Regno Unito possa raggiungere il suo obiettivo nazionale, ha aggiunto. “A livello di principi sappiamo che il disinvestimento semplicemente da asset ad alto contenuto di carbonio non è la risposta”.

Questa filosofia ha lo scopo di evitare la “decarbonizzazione della carta” – dove, ad esempio, un fondo potrebbe svendere una partecipazione in un asset ad alte emissioni come una centrale elettrica, solo per essere rubato da un’altra istituzione.

Secondo Morris, molte delle domande poste dalle imprese nella consultazione recentemente chiusa del TPT riguardavano la questione delle informative obbligatorie sulle emissioni di Scopo 3. Si tratta di emissioni nella catena del valore di un’azienda, come quelle derivanti dalle attività che sottoscrive o finanzia.

Alcuni investitori chiedono alle autorità di regolamentazione di imporre standard più elevati in questo spazio. Cathrine de Coninck-Lopez, responsabile ESG presso il gestore degli investimenti statunitense Invesco, ha affermato di sperare che il TPT renderà obbligatoria la verifica di terze parti delle divulgazioni della contabilità del carbonio. Invesco potrebbe essere pronta a pubblicare le proprie emissioni finanziate in ambito 3 dal prossimo anno, ha aggiunto, utilizzando la metodologia elaborata dalla Partnership for Carbon Accounting Financials e i dati forniti da ISS, un’attività di consulenza per gli azionisti. Ha detto: “Ci sarebbe un livello di fiducia più elevato in ciò che stiamo guardando se anche altri investitori utilizzassero la verifica”.

La task force del Regno Unito deve ancora prendere decisioni chiave in merito ai requisiti sulle informative di scopo 3, incluso se debbano essere pubblicate nei conti finanziari o in un documento separato.

Ma Morris ha detto che questa era una delle principali aree di interesse per il gruppo. Le emissioni finanziate rappresentano la “parte del leone” dell’impatto della City di Londra sul clima, ha osservato, superando di gran lunga le emissioni di scopo 1 e 2 del settore finanziario britannico che coprono i costi energetici, di viaggio e delle infrastrutture. “Ovviamente lo scopo 3 è troppo grande per essere ignorato.” (Kenza Bryan)

Le ricadute climatiche del viaggio di Pelosi a Taiwan

La visita del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan all’inizio di questo mese ha innescato una serie di reazioni dalla Cina, comprese esercitazioni militari di quasi una settimana intorno all’isola. Uno di questi sembrava avere implicazioni di particolare portata: la decisione della Cina di congelare il dialogo sul clima con gli Stati Uniti.

Gli ambientalisti hanno espresso preoccupazione per la sospensione della collaborazione sul clima tra i due paesi. “Non vedo un modo in cui la crisi climatica globale possa essere risolta senza che i due maggiori responsabili delle emissioni si parlino tra loro”, ha affermato Li Shuo, consulente politico di Greenpeace China con sede a Pechino.

Con la cooperazione climatica una rara oasi nel deserto delle difficili relazioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti negli ultimi anni, questo è uno sfortunato caso di tensioni diplomatiche che minano un’azione globale cruciale, ha affermato Yan Qin, analista del carbonio con sede a Oslo presso Refinitiv. È in contrasto con la rafforzata collaborazione tra Stati Uniti e Taiwan: questa settimana i due governi hanno annunciato che terranno colloqui formali su commercio e investimenti, con la cooperazione economica sul clima uno degli ambiti chiave di discussione.

L’escalation delle tensioni tra le due maggiori economie del mondo potrebbe avere un effetto raggelante sull’imminente riunione della COP27 di novembre, quando i leader mondiali si riuniranno per discutere della collaborazione sul clima. Questo è un altro onere per lo sforzo climatico globale, poiché la sicurezza energetica domina la scena politica e la politica climatica passa in secondo piano dopo l’invasione russa dell’Ucraina, mi ha detto Qin.

Il dialogo sul clima tra i due paesi è ripreso quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è entrato in carica nel gennaio 2021, dopo essere stato messo da parte sotto la presidenza Trump. L’inviato per il clima di Biden, John Kerry e Xie Zhenhua, rappresentante cinese per le questioni climatiche, lo scorso anno hanno mediato una rara dichiarazione congiunta sul clima delle superpotenze di Glasgow.

Kerry ha criticato la decisione della Cina su Twitter, avvertimento: “Sospendere la cooperazione non punisce gli Stati Uniti, punisce il mondo, in particolare il mondo in via di sviluppo”.

Nonostante questo ammonimento, alcuni specialisti non si aspettano che la mossa di Pechino abbia un enorme impatto sullo sforzo globale per ridurre le emissioni.

“La Cina sembra essere fedele alla sua parola fermando la costruzione di centrali a carbone offshore e ha rilanciato [the Belt and Road Initiative] come Green Belt and Road Initiative”, ha affermato Norman Waite, analista di finanza energetica presso l’Institute for Energy Economics and Financial Analysis. Questa pausa nei colloqui sembra un cambiamento radicale in una tendenza piuttosto che in un ambiente completamente nuovo, poiché le relazioni tra Stati Uniti e Cina si stanno logorando da tempo, ha aggiunto.

Sha Yu, un ricercatore energetico presso l’Università del Maryland, ha anche affermato che l’impatto sarà limitato poiché la questione climatica non è una questione “bilaterale” e gli sforzi nazionali per ridurre le emissioni continuano in ogni paese. Non vi è alcun segno che la Cina interromperà la collaborazione sul clima con altri paesi, inclusa l’UE, mi ha detto Yu.

Ad esempio, la Cina ha pubblicato un piano per le industrie ad alta intensità di carbonio come l’acciaio e il cemento per raggiungere il picco delle emissioni entro il 2030 all’inizio di questo mese. Negli Stati Uniti, Biden ha appena firmato l’Inflation Reduction Act che prevede oltre 360 ​​miliardi di dollari di spesa verde. Parte di ciò andrà alla produzione interna di tecnologia energetica pulita per ridurre la dipendenza dalle importazioni cinesi.

L’impatto sulle imprese e sugli investitori occidentali del blocco dei colloqui sul clima tra Cina e Stati Uniti è difficile da valutare per ora, hanno affermato gli esperti.

Waite all’IEEFA ha evidenziato un incidente nel 2010 quando la Cina ha interrotto la fornitura di metalli delle terre rare al Giappone a causa di una disputa sulla pesca, causando gravi disagi industriali. Anche se in questo momento non si aspettava un passo così drastico dalla Cina verso gli Stati Uniti, ha affermato che le aziende con una forte dipendenza dalle importazioni cinesi – che includono molte aree del settore delle tecnologie pulite – dovrebbero prepararsi a potenziali problemi. “Questo potrebbe essere il momento di rivedere l’esposizione alle catene di approvvigionamento cinesi nel caso in cui le relazioni sino-americane si deteriorino sostanzialmente”, ha affermato. (Tamami Shimizuishi, Nikkei)

Ascolto intelligente

Se stai lottando per tenere il passo con il numero crescente di podcast relativi a ESG, ecco a elenco di 10 vale la pena dare un’occhiata alle persone utili della rivista Sustainability. Includono il podcast Green Dreamer di Kamea Chayne, How to Save a Planet di Alex Blumberg e Outrage + Optimism di Christiana Figueres.