Gio. Giu 13th, 2024
Per quanto tempo potrà continuare la bella stagione sui mercati?

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Ora che i tassi di interesse statunitensi sembrano essersi stabilizzati, si suppone che ci siano troppi accordi in preparazione perché i banchieri possano prendersi una pausa estiva. Come ha riportato il MagicTech, in questi giorni a Wall Street circola la battuta che il mese di agosto nell'enclave degli Hamptons a Long Island sia stato cancellato. “Ci sono soldi ovunque”, ha affermato il co-fondatore di un gestore patrimoniale alternativo alla conferenza del Milken Institute di questo mese.

La battuta degli Hamptons è probabilmente un'esagerazione. Ma è certamente giusto dire che alcuni germogli verdi stanno germogliando nei mercati dei capitali, almeno nei prodotti bancari di investimento più importanti.

Secondo Linklaters, ad esempio, il valore delle operazioni di M&A del primo trimestre negli Stati Uniti e in Europa ricorda l’entusiasmo nelle trattative degli anni della pandemia. Negli Stati Uniti, il valore delle operazioni pubbliche di M&A ha raggiunto i massimi 224,3 miliardi di dollari, il valore più alto delle transazioni dal secondo trimestre del 2022, quando il valore dell’accordo era di 260 miliardi di dollari. In Europa, il valore degli accordi ha raggiunto i 47 miliardi di dollari nel primo trimestre – anche il più alto dal secondo trimestre del 2022 – spinto da un aumento delle trattative nel Regno Unito.

Secondo S&P Global, l’emissione obbligazionaria globale nel primo trimestre del 2024 è aumentata del 15%, a 2,4 trilioni di dollari, rispetto ai 2 trilioni di dollari del primo trimestre del 2023. E la settimana scorsa c’è stata un’ondata di nuove emissioni sia nel settore degli investimenti che in quello degli investimenti. mercati obbligazionari di qualità e ad alto rendimento.

Un punto non così positivo: le offerte pubbliche iniziali. L’emissione di IPO nel primo trimestre del 2024 ha continuato a diminuire, secondo S&P Global, al livello più basso dal secondo trimestre del 2022. Ma aprile è stato il mese più impegnativo per le IPO da novembre 2021, secondo Renaissance Capital, che monitora anche l’emissione di IPO.

Sembra che siano tempi così belli. Ma tutto ciò solleva una domanda. Stiamo assistendo a una svolta verso il basso nel ciclo dei tassi di interesse, ma senza la solita dolorosa correzione economica che può accompagnare tali svolte. Siamo in ritardo per la resa dei conti? Il mercato azionario potrebbe essere un luogo in cui cercare segnali che le cose stanno sfuggendo di mano dopo il più che raddoppio del benchmark S&P 500 dai minimi pandemici nel 2020.

David Einhorn, il solitario gestore di hedge fund di Greenlight Capital che aveva correttamente previsto l’implosione di Lehman Brothers nel 2008, è abbastanza chiaro che le cose non vanno bene. “Il mercato azionario è fondamentalmente rotto!” Greenlight ha dichiarato nella sua lettera del primo trimestre ai suoi investitori. La polemica di Einhorn con i mercati azionari, come sottolinea la lettera, sembra essere che gli investitori non “si preoccupano della valutazione” o non riescono a “calcolarla”.

È convinto che il vecchio investimento value investing, in cui gli investitori trovano azioni fondamentalmente sottovalutate e le tengono finché altri investitori non capiscono cosa si sono persi, sia quasi morto. Ritiene che i fondi indicizzati stiano governando i mercati e commettano l’errore di sovrainvestire in azioni sopravvalutate e di sottoinvestire in azioni sottovalutate.

“Il fatto che diverse trilioni di dollari siano stati ridistribuiti in questo modo negli ultimi anni, ha fondamentalmente rotto il mercato”, secondo la lettera di Greenlight. L'azienda afferma di non lamentarsi. Piuttosto, afferma, è “entusiasta” di investire in questo momento perché “una volta che questi titoli sottovalutati sottoperformano abbastanza a lungo, alcuni di essi diventano ridicolmente convenienti”.

Einhorn potrebbe non aver avuto un grande 2024 finora. Il suo hedge fund ha reso il 4,9% nel primo trimestre del 2024 rispetto a un aumento del 10,6% per l’indice S&P 500. Ma ciò è avvenuto dopo due anni impressionanti nel 2022 e nel 2023, durante i quali Greenlight ha realizzato rendimenti di quasi il 33% e il 22%. , rispettivamente.

È difficile sapere quale campo abbia ragione: gli ottimisti bancari di Wall Street, che vengono pagati per essere ottimisti, o Einhorn, che a volte ha fatto fortuna essendo pessimista. Ma ci sono questioni sostanziali che gravano sui mercati: i numerosi conflitti globali in corso, la continua incertezza sulla direzione dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve e l’esito delle elezioni presidenziali statunitensi di novembre, che potrebbero benissimo riportare Donald Trump alla Casa Bianca.

Mi sembra che dovremmo almeno essere consapevoli dei rischi di una resa dei conti. Tiff Macklem, governatore della Banca del Canada, ha affermato allo stesso modo: avvertimento il 9 maggio che “alcuni indicatori di stress finanziario sono aumentati” e che la valutazione di “alcune attività finanziarie sembrano essere diventate eccessive”.

“Ciò aumenta il rischio di una brusca correzione che potrebbe generare stress a livello di sistema”, ha affermato. “La cosa più importante è che per gestire adeguatamente i rischi, i partecipanti al sistema finanziario devono rimanere proattivi. E le autorità finanziarie devono rimanere vigili”.