Mar. Lug 16th, 2024
Perché le obbligazioni societarie sono così calde in questo momento

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Al giorno d’oggi tutti sembrano amare le obbligazioni societarie. Forse un po 'troppo.

La domanda per questa asset class è stata estremamente robusta. Escludendo un inconveniente all’inizio di questo mese, ci sono stati afflussi netti verso i fondi di credito per più di 30 settimane consecutive, mentre gli investitori di ogni tipo si affrettano a mettere le mani sui rendimenti succosi offerti nell’era dei tassi di interesse di riferimento più alti per un periodo più lungo. .

Anche le aziende solide stanno emettendo debito con rendimenti elevati: forse non una buona notizia per loro, ma positiva per gli investitori. E nel complesso, non sembra che le aziende siano alle prese con il peso del debito.

Il dissesto delle obbligazioni societarie della Fed di New York indice è crollato. Alcune storie dell'orrore sono ancora in circolazione, ma questo è normale nel debito societario e, in generale, non vi è alcuna sofferenza degna di nota. Giorni felici.

Ma gli investitori in obbligazioni societarie sono generalmente un gruppo piuttosto austero, addestrato a pensare a cosa può andare storto. Quindi in questi circoli c’è una buona dose di lamentela sul fatto che, a causa di tutta quella domanda, gli spread di rendimento – il premio concesso agli investitori quando mettono a rischio il denaro con i mutuatari aziendali piuttosto che con i governi – sono diventati insolitamente ridotti.

Il debito societario statunitense con scadenza intorno ai 10 anni offre ora circa 1,5 punti percentuali in più di rendimento rispetto al benchmark del debito pubblico. In genere è più vicino a 2 punti: una grande differenza in questo mercato. Controintuitivamente, sia in Europa che negli Stati Uniti, più si guarda in termini di scadenze, meno ricompensa relativa si riceve.

Alcuni investitori non si sentono adeguatamente compensati per il rischio. “Il mercato è generalmente costoso”, ha affermato David Knee, co-vice chief investment officer per il reddito fisso presso M&G Investments a Londra in un recente evento. “È difficile trovare qualcosa che abbia un valore davvero interessante.” Perché preoccuparsi di fare tutti questi compiti su un'azienda e su quanto è probabile che ti deluda, quando puoi dare i tuoi soldi allo Zio Sam per 10 anni per un rendimento del 4,2%?

L’idea che il credito sia “falso”, vittima del proprio successo, è piuttosto diffusa. Eppure è difficile vedere un motivo convincente secondo cui tutto ciò finirà in lacrime. “Vediamo sicuramente quel tiro alla fune”, ha affermato Sri Reddy, responsabile della gestione del portafoglio clienti presso Man Group. I rendimenti sono tra i più generosi degli ultimi dieci anni, ha osservato, rendendo la classe di attività altamente competitiva con le azioni, nonostante la maggiore sicurezza di cui godono i detentori di obbligazioni rispetto agli azionisti in caso di fallimento di una società. A suo avviso, concentrarsi sugli spread piuttosto che sui rendimenti potrebbe non aver colto il punto. “I fondamentali dell’azienda sono in buone condizioni”, ha affermato. “Forse non è necessario che gli spread si allarghino”.

Questo tipo di mentalità fa parte di un sottile cambiamento nel modo in cui i gestori di fondi parlano di credito. Oggi è molto più probabile che si parli di rendimenti piuttosto che di spread. I cinici come me si chiedono se questo non sia uno sforzo inconscio di gruppo per spostare i pali della porta.

“Normalmente questo sentimento preoccupa anche me”, ha affermato Joe Davis, responsabile globale del gruppo di strategia di investimento di Vanguard. Ma stiamo assistendo a maggiori allocazioni al credito da parte di investitori che normalmente non verrebbero coinvolti. “Alla fine, per gli investitori che hanno un obiettivo di rendimento totale, perché dovrebbero assumere una maggiore esposizione azionaria? Perché dovresti correre più rischi? Ha detto Davis. Le obbligazioni di società con rating elevato possono svolgere il lavoro per loro.

L’ascesa e l’ascesa dell’investitore “agnostico rispetto allo spread”, interessato solo al rendimento eccezionale, è una delle ragioni principali per cui gli spread sono crollati, dicono gli specialisti di mercato, soprattutto per il debito a lungo termine che è ricercato da mercati in forte difficoltà ma che si muovono lentamente. giganti come i fondi pensione e le compagnie assicurative, noti collettivamente come “soldi veri”.

Nell’estremità più rischiosa del mercato del debito ad alto rendimento, entrano in gioco anche altri fattori tecnici. Le agenzie di rating stanno aggiornando più aziende al livello investment grade – un marchio di qualità – di quante ne stiano declassando al territorio spesso definito scortesemente spazzatura. Se la domanda rimane stabile, o cresce, e il mercato si restringe, non ci vuole un genio per capire cosa succederà dopo.

Alcune tasche sono sopravvalutate? Sicuro. Le cose potrebbero andare storte? Naturalmente. Gli investitori aspettano nervosamente di vedere se il colpo inferto al credito europeo dall’ultima scommessa politica del presidente francese Emmanuel Macron si rivelerà l’inizio di qualcosa di triste o una rara opportunità di comprare il calo, per esempio. E una vera e propria recessione su entrambe le sponde dell’Atlantico ovviamente si farebbe sentire, se mai dovesse arrivare.

Ma gli irriducibili fan del credito vogliono abbandonare l’annosa ossessione per gli spread, che comunque variano a seconda dell’orizzonte temporale e della qualità. Gli spread sul credito con scadenza superiore a 10 anni, ad esempio, sono insolitamente ridotti grazie a quegli acquirenti di denaro reale affamati di rendimento, mentre gli spread a breve termine sono intorno alle medie a lungo termine, o addirittura più ampi in Europa, come ha sottolineato Muzinich. ad una presentazione questa settimana.

“Se guardassi a questo un anno fa, quando gli spread erano ampi, la gente diceva 'ooh è troppo rischioso' e ora dicono 'ooh è troppo stretto'”, ha detto Tatjana Greil-Castro della casa di investimenti creditizi a conduzione familiare . “La gente parla di se stessa senza credito.” Forse non per molto ancora.