Lun. Giu 24th, 2024
Proprietario di South West Water sotto accusa per aver svelato il dividendo dopo un'epidemia parassitaria

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Pennon, proprietario della South West Water, ha attirato critiche immediate da parte dei parlamentari dopo aver annunciato un dividendo di 127 milioni di sterline agli azionisti, pochi giorni dopo un’epidemia parassitaria nell’acqua potabile nel Devon.

Il gruppo FTSE 250 ha dichiarato martedì che aumenterà il suo dividendo del 3,8% a 126,9 milioni di sterline, nonostante la società abbia ricevuto una multa per l’inquinamento delle acque reflue lo scorso anno e meno di una settimana dopo che 17.000 famiglie e imprese erano state avvertite di non utilizzare l’acqua del rubinetto. da bere senza prima bollirlo.

Anthony Mangnall, deputato conservatore di Totnes, ha dichiarato: “Ovviamente è estremamente deludente in un momento in cui la fiducia del pubblico in South West Water è ai minimi storici che abbiano deciso di andare avanti e pagare i dividendi. Ho chiesto a Pennon di sospendere la loro offerta di dividendi, cosa che possono fare, cosa che possono fare.

Steve Barclay, il ministro dell’Ambiente, ha dichiarato il mese scorso di condividere “la rabbia e la frustrazione” di membri del pubblico riguardo all’inquinamento dei fiumi, chiedendo un “cambio di passo” da parte delle aziende per proteggere i corsi d’acqua.

“È del tutto inaccettabile che questa società paghi un dividendo agli azionisti dato il suo record spaventoso, comprese multe di milioni di sterline l'anno scorso per reati di inquinamento e scarse prestazioni”, ha detto martedì un alleato di Barclay.

Le azioni di Pennon sono scese di oltre il 5% nelle negoziazioni di martedì a 679,5 pence.

Pennon ha detto che pagherà 3,5 milioni di sterline a titolo di risarcimento, ovvero circa 215 sterline per famiglia, ai clienti colpiti dalla contaminazione parassitaria. Sono stati riscontrati più di 100 casi di cryptosporidium, un organismo che può causare sintomi spiacevoli come diarrea e vomito e l'azienda sta ancora lavorando per risolvere il problema. Lo scorso aprile, la società è stata multata di 2,2 milioni di sterline per aver scaricato liquami nei fiumi e nel mare del Devon e della Cornovaglia per oltre quattro anni.

Pennon ha dichiarato martedì che l'aumento dei dividendi è stato di 2,4 milioni di sterline inferiore a quello che altrimenti sarebbe stato a seguito della multa dello scorso anno da parte dell'Agenzia per l'Ambiente.

La mossa di Pennon è arrivata mentre il Consumer Council for Water, un ente indipendente di consumatori, ha avvertito martedì che le aziende idriche vogliono aumentare le loro bollette fino al 91% nei prossimi cinque anni una volta inclusa l’inflazione annuale del 2%. Ofwat, l'ente regolatore, dovrebbe pubblicare un progetto di decisione sulle richieste delle società il 12 giugno.

Secondo i nuovi dati diffusi martedì dalla CCW, Southern Water chiede l’aumento maggiore: un aumento del 91% entro il 2030 che porterebbe le bollette medie delle famiglie a circa 915 sterline all’anno. Nel frattempo, la Thames Water, la più grande compagnia idrica del Regno Unito, chiede un aumento del 59% a 749 sterline all'anno. Pennon chiede un aumento del 33% a 644 sterline all’anno.

Mike Keil, amministratore delegato della CCW, ha dichiarato alla BBC che l’aumento delle fatture “sarà una grande sorpresa per la gente”.

“Le persone vogliono vedere miglioramenti, capiscono che ciò richiede investimenti, ma penso che la portata di ciò che viene proposto qui sarà un vero shock”, ha detto.