Sab. Feb 24th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La tempistica e la velocità dei tagli dei tassi di interesse della Federal Reserve sono stati il ​​principale fattore trainante dei mercati quest’anno.

I politici della Fed hanno indicato che non si aspettano di votare per modificare i tassi di interesse nella riunione della prossima settimana, che si svolgerà da martedì a mercoledì. Gli operatori del mercato dei futures stimano che le probabilità di un taglio siano solo del 3%.

Ma economisti e analisti osserveranno attentamente eventuali suggerimenti su come procederà la Fed nel prossimo anno. Le proiezioni della Fed prevedono che la banca centrale taglierà i tassi di interesse tre volte quest’anno, mentre i trader si aspettano fino a cinque o sei tagli, con una probabilità di circa il 50% che il primo avvenga già a marzo.

“I commenti prima del periodo di blackout avevano suggerito che la Fed non vedeva la necessità imminente di un taglio dei tassi, quindi ci aspettiamo che continui a respingere una mossa anticipata”, ha affermato James Knightley, economista di ING. “Nonostante ciò, riteniamo che la Fed finirà per apportare tagli sostanziali ai tassi di interesse. Continuiamo a vedere alcuni rischi al ribasso per la crescita nei prossimi trimestri rispetto al consenso”.

Le possibilità di un taglio a marzo sono diminuite questo mese dopo che i dati sull’inflazione dei prezzi al consumo sono risultati superiori alle attese. La forza dei consumatori statunitensi è stata evidente anche nei dati sulle vendite al dettaglio e nei dati sul prodotto interno lordo, che hanno mostrato che l’economia americana è cresciuta ad un tasso annualizzato del 3,3% nel quarto trimestre, molto al di sopra delle stime di consenso.

La Fed potrebbe anche segnalare se intende apportare modifiche al proprio bilancio. Al momento, la banca centrale è impegnata in una “stretta quantitativa”, ovvero nella riduzione delle sue partecipazioni in titoli di Stato. I verbali della riunione di dicembre della Fed indicavano che alcuni funzionari erano pronti a iniziare a discutere la fine di quella politica. Kate Duguid

Quanto è vicina la Banca d’Inghilterra al primo taglio dei tassi?

Giovedì gli investitori esamineranno anche l’ultimo annuncio di politica monetaria della Banca d’Inghilterra per valutare quando arriveranno i tagli dei tassi nel Regno Unito.

Gli economisti e i mercati si aspettano ampiamente che giovedì la BoE mantenga i tassi di interesse al livello massimo degli ultimi 15 anni, pari al 5,25%, per la quarta volta consecutiva, ma i mercati saranno attenti a qualsiasi cambiamento di tono nella comunicazione.

È probabile che la banca centrale riduca le sue previsioni di inflazione a seguito del calo molto più ampio del previsto nell’indice principale di ottobre e novembre, che ha lasciato la crescita dei prezzi al di sotto delle precedenti previsioni della BoE di novembre, nonostante un leggero aumento nei dati di dicembre.

Secondo gli analisti, i prezzi più bassi del gas spingeranno inoltre la banca a prevedere che l’inflazione tornerà al livello target prima, probabilmente nella primavera del 2024 invece che alla fine del 2025.

Di conseguenza, secondo Elizabeth Martins, economista di HSBC, la BoE potrebbe eliminare il riferimento a un “ulteriore inasprimento della politica monetaria” qualora si verificassero pressioni inflazionistiche più persistenti. La banca centrale potrebbe invece utilizzare un linguaggio più neutrale, lasciando intendere che i tassi potrebbero muoversi in entrambe le direzioni per riportare l’inflazione al livello target, ha affermato.

“La Banca d’Inghilterra probabilmente getterà la spugna con la scusa che i tassi di interesse potrebbero aumentare ulteriormente”, ha affermato Paul Dales, capo economista britannico presso Capital Economics.

Tuttavia, si prevede che i policy maker respingano la valutazione del mercato delle aspettative sui tassi di interesse a causa delle preoccupazioni sui molteplici rischi per l’inflazione, che vanno dalla crescita salariale ancora elevata alle pressioni sui prezzi derivanti dalla crisi del Mar Rosso.

“La maggior parte dei membri del comitato probabilmente vorrà maggiori rassicurazioni sulle pressioni sui salari e sui prezzi prima di sostenere un taglio del tasso bancario”, ha affermato Andrew Goodwin, capo economista britannico presso Oxford Economics. Valentina Romei

L’inflazione è ancora in calo nell’Eurozona?

Molto dipende dai dati sull’inflazione dell’Eurozona di gennaio, che forniranno un segnale cruciale della rapidità con cui la Banca Centrale Europea taglierà i tassi di interesse quando verranno pubblicati giovedì.

La presidente della BCE Christine Lagarde ha dichiarato questa settimana che l’inflazione dovrebbe “allentarsi ulteriormente nel corso di quest’anno”, ma ha aggiunto che i decisori dei tassi “devono essere più avanti nel processo di disinflazione” prima di poter essere abbastanza sicuri da tagliare i tassi.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che la crescita annuale dei prezzi rimarrebbe invariata rispetto a dicembre al 2,9%, mentre escludendo energia e cibo il tasso di base scenderebbe dal 3,4% al 3,2%. Tuttavia, c’è più incertezza del solito perché i prezzi vengono spinti al rialzo e al ribasso da molte forze concorrenti.

I prezzi all’ingrosso del gas e dell’elettricità sono più bassi, ma ciò potrebbe essere compensato dalla graduale eliminazione dei sussidi governativi, che spinge i prezzi verso l’alto. Tuttavia, una prevista riduzione del peso dell’energia nella variazione annuale del paniere utilizzato per misurare l’inflazione potrebbe abbassare la cifra.

Si prevede che l’inflazione dei beni rallenterà, ma la rapida crescita dei salari potrebbe mantenere i prezzi in rapido aumento nel settore dei servizi ad alta intensità di manodopera. Anche l’aumento dei costi di spedizione dovuto agli attacchi alle navi nel Mar Rosso potrebbe aumentare i prezzi delle merci.

“La difficoltà che si incontra è cercare di comprendere le pressioni sottostanti sui prezzi quando ci sono ancora tutte queste distorsioni”, ha affermato Greg Fuzesi, economista di JPMorgan. Ma prevede che l’inflazione dell’Eurozona sarà ancora sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo del 2% della BCE nel terzo trimestre e che anche l’inflazione sottostante rallenterà, aprendo la porta a un taglio dei tassi a giugno. Martin Arnold