Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Renault ha annullato il piano di quotazione in borsa delle sue nuove attività di veicoli elettrici e software, una parte fondamentale dei piani di risanamento dell’amministratore delegato Luca de Meo per la casa automobilistica francese.

La società aveva pianificato di organizzare un’offerta pubblica iniziale della sua nuova attività Ampere, che unisce le sue competenze e il software nel settore dei veicoli elettrici in una nuova unità. La quotazione fallita è l’ultima vittima del rallentamento della crescita delle vendite di veicoli elettrici in tutto il mondo, poiché gli acquirenti di auto tradizionali si oppongono ai prezzi più alti delle auto alimentate a batteria.

De Meo aveva descritto l’unità come una rivale europea di “Tesla e i cinesi”, e l’anno scorso aveva detto al MagicTech che avrebbe dovuto valere “fino a 10 miliardi di euro”.

Ma lunedì, la Renault ha affermato che le “condizioni del mercato” e la crescente redditività della società nel suo complesso significano che avrebbe annullato i piani di quotazione delle azioni.

De Meo ha aggiunto che il rallentamento a livello europeo della crescita dei veicoli elettrici è stato “uno degli elementi” alla base della decisione, ma ha sottolineato che il mercato elettrico sarà ancora “dominante” in Europa a causa delle normative sulla decarbonizzazione della regione.

“L’EV è un treno che è già partito dalla stazione. Ampere sarà uno dei piloti della Renault che sarà uno dei campioni della decarbonizzazione”, ha affermato.

Ma la decisione potrebbe significare che i partner dell’alleanza Nissan e Mitsubishi potrebbero ora non investire nell’unità, ha detto il capo delle finanze Thierry Piéton. Entrambe le case automobilistiche giapponesi hanno ancora la possibilità di investire, ma “se entreranno o meno è qualcosa di cui dobbiamo discutere”, ha detto Piéton lunedì sera.

La società ha sottolineato che l’unità è “autofinanziata” e che non necessita dell’IPO per raccogliere capitali per il gruppo più ampio. La generazione di cassa della Renault è stata più forte del previsto, contribuendo alla decisione.

I dubbi sulla quotazione avevano cominciato a crescere negli ultimi mesi in un contesto di più ampio rallentamento nella crescita delle vendite di veicoli elettrici.

Persone vicine alla casa automobilistica hanno affermato che lo scopo dell’IPO e della separazione di Ampere era anche quello di provare a cambiare l’azienda dall’interno e stimolare la sua cultura in modo che fosse più focalizzata sui veicoli elettrici, una mossa che in una certa misura sarebbe ancora valida. dato che l’azienda è stata separata.

Ma la cancellazione dalla quotazione rappresenta ancora un grosso ostacolo per de Meo. Ha rilanciato finanziariamente la Renault da quando è arrivato a metà del 2020, ma più recentemente ha legato la sua strategia di ripristino alla quotazione di Ampere e ha spinto per una valutazione incisiva che molti analisti avevano definito troppo ambiziosa.

De Meo ha detto lunedì che la quotazione è stata un “contorno” rispetto al più ampio risanamento della società, e che non crede che la decisione abbia danneggiato la sua credibilità.

L’anno scorso aveva criticato gli investitori europei per aver sollevato troppe domande sul modello di business, confrontando la situazione con gli investitori statunitensi che acquistano start-up di veicoli elettrici non redditizie.

Lunedì De Meo ha affermato che la cancellazione della quotazione è stata “una decisione pragmatica”, ma che Ampere è rimasta “un’entità agile e competitiva”.