Mer. Lug 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Sam Bankman-Fried si è trovato di fronte a tweet, interviste ai media e testimonianze giurate in cui ha ripetutamente garantito per la governance e la gestione del rischio di FTX, mentre i pubblici ministeri di New York hanno iniziato a interrogare l’ex magnate sul crollo multimiliardario del suo scambio di criptovaluta.

Il trentunenne, che in precedenza aveva risposto alle domande dei suoi stessi avvocati, ha anche ammesso di aver definito un “sottoinsieme specifico” di investitori in criptovalute “stupidi figli di puttana” e ha ammesso di aver definito la sua difesa della regolamentazione delle criptovalute “solo PR” in i giorni precedenti al suo arresto lo scorso dicembre.

Ha anche ammesso di aver scritto “fottuti regolatori” a un giornalista nel novembre 2022.

Durante l’interrogatorio dell’assistente procuratore statunitense Danielle Sassoon, a Bankman-Fried è stata presentata la registrazione audio di un’intervista in cui aveva affermato di non essere “affatto coinvolto” nella gestione dell’hedge fund Alameda Research, affiliato a FTX. Qualche istante prima, aveva ammesso in una testimonianza di essere ancora coinvolto in alcune discussioni sulla strategia commerciale dell’azienda.

La raffica di prove è arrivata quando il processo contro Bankman-Fried è entrato nella sua quinta settimana, dopo aver precedentemente presentato testimonianze di alcuni degli amici e colleghi più stretti dell’ex miliardario, tra cui Caroline Ellison, Gary Wang e Nishad Singh, che stanno tutti collaborando con pubblici ministeri.

Sotto esame diretto da parte del suo avvocato difensore lunedì scorso, Bankman-Fried ha testimoniato di ritenere che FTX “non avesse buchi nel suo bilancio” pochi giorni prima che crollasse in bancarotta con 8 miliardi di dollari di depositi dei clienti mancanti.

Di fronte a un tweet del 7 novembre 2022 – quattro giorni prima che l’exchange dichiarasse bancarotta – in cui affermava che “FTX va bene”, Bankman-Fried ha sostenuto che all’epoca l’exchange stesso “non aveva effettivamente passività” e che non c’erano “nessuna passività”. buco in termini di patrimonio”.

Ha aggiunto: “FTX non ha effettuato alcun investimento con le risorse dei clienti”.

Tuttavia, ha ammesso che a quel punto l’exchange era “sull’orlo di una crisi di liquidità” poiché i clienti ritiravano miliardi di dollari al giorno dopo che il fondatore dell’exchange concorrente Binance aveva messo in dubbio le finanze di FTX.

Ha anche testimoniato di aver lasciato a Ellison, che gestiva Alameda Research, il compito di coprire le posizioni della società commerciale dopo che il suo bilancio si era deteriorato nell’estate del 2022. Quando è stato aggiornato su tale strategia a settembre, Bankman-Fried ha affermato di ritenere che la società “potrebbe hanno coperto il doppio”.

Bankman-Fried, che si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse, è stato successivamente chiesto da Sassoon se fosse d’accordo nel dire che sapeva “come raccontare una bella storia”, al che ha risposto: “Dipende da quale metrica usi”. Prima del crollo di FTX, Bankman-Fried era una delle figure più note del nascente settore delle criptovalute, diventando un pilastro della copertura mediatica e intrattenendosi con politici e celebrità.

Ha aggiunto di aver detto “quella che pensavo fosse la verità sull’azienda” a giornalisti, investitori e al Congresso degli Stati Uniti, prima di essere presentato con una testimonianza al Congresso del maggio 2022 in cui affermava che FTX offriva protezione ai clienti, incluso il mantenimento di sufficienti liquidità. per soddisfare sempre le richieste di prelievo. L’exchange non è stato in grado di soddisfare tali richieste nel novembre dello stesso anno ed è stato costretto alla bancarotta.