Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Tata Steel prevede di licenziare circa 2.800 lavoratori come parte di un’importante ristrutturazione delle sue attività nel Regno Unito, assestando un duro colpo a quella che una volta era una delle più grandi industrie del paese.

I proprietari indiani dell’azienda hanno detto giovedì ai leader sindacali che avrebbero portato avanti la chiusura dei due altiforni nello stabilimento di Port Talbot in Galles entro la fine di quest’anno.

Il trasferimento pianificato, riportato dal MagicTech all’inizio di questa settimana, fa parte di una transizione quadriennale verso una forma più ecologica di produzione dell’acciaio nelle sue attività nel Regno Unito, che impiegano 8.000 persone.

La decisione fa seguito a un incontro cruciale tra i dirigenti dell’azienda e i leader sindacali svoltosi giovedì a Londra sul futuro di Port Talbot, la più grande acciaieria del Regno Unito.

La direzione di Tata ha respinto un piano alternativo dei sindacati di mantenere aperto un altoforno fino al 2032 nel tentativo di ridurre l’entità dei licenziamenti, sottolineando che l’azienda sta attualmente perdendo circa 1 milione di sterline al giorno.

La proposta alternativa sarebbe costata altri 650 milioni di sterline, secondo fonti vicine alla situazione.

Tata investirà 750 milioni di sterline per finanziare la ristrutturazione, sostenuta da una sovvenzione di 500 milioni di sterline da parte del governo britannico.

Gli altiforni di Port Talbot sono attualmente utilizzati per la produzione primaria dell’acciaio, in cui il minerale di ferro viene ridotto a ferro fuso che viene poi trasformato in acciaio. Tata prevede di sostituirli con un forno elettrico ad arco, che utilizza un processo meno dispendioso in manodopera per produrre acciaio dai rottami.

La perdita degli altiforni di Port Talbot ne lascerebbe due nel Regno Unito, entrambi appartenenti a British Steel.

Tuttavia, la società di proprietà cinese ha dichiarato a novembre che intende chiudere le sue fornaci nel Lancashire e sostituirle con due impianti ad arco elettrico, che potrebbero essere operativi già nel 2025.

Senza gli altiforni delle due società, il Regno Unito sarà l’unica grande economia incapace di produrre acciaio da zero.

Tata ha accettato una delle proposte dei sindacati, ovvero quella di mantenere aperto almeno per un periodo di transizione il laminatoio per nastri a caldo di Port Talbot, che sarà utilizzato per lavorare semilavorati o bramme importati, proteggendo circa 200 posti di lavoro.

I dirigenti dell’azienda hanno cercato di minimizzare l’impatto della ristrutturazione sulla forza lavoro, sottolineando che molti di coloro che rischiano il licenziamento sono relativamente vicini alla pensione.

Ma i leader sindacali hanno reagito con rabbia. “La perdita di posti di lavoro su larga scala sarebbe un duro colpo per Port Talbot e per l’industria britannica in generale”, ha affermato Charlotte Brumpton-Childs, funzionaria nazionale del sindacato GMB. “Non deve essere così: i sindacati hanno fornito un’alternativa realistica e costosa che escluderebbe tutti i licenziamenti obbligatori”.

L’annuncio di Tata farà scattare un periodo di consultazione legale di 45 giorni sui licenziamenti.

Il governo ha sottolineato la sovvenzione di 500 milioni di sterline per aiutare a ristrutturare le operazioni di Tata Steel, che secondo lui aiuterebbe a proteggere migliaia di posti di lavoro e garantire un “futuro sostenibile e competitivo” per l’industria siderurgica del paese.

“Il coinvolgimento dei sindacati è giustamente un processo guidato dall’azienda. Esiste un’ampia gamma di sostegno per il personale interessato, incluso un comitato di transizione dedicato sostenuto da un finanziamento di 80 milioni di sterline da parte del governo britannico e 20 milioni di sterline da Tata Steel”, si legge in una nota.

Ha aggiunto che il comitato di transizione aiuterà a sostenere i dipendenti interessati e l’economia locale e sarà presieduto dal segretario gallese David Davies con la rappresentanza ministeriale del governo gallese.

Stephen Kinnock, il deputato laburista locale, ha esortato Tata Steel a “ripensare” il suo approccio.

Il più ampio Tata Group, con sede in India, è un grande datore di lavoro nel Regno Unito con circa 60.000 dipendenti in aziende che vanno da Jaguar Land Rover a Tetley Tea.