Mar. Lug 16th, 2024
Amazon è pronta ad affrontare Temu e Shein con una nuova sezione di sconti

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Amazon intende contrastare la crescente concorrenza dei rivali Temu e Shein, rispecchiando i loro modelli di business con una nuova sezione di sconti direttamente dalla Cina.

In un recente incontro con i principali venditori cinesi, il gruppo statunitense ha illustrato il nuovo canale, che mira a spedire merci agli acquirenti americani dai magazzini in Cina, secondo una presentazione visionata dal MagicTech.

Amazon prevede di includere la nuova sezione nella home page della sua app e di consegnare i prodotti a bassissimo costo in un periodo compreso tra nove e 11 giorni, si legge nella presentazione. L'offerta sarebbe rivolta ai consumatori statunitensi disposti ad aspettare più a lungo rispetto ai tipici programmi di consegna di uno o due giorni di Amazon per assicurarsi un affare.

La corsa del gruppo statunitense a offrire beni a basso costo direttamente dalla Cina arriva in un momento in cui deve far fronte alla crescente concorrenza di Temu e Shein, cresciuti rapidamente inondando Internet di pubblicità dei loro giocattoli e vestiti a basso prezzo.

Temu, di proprietà di PDD Holdings, e Shein, fondata in Cina, hanno perfezionato modelli aziendali che si basano sulla spedizione di merci da parte di commercianti cinesi a magazzini nella Cina meridionale, i quali vengono poi spediti tramite aerei cargo nei paesi stranieri.

I singoli pacchi destinati ai consumatori beneficiano della regola de minimis, che molti paesi hanno adottato per consentire ai cittadini di ricevere pacchi dall'estero al di sotto di un certo valore senza pagare le tariffe di importazione. Negli Stati Uniti la soglia è fissata a 800 dollari per pacco.

L’uso della scappatoia da parte di Temu e Shein ha consentito a un’ondata di merci cinesi di arrivare alle porte degli acquirenti americani, saltando le tariffe sulle importazioni cinesi che erano state aumentate durante l’amministrazione Trump.

Entrambe le società sono state criticate dai politici statunitensi per questa pratica, e i legislatori di Washington hanno introdotto progetti di legge per limitare l’uso della scappatoia de minimis.

Amazon, il cui valore di mercato mercoledì ha superato per la prima volta la soglia dei 2 trilioni di dollari, ha dichiarato: “Esploriamo sempre nuovi modi di lavorare con i nostri partner di vendita per soddisfare i nostri clienti con una maggiore selezione, prezzi più bassi e maggiore convenienza”.

Secondo una persona a conoscenza della questione, i venditori cinesi ammessi al nuovo programma spedirebbero i loro prodotti a un magazzino gestito da Amazon in Cina, mentre il gruppo statunitense li rispedirebbe ai propri magazzini negli Stati Uniti.

La sezione direttamente dalla Cina in fase di sperimentazione includerebbe beni che vengono venduti a meno di 20 dollari l’uno, pesano meno di mezzo chilo e non sono commestibili o liquidi. Amazon inizierà a iscrivere i venditori quest’estate e lancerà l’offerta in autunno, si legge nella presentazione.

La mossa del gruppo americano rappresenterebbe un rischio per le prospettive di Shein che prevede di lanciare un'offerta pubblica iniziale agli investitori a Londra. La notizia del nuovo programma di Amazon è stata riportata per la prima volta da The Information.