Gio. Giu 13th, 2024
Amazon ha violato le sanzioni del Regno Unito contro la Russia, sostiene un ex dipendente in tribunale

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Un ex dipendente ha affermato che Amazon ha violato le sanzioni del Regno Unito fornendo a Mosca la sua tecnologia di riconoscimento facciale dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia.

L'accusa fa parte delle prove presentate da Charles Forrest in una causa intentata contro il suo ex datore di lavoro, Amazon Web Services, contro la quale l'azienda sta combattendo. Forrest ha affermato di essere stato ingiustamente licenziato dopo aver denunciato una serie di questioni tra novembre 2022 e maggio 2023.

Le conclusioni del caso sono state ascoltate questa settimana nell'ambito di un'udienza preliminare presso il tribunale del lavoro di Londra.

Amazon nega di aver licenziato ingiustamente Forrest o di aver venduto la sua tecnologia di riconoscimento facciale Rekognition alla società russa citata nei documenti. Un portavoce ha detto: “Crediamo che le affermazioni siano prive di fondamento e non vediamo l’ora di dimostrarlo attraverso il processo legale”.

La società ha affermato che Forrest, che ha lavorato per Amazon per quattro anni fino al 2023, è stato licenziato per “cattiva condotta grave” dopo aver “rifiutato di lavorare secondo il suo orario contrattuale” e non aver partecipato o risposto a una serie di riunioni ed e-mail, secondo il tribunale. limature.

Forrest ha affermato di aver sollevato preoccupazioni su presunti illeciti da parte di Amazon in relazione a una serie di questioni. Tra questi figurano la presunta “fornitura illegale di tecnologia di riconoscimento facciale ai servizi di sicurezza statali russi” da parte di Amazon dopo l’invasione dell’Ucraina nel 2022 e la successiva imposizione di sanzioni da parte del Regno Unito contro Mosca.

Secondo la documentazione del tribunale, Forrest ha affermato che Amazon nel 2020 ha concluso un accordo con la società russa VisionLabs per darle accesso alla sua tecnologia di riconoscimento facciale “attraverso quella che sembra essere una società di comodo con sede nei Paesi Bassi”, aggiungendo che la tecnologia è stata utilizzata post-invasione.

Un portavoce di Amazon ha dichiarato: “Sulla base delle prove disponibili e dei registri di fatturazione, AWS non ha venduto i servizi Amazon Rekognition a VisionLabs”.

Forrest ha affermato di aver segnalato la presunta attività illegale anche al comitato ristretto della difesa della Camera dei Comuni del Regno Unito e al Serious Fraud Office nel maggio 2023.

Altre questioni sollevate da Forrest includono l’accusa secondo cui Amazon avrebbe violato la moratoria autoimposta sulle forze di polizia utilizzando la sua tecnologia di riconoscimento facciale, un divieto messo in atto dalla società dopo l’omicidio di George Floyd.

Anche dopo il divieto, ha affermato Forrest nei documenti, la polizia britannica ha utilizzato la tecnologia per elaborare “foto segnaletiche” e “identificare l’autore di un reato”.

Nei documenti presentati al tribunale, Amazon ha affermato di negare che Forrest avesse “fatto alcuna divulgazione protetta” e che in “molti casi” era stato “difficile identificare quali informazioni fossero state presumibilmente divulgate, gli obblighi legali o la relativa inadempienza su cui si faceva affidamento, o quando e a chi sono state effettuate le presunte segnalazioni”.

Secondo i documenti, la società ha affermato di negare che Forrest “avesse una ragionevole convinzione” che la società avesse commesso “qualsiasi inadempienza rilevante relativa alle sanzioni internazionali” e che non sapeva cosa avesse riferito all’SFO.

La società ha riconosciuto nelle sue prove che Forrest aveva affermato, nel gennaio 2023, che Amazon aveva violato il divieto sull’uso da parte della polizia della sua tecnologia di riconoscimento facciale.

Tuttavia, secondo i documenti, Amazon ha affermato che “tale accusa è respinta”. “Una moratoria autoimposta non costituisce un obbligo legale”, ha affermato la società.

Il caso continua.