Ven. Giu 21st, 2024

Tim Cook non è noto per il talento teatrale che è stato naturale per Steve Jobs, il defunto co-fondatore di Apple. Ma dopo 12 anni come amministratore delegato di Apple, il pacato nativo dell’Alabama sembra stia scoprendo il magnate di Hollywood che è in lui.

Questo fine settimana Apple lancerà sul mercato l’acclamato regista Martin Scorsese Gli assassini della luna dei fiori in più di 3.600 cinema statunitensi e altre migliaia in altri 63 mercati in tutto il mondo. Cook ha nutrito un profondo interesse personale per il film, apparendo alla sua première al Festival di Cannes e offrendo il suo sostegno a un lancio hollywoodiano a misura d’autore che è più radicato nell’era della celluloide che nell’era dell’iPhone.

“Per Tim andare fino a Cannes e farne parte è stata una cosa enorme”, ha osservato un dirigente senior del settore dell’intrattenimento. “Quindi penso che Apple sia decisamente innamorata del [movie] Attività commerciale.”

L’epico western, che vede protagonisti Leonardo DiCaprio e Robert De Niro e dura circa tre ore e mezza, ha una “finestra” garantita di 45 giorni nei cinema prima di passare al servizio di streaming Apple TV+. La strategia segna un completo rifiuto della filosofia streaming-first sposata dal leader del settore Netflix.

La spinta teatrale di Apple continuerà a fine novembre con l’uscita di Napoleoneun film biografico diretto da Ridley Scott, e Argylle, un thriller di spionaggio diretto da Matthew Vaughn, l’anno prossimo. Tutti e tre i film hanno budget stimati vicini o superiori a 200 milioni di dollari prima dei costi di marketing, cifre che gli studi hollywoodiani tradizionali potrebbero avere difficoltà a giustificare per film che non presentano supereroi o spade laser.

Tim Cook, Leonardo DiCaprio e Martin Scorsese
Da sinistra, Tim Cook, l’attore Leonardo DiCaprio e il regista Martin Scorsese a un evento Apple TV+ a Cannes per ‘Killers of the Flower Moon’ ©Eric Charbonneau/Shutterstock

Il motivo esatto per cui Apple sta entrando così pesantemente nel business cinematografico tradizionale è un tema caldo a Hollywood. Molti credono che si tratti di presentare un’immagine favorevole ai talenti per attirare le stelle più brillanti di Hollywood nei suoi progetti. Altri dicono che si tratta di aumentare la consapevolezza del suo servizio di streaming. E alcuni sostengono che mettere i film nei cinema sia semplicemente il modo migliore per vendere film.

“Vogliono una grande uscita globale per dimostrare che Apple realizza film di alta qualità”, ha detto il dirigente dell’intrattenimento. “Potrebbe non essere redditizio a livello cinematografico, ma andrà bene per loro quando si tratterà di Apple TV+ in seguito, e andrà bene nella corsa agli Oscar il prossimo anno.”

La persona ha continuato: “È un degno investimento inviare un messaggio a Hollywood che dice: ‘Ehi, vogliamo i tuoi migliori registi e i tuoi migliori attori.'”

Con un provvedimento importante, Cook ha già sottolineato questo punto. Nel 2022 ha battuto Jeff Bezos di Amazon e Ted Sarandos di Netflix diventando il primo streamer a vincere un Oscar come miglior film con CODA, un film acquisito per 22 milioni di dollari al Sundance Film Festival. Ma un Oscar per un film Apple Original fatto in casa sarebbe un altro livello.

L’impegno di Apple per un’esperienza cinematografica completa arriva in un momento difficile per Hollywood, dove il sindacato degli attori cinematografici resta in sciopero e gli studi tradizionali sono alle prese con lo sconvolgimento finanziario causato dallo streaming.

Alcuni dirigenti di Hollywood sono preoccupati che la percepita mancanza di vincoli di budget da parte di Apple – un concetto che la società rifiuta – creerà problemi agli studi legacy, che sono tutti in modalità di stretta di mano.

“Con Apple, stanno realizzando film a un prezzo che non credo che gli studi tradizionali possano offrire”, ha detto il dirigente. “Quindi danneggia l’economia generale del cinema perché non fa altro che aumentare i prezzi per tutto.”

Dua Lupa e Henry Caville in una scena di 'Argylle'
Dua Lipa e Henry Cavill in ‘Argylle’, che uscirà a febbraio ©Apple Studios

I proprietari dei cinema, però, non si lamentano. La politica non scritta di Netflix di distribuire i film in un numero limitato di sale cinematografiche per qualificarsi per i premi ha da tempo generato risentimento tra i proprietari di cinema. Ma la grande spinta teatrale di Apple, insieme alla recente uscita di Amazon Aria nei cinema – sta dando loro un senso di rivendicazione.

“Tutta la prova è che un film che ha un periodo di esclusività cinematografica ottiene risultati migliori nei successivi flussi di entrate [such as streaming]. Non è più solo un gioco a somma zero”, ha affermato Phil Clapp, amministratore delegato della UK Cinema Association. “È roba da momento più bello: le persone che hanno visto il film al cinema ne parlano e ottiene un effetto alone di marketing.”

Tra i grandi servizi di streaming, Netflix è ora l’unico grande ostacolo ad aver evitato di implementare una finestra di uscita nelle sale per alcuni film. Clapp ha sostenuto che “probabilmente è stata spesa troppa energia cercando di convincere Netflix a cambiare idea”.

Joaquin Phoenix in una scena del film 'Napoleone'
La spinta cinematografica di Apple continuerà a fine novembre con l’uscita del film biografico “Napoleon”, con Joaquin Phoenix ©Apple Studios

Tuttavia, Apple non entra da sola nel business dei blockbuster. Ha collaborato con gli studi di Hollywood su Gli assassini della luna dei fiori, Napoleone E Argyll gestire compiti come la distribuzione e il marketing – l’arte di “mettere i mozziconi sulle sedie”, come l’ha definita un dirigente del settore.

Per Gli assassini della luna dei fiori, Apple sta lavorando con la Paramount, che possedeva i diritti del celebre libro di David Grann su cui è basato il film ma non era disposta a coprire il costo del film. Apple ha finanziato il film e si è occupata del marketing e della pubblicità, mentre la Paramount ne ha gestito la distribuzione.

Per NapoleoneApple lavorerà con Sony, dove il capo del Motion Picture Group è Tom Rothman, collaboratore di lunga data del regista Ridley Scott.

“Uscirà al Ringraziamento con una solida finestra cinematografica e una solida campagna di marketing prima di passare ad Apple TV+”, ha detto Rothman Napoleone ad una convention cinematografica all’inizio di quest’anno.

Apple collaborerà con Universal su Argyllela cui uscita è prevista per febbraio.

Molti a Hollywood considerano le tradizionali campagne di marketing degli studi cinematografici che accompagnano l’uscita nelle sale come essenziali per creare buzz attorno a un film e, in definitiva, portare a prestazioni migliori sui servizi di streaming come Apple TV+.

Portare nuovi abbonati al servizio di streaming è sicuramente un obiettivo per Cook, ma Niels Juul, produttore esecutivo, continua a farlo Gli assassini della luna dei fioriha detto di essere uscito da una conversazione a Cannes con l’amministratore delegato di Apple credendo di avere anche altri obiettivi.

“Tim capisce il ruolo che guardare i film al cinema gioca nella nostra cultura”, ha affermato Juul, amministratore delegato della società di produzione di Hollywood No Fat Ego. “È sinceramente interessato ad avere un impatto culturale.”