Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

AstraZeneca ha firmato un accordo del valore di 247 milioni di dollari con la statunitense Absci Corporation per progettare un anticorpo per combattere il cancro, l’ultimo degli sforzi in rapida espansione per utilizzare l’intelligenza artificiale per la scoperta di farmaci.

La collaborazione mira a sfruttare la tecnologia AI di Absci per l’analisi delle proteine ​​su larga scala per trovare una terapia oncologica praticabile, uno degli obiettivi principali del produttore farmaceutico anglo-svedese AstraZeneca.

La partnership si aggiunge a una serie di accordi tra grandi aziende farmaceutiche e giovani imprese di intelligenza artificiale per creare nuovi trattamenti per le malattie e ridurre i costi di sviluppo.

Sean McClain, fondatore e amministratore delegato di Absci, ha affermato che l’applicazione dei principi ingegneristici alla scoperta di farmaci ha migliorato il potenziale di successo e una riduzione del tempo impiegato nello sviluppo.

L’accordo include una commissione anticipata per Absci, finanziamenti per la ricerca e sviluppo e pagamenti importanti, nonché royalties sulle vendite di qualsiasi prodotto.

Absci, che ha sede nello stato di Washington e dispone di un laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale a New York, genera dati proprietari misurando milioni di interazioni tra proteine.

Quindi li utilizza per addestrare il suo modello di intelligenza artificiale generativa e, infine, progettare e convalidare anticorpi vitali, proteine ​​che prendono di mira le sostanze estranee nel corpo.

Le aziende non hanno rivelato con precisione quale tipo di cancro prenderanno di mira.

L’accordo rientra negli ambiziosi piani di AstraZeneca volti a sostituire la chemioterapia tradizionale con una nuova generazione di farmaci mirati.

Nel mese di ottobre, ha annunciato i risultati degli studi clinici per nuovi trattamenti per il cancro al polmone e al seno – risultati che ha salutato come un “enorme risultato”.

La collaborazione con Absci è stata una “opportunità entusiasmante” per utilizzare l’intelligenza artificiale dell’azienda per la creazione di anticorpi, ha affermato Puja Sapra, vicepresidente senior di AstraZeneca che guida la ricerca e lo sviluppo di ingegneria biologica.

“L’intelligenza artificiale ci consente non solo di aumentare il successo e la velocità del nostro processo di scoperta di prodotti biologici, ma anche di migliorare la diversità dei prodotti biologici che scopriamo”, ha affermato Sapra. “Stiamo applicando l’intelligenza artificiale durante tutto il nostro processo di scoperta e sviluppo, attraverso la creazione di capacità interne e attraverso collaborazioni come con Absci”.

I farmaci antitumorali che utilizzano varie tecnologie sono oggetto di importanti collaborazioni tra le principali multinazionali farmaceutiche e le aziende più piccole che svolgono ricerche all’avanguardia.

A settembre, la statunitense Moderna ha siglato un accordo potenzialmente del valore di oltre 1,7 miliardi di dollari per lo sviluppo di vaccini e terapie contro il cancro con la tedesca Immatics. L’azienda tedesca utilizza la cosiddetta tecnologia dei recettori delle cellule T per colpire le proteine ​​associate al cancro.