Buon giorno. La stagione degli utili inizia oggi sul serio, con le grandi aziende da Johnson & Johnson a Union Pacific che riportano. Non ci aspettiamo molte grandi sorprese, a parte forse qualche guida prudente. Il vero dolore nella crescita e nei margini, se arriverà, sarà nel secondo tempo. Facci sapere cosa ti aspetti: [email protected] e [email protected]

Big Tech, tagli di posti di lavoro e attivisti

Elliott Management, l’investitore attivista, ha acquisito una partecipazione in Salesforce e prevede di “lavorare in modo costruttivo con Salesforce per realizzare il valore che si addice a un’azienda della sua levatura”. Salesforce non è l’unico tra i tecnici a grande capitalizzazione. Gli attivisti hanno anche bussato alle porte di Meta e Alphabet negli ultimi mesi.

Sarebbe sorprendente se questa tendenza non continuasse. Agli attivisti piacciono le aziende che hanno (1) una forte redditività sottostante, (2) problemi strutturali che diluiscono, oscurano o indirizzano male quei profitti sottostanti e (3) una debole posizione contrattuale.

I punti uno e tre sono facili. Big Tech è diventata grande grazie all’elevata redditività, o comunque all’elevata crescita che suggerisce la possibilità di un’elevata redditività. Nel frattempo, la disfatta assoluta dei titoli Big Tech ha creato vulnerabilità alle richieste degli investitori. Il punto numero due è più complicato, ma molte aziende Big Tech hanno speso molti soldi per mantenere la crescita negli ultimi anni. Gli attivisti possono dire loro di fermarsi, il che dovrebbe far aumentare i profitti. Questo è ciò che gli investitori hanno infatti chiesto a Meta e Alphabet. Sarei sorpreso se questa non fosse anche la linea di base di Elliott su Salesforce.

(A proposito, gli attivisti della Big Tech non si sono sempre concentrati sui costi; nei cicli precedenti, le richieste andavano dal “riacquistare molte azioni” al “licenziare Steve Ballmer”.)

Non sorprende quindi che Google, Meta, Amazon, Microsoft e Salesforce abbiano tutti annunciato tagli di posti di lavoro. Il aziendedichiarazioni di il tagli hanno detto tutti la stessa cosa: la domanda era alta durante la pandemia di coronavirus, abbiamo assunto un sacco di persone, ma ora le cose sono rallentate. La storia ha un senso ampio, ma l’unanimità del messaggio e la quasi simultaneità con cui è stato trasmesso mi fa sospettare che (come dirlo bene?) oscuri una situazione più complessa.

Ci sono molte grandi domande a cui rispondere. Hanno ragione gli attivisti che Big Tech si è lasciata andare, in termini di allocazione del capitale? È più vero per alcune aziende rispetto ad altre? Le aziende hanno ragione sul fatto che il peso extra è un fenomeno pandemico o le questioni sono più fondamentali?

Ecco una tabella che riporta alcuni dei dati di base:

Un’osservazione da fare qui è che queste aziende sono diverse. Per cominciare, Microsoft, Meta e Alphabet sono molto, molto più redditizi, sia in base al dipendente che al rendimento delle attività, rispetto ad Amazon e Salesforce. Amazon è semplicemente un’azienda ricca di risorse e capitale umano. Salesforce ha ancora i bassi profitti di un’azienda tecnologica in fase di crescita, almeno quando i profitti sono calcolati su base GAAP (il rendimento delle attività è calcolato sopra dividendo l’utile al netto delle imposte in totale attivo).

Questo punto ha implicazioni per gli attivisti. Assumendo Meta, un attivista potrebbe dire “basta ritirare i tuoi investimenti nel metaverso e concentrarti sul tuo grande core business”. Con Salesforce, Elliott potrebbe avere qualcosa da dire, ad esempio, sulla strategia di acquisizione, ma è l’attività principale stessa che richiede cambiamenti.

Sarà sufficiente invertire gli eccessi della pandemia, in particolare nelle assunzioni, per soddisfare gli investitori? Ecco un grafico dell’organico delle aziende nell’ultimo decennio (il numero del 2022 proviene dal trimestre disponibile più recente):

Ciò che mostra questo grafico è che il ritmo delle assunzioni non è aumentato molto durante la pandemia. Microsoft ha accelerato leggermente le assunzioni e Alphabet di un pizzico, ma negli altri tre la tendenza è stata costante almeno dal 2017. Gli annunci di tagli di posti di lavoro, quindi, sono meglio intesi come segnali di serietà sui costi per gli investitori irrequieti. Di per sé, sono nella migliore delle ipotesi piccoli aggiustamenti tattici.

Un taglio di 10.000 posti di lavoro è grande – ed enorme per ognuna di quelle 10.000 persone – ma ricorda che queste aziende aggiungono così tanti lavoratori o più ogni anno da anni. Questo non è necessariamente un cambiamento significativo per il business as usual.

Potresti aver notato che Amazon non è incluso nel grafico. Questo perché quando è incluso, il grafico ha questo aspetto:

Ancora una volta, Amazon è un animale completamente diverso. Sta assumendo in quanto integra la distribuzione verticalmente e diversifica la sua attività su una scala diversa dal resto di Big Tech. Appartiene davvero a una discussione diversa.

Come valutiamo se il resto dell’abbuffata decennale di assunzioni di Big Tech ha reso le aziende inefficienti? Dall’esterno, non è così facile. I ricavi per dipendente sono rimasti stabili fino a salire (tranne, ancora una volta, su Amazon):

Guardando le spese operative come percentuale dei ricavi, la storia è più disomogenea: miglioramenti pluriennali in Microsoft e Google, mentre Meta e Amazon sono scivolati. Ancora una volta, il punto fondamentale è che le tendenze sono consolidate da tempo. Non si tratta della pandemia.

C’è ancora molto lavoro da fare qui, ma c’è già una conclusione chiave che possiamo raggiungere. La pandemia non ha quasi cambiato queste aziende; non sembrano molto diversi da qualche anno fa. Mi sembra anche improbabile che di recente abbiano visto cambiamenti molto significativi nella domanda, dato che il rallentamento sta iniziando a manifestarsi nei dati solo ora.

Cos’è cambiato, allora, che ha fatto girare in tondo gli attivisti e le aziende che annunciano misure di austerità? I prezzi delle azioni, ovviamente. I brontolii che stiamo vedendo in Big Tech ora non hanno nulla a che fare con le decisioni che le aziende importanti hanno preso negli ultimi cinque anni, e relativamente poco con la recente performance finanziaria delle società (con l’eccezione di Meta, che è in un crisi vera e propria). In sostanza, tutto quello che è successo è che la svendita ha cambiato le dinamiche di potere tra le aziende ei loro investitori.

Noterai che uno dei gruppi Big Tech non ha annunciato riduzioni di personale e non ha attirato l’attenzione degli attivisti da quando è iniziata la svendita: Apple. Non è una coincidenza. Le sue azioni sono scese solo del 20%.

Una buona lettura

Aswath Damodaran sul livello attuale del premio per il rischio azionario e dei rendimenti attesi.