Mer. Lug 17th, 2024
Come la MBC dell'Arabia Saudita è arrivata a dominare lo streaming in Medio Oriente

Il gruppo mediatico MBC sta competendo duramente con Netflix per diventare il più grande servizio di streaming del Medio Oriente, promuovendo un'ampia gamma di programmi TV e film arabi e la sua offerta di programmi gratuiti supportati dalla pubblicità.

La società di intrattenimento quotata a Riyadh, la cui maggioranza è di proprietà del governo saudita ed è la più grande emittente della regione, ora controlla il 22 percento del mercato dello streaming da 1 miliardo di dollari in Medio Oriente e Nord Africa attraverso la sua divisione Shahid. Ciò la pone al 4 percento in più rispetto al rivale regionale Starz Play Arabia e al 5 percento in più rispetto a Netflix, secondo l'analista del settore Omdia.

MBC ha investito denaro nello streaming negli ultimi quattro anni, riponendo le sue speranze di crescita su Shahid, che non è ancora redditizio, per soddisfare il crescente numero di spettatori, in particolare negli stati del Golfo ricchi di petrolio. Shahid ha riportato perdite pari a SR900 milioni ($240 milioni) tra il 2020 e la prima metà del 2023.

La televisione “non è dove otterremo la crescita”, ha detto il direttore esecutivo della MBC Sam Barnett al MagicTech. “Stiamo ottenendo risultati simili [TV] spettatori che avevamo negli anni precedenti. Stiamo mantenendo la quota di mercato. Sono i media che stanno cambiando… stiamo assistendo allo spostamento delle persone verso l'uso [streaming].”

Shahid afferma di avere ora 4,8 milioni di abbonati paganti nella regione, mentre 20 milioni guardano regolarmente il suo servizio di streaming supportato dalla pubblicità, che attrae gli spettatori con drammi di lunga durata come Gioco d'amoreuna versione araba di una serie turca che racconta i tentativi di una donna di sposare un ricco stilista di scarpe per aiutare il fratello indebitato.

Barnett ha detto che la MBC ha sfidato i critici che hanno detto “gli streamer globali vengono a mangiarti il ​​pranzo. Sei questa azienda mediorientale parrocchiale. Non c'è modo che tu possa tenere testa a… Netflix, Disney+ e HBO Max”.

Il passaggio dalla televisione allo streaming ha messo alla prova le emittenti di tutto il mondo, ma in una regione priva di dati affidabili sull'audience televisiva, rappresenta anche un'opportunità. Gli spettatori degli oltre 20 paesi del Medio Oriente vengono intervistati solo occasionalmente, spesso tramite sondaggi commissionati dalle stesse aziende di media. Ma i servizi di streaming consentono alle aziende di media di vedere cosa guardano i clienti e a quanta pubblicità sono esposti.

La scommessa di MBC sullo streaming è anche aiutata dalla demografia: oltre il 55 percento della popolazione del Medio Oriente e del Nord Africa ha meno di 30 anni, rispetto al 36 percento nei paesi OCSE. Sono entrambi esperti di digitale e desiderosi di contenuti, mentre si aspettano gli stessi alti valori di produzione che vedono su Netflix. Per soddisfare queste aspettative, Shahid sta finanziando talenti locali e reclutando produttori e registi stranieri per realizzare contenuti.

Barnett ha descritto l'approccio del management alla creazione di nuovi programmi come “costruttivamente paranoico su tutto”, aggiungendo che per cercare di mantenere la spesa a livelli ragionevoli “ho tutti i creativi nella stanza, e poi li faccio sedere con i contabili. E abbiamo riunioni difficili”.

Questo approccio sembra funzionare. Shahid ha perso SR6mn nei primi tre mesi di quest'anno, ma la cifra sta migliorando con l'aumento dei ricavi da abbonamento e pubblicità. Le perdite per lo stesso periodo dell'anno scorso erano state di SR102mn. Allo stesso tempo, i ricavi sono aumentati del 72 percento anno su anno a SR298mn, spinti dal calo del Ramadan nel primo trimestre. Le famiglie tradizionalmente si sintonizzano su serie TV della durata di un mese durante quel periodo, rendendolo un periodo di punta per la spesa pubblicitaria.

Karim Sarkis, specialista in media e intrattenimento presso la società di consulenza Strategy&, ha affermato che il servizio di streaming gratuito e i programmi e film in lingua araba di Shahid stanno aiutando l'azienda a competere con Netflix.

Coloro che si aspettavano che Netflix avrebbe commissionato grandi quantità di contenuti in lingua araba sono rimasti delusi, ha detto Sarkis, mentre “nel frattempo anche MBC si è svegliata… se continuano a competere allo stesso modo… penso che [long term] il vincitore sarà Shahid”.

Fondata a Londra nel 1991 come primo canale satellitare privato del mondo arabo, la Middle East Broadcasting Corporation è stata un insolito attore commerciale in un settore mediatico regionale dominato dalle reti statali (fondamentali per la proiezione del soft power) e dai progetti vanitosi dei miliardari.

La sua storia recente ha avuto momenti di dramma degni di una serie TV. Nel novembre 2017, il fondatore e presidente Waleed bin Ibrahim Al Ibrahim è stato coinvolto in una campagna anti-corruzione orchestrata dal principe ereditario Mohammed bin Salman, in cui centinaia di membri delle élite saudite sono stati trattenuti nell'hotel Ritz-Carlton e costretti a trasferire denaro e beni al governo.

In seguito all'incidente, la proprietà di Ibrahim è scesa dal 100 al 40 percento della società, mentre una società di investimento di proprietà del ministero delle finanze ha preso l'altro 60 percento. Ha venduto una parte di quella quota in un'offerta pubblica iniziale l'anno scorso e dalla quotazione, il prezzo delle azioni di MBC è salito di circa il 30 percento a SR44.

Il governo detiene ancora più della metà delle azioni di MBC, ma Ibrahim ha mantenuto la presidenza ed è attivamente coinvolto nell'attività. Barnett ha affermato: “Come molti grandi magnati dei media, ha opinioni forti sui contenuti”.

Valutare quali show funzioneranno è fondamentale, ha detto Barnett. Molti paesi della regione hanno rigide regole sui contenuti e alcuni streamer sono stati rimproverato dai regolatori regionali per aver mostrato scene come baci omosessuali. Nel 2019, Netflix è stata costretta a rimuovere un episodio di una serie comica dopo una denuncia da parte dell'Arabia Saudita, aggiungendo preoccupazioni circa l'interferenza politica.

MBC e Shahid cercano di “avvicinarsi alla linea, ma non di caderci sopra, così da alienare il pubblico”, ha detto Barnett, citando il dramma kuwaitiano di quest'anno Zawja ​​Waheda La Takfi (Una moglie non basta), che affrontava il tema della poligamia.

Ma alcuni dei contenuti originali di Shahid hanno causato polemiche. Una miniserie sul dirottamento di un aereo kuwaitiano del 1988 è stata ritirata in risposta alle proteste del ministero dell'informazione del paese. Lo streamer ha anche ritardato la trasmissione di una serie televisiva importante all'inizio del 2021, basata sulla vera storia di un trafficante di droga saudita, dopo che la sua tribù ha affermato che era un insulto.

Oltre ai contenuti, Shahid ha cercato di soddisfare le esigenze delle famiglie numerose e spesso multigenerazionali della regione, consentendo la connessione di un massimo di 20 dispositivi a ciascun abbonamento.

“Stiamo cercando di stabilire qual è il giusto equilibrio, perché come tutti gli streamer, anche noi vediamo abusi nella condivisione delle password”, ha affermato Natasha Matos-Hemingway, responsabile commerciale, marketing e prodotto di Shahid. Tuttavia, “saremmo molto danneggiati se dovessimo ridurre [device allowances] per piacere due o tre”.