Mar. Mar 5th, 2024
Come l'intelligenza artificiale sta decodificando il regno animale

Poi c’è la questione di umwelt. Molti animali usano l’olfatto per trasmettere informazioni, alcuni usano campi elettrici, altri stridulano (fanno rumore sfregando insieme parti del corpo come un grillo) e alcuni creano onde sismiche.

Sebbene la tecnologia possa consentire agli esseri umani di catturare queste modalità di comunicazione più inaspettate, per Yovel il campo dipende ancora dall’interpretazione umana. Molti dei dati di addestramento per i modelli di intelligenza artificiale generativa si basano su set di dati etichettati da ricercatori umani.

“Scriverò che i pipistrelli litigano per il cibo, ma forse non è vero”, spiega Yovel, “forse litigano per qualcosa di cui non ho idea perché sono umano. Forse hanno appena visto il campo magnetico della terra, cosa che alcuni animali possono vedere”. Rimuovere i pregiudizi dell’interpretazione umana, dice Yovel, è impossibile.

Caricamento…

Altri sostengono che se si raccogliessero abbastanza dati rilevanti, l’intelligenza artificiale eliminerebbe questo pregiudizio. Ma gli animali selvatici tendono a non collaborare con gli sforzi umani di raccolta dati, e la tecnologia dei microfoni ha i suoi limiti. “La gente pensa che misureremo tutto e lo inseriremo nelle macchine IA. Non siamo nemmeno vicini a questo”, dice Yovel.

Poole dice di aver parlato con David Gruber di Ceti su come raccogliere dati sugli elefanti in modo non invasivo: “I capodogli hanno pesci robotici, potremmo avere garzette robotiche o qualcosa del genere?”

Eppure, anche se una quantità sufficiente di dati corretti potesse essere gestita attraverso l’intelligenza artificiale generativa, cosa farebbero gli esseri umani dei rimbombi e dei cigolii computerizzati, o degli odori e delle onde sismiche?

Ciò che è significativo per un algoritmo potrebbe essere ancora incomprensibile per un essere umano. Come ha affermato un ricercatore, la traduzione dipende dalla verifica di ciò che l’intelligenza artificiale ha imparato.

Tradizionalmente, questo viene fatto attraverso un esperimento di riproduzione: la registrazione di una vocalizzazione viene riprodotta a una specie per vedere come risponde. Tuttavia, ottenere una risposta chiara su cosa significhi qualcosa non è sempre possibile.

Yovel descrive la riproduzione di registrazioni di diversi richiami aggressivi ai pipistrelli che studia, e ogni richiamo viene accolto con una contrazione delle orecchie. “Non c’è alcuna differenza chiara nella risposta ed è molto difficile elaborare un esperimento che misuri queste differenze”, afferma.

Con l’intelligenza artificiale generativa, questi esperimenti di riproduzione potrebbero ora essere condotti utilizzando voci di animali sintetizzate, una prospettiva che spinge questa ricerca verso un delicato equilibrio etico.

Nel mondo umano, i dibattiti sull’etica, sulla definizione dei confini e sull’intelligenza artificiale sono tesi, soprattutto quando si tratta di voci umane deepfake. Esistono già prove del fatto che la riproduzione di suoni animali preregistrati può avere un impatto sui modelli comportamentali: il fondatore di Earth Species, Raskin, condivide un aneddoto su come riprodurre accidentalmente il nome di una balena, cosa che la balena si è sentita angosciata.

Le incognite legate all’utilizzo delle voci sintetiche sono vaste. Prendi le megattere: il canzoni cantate dalle megattere in una parte del mondo vengono raccolte e diffuse fino a quando una canzone che proviene dalla costa australiana può essere ascoltata dall’altra parte del mondo un paio di stagioni dopo, dice Raskin.

“Gli esseri umani trasmettono la cultura vocalmente da forse 300.000 anni. Balene e delfini tramandano la cultura vocalmente da 34 milioni di anni”, spiega. Se i ricercatori iniziassero a inserire nel mix il canto delle balene sintetizzato dall’intelligenza artificiale “potremmo creare un meme virale che infetta una cultura vecchia di 34 milioni di anni, cosa che probabilmente non dovremmo fare”.

“L’ultima cosa che ognuno di noi vuole fare è trovarsi in uno scenario in cui ci guardiamo indietro e diciamo, come fece Einstein, ‘Se avessi saputo meglio non avrei mai aiutato con la bomba’”, dice Gero.