Mar. Mar 5th, 2024

Will.i.am, il rapper vincitore del Grammy Award del gruppo Black Eyed Peas, incanta da tempo i millennial con la sua musica. Questa settimana, tuttavia, ha attirato l’attenzione di economisti, ministri e leader aziendali con un tono diverso: una visione per l’intelligenza artificiale.

Mentre i dibattiti sull’intelligenza artificiale dominavano l’incontro del World Economic Forum di Davos di quest’anno, will.i.am è stato tra i più rumorosi ad esaltare il presunto potere della tecnologia.

Ciò è in parte dovuto al fatto che sta stimolando la sua creatività (questa settimana lui ha lanciato il primo programma radiofonico musicale con un bot). Tuttavia, c’è anche un’altra ragione. Pensa che l’intelligenza artificiale potrebbe attirare le persone emarginate nell’economia tradizionale negli anni futuri, e quindi essere uno strumento per il livellamento sociale. In particolare, mi ha detto – in un discorso vivace e carico di imprecazioni sul palco – che pensa che l’intelligenza artificiale “abbatterà le barriere” per le persone “che non hanno nulla”, in un modo quasi senza precedenti.

È solo un’altra pubblicità del Davos? Molti potrebbero pensarlo. È vero che negli ultimi mesi numerosi economisti hanno previsto che l’intelligenza artificiale darà un grande impulso alla crescita. Michael Spence, professore universitario di Stanford, per esempio, pensa che aggiungerà almeno 4 trilioni di dollari annuo rispetto al prodotto interno lordo mondiale.

Ma queste chiacchiere su un presunto miracolo della produttività di solito si verificano in mezzo ai timori sull’aumento delle disuguaglianze sociali, a causa dello spostamento dei posti di lavoro. Infatti, all’inizio della riunione del WEF di questa settimana, un sondaggio di PwC ha rivelato che un quarto degli amministratori delegati globali si aspetta che l’intelligenza artificiale generativa porti a riduzioni dell’organico di almeno il 5% quest’anno. Nel frattempo, il FMI previsto che l’intelligenza artificiale cambierà il 40% di tutti i posti di lavoro globali – e il 60% di quelli colpiti si troveranno nei paesi sviluppati.

Ancora più allarmante è il fatto che si sta ampliando il “divario digitale” in termini di livelli disomogenei di alfabetizzazione digitale e di accesso alla tecnologia tra le popolazioni – e che non può essere facilmente colmato solo con l’istruzione. Non c’è da stupirsi che un sondaggio del gruppo di pubbliche relazioni Edelman mostri che solo il 30% del pubblico globale vuole abbracciare l’intelligenza artificiale, mentre il 35% la rifiuta.

Tuttavia, ci sono due fattori chiave che aiutano a spiegare la visione alternativa e più ottimistica sull’inclusione, sposata da will.i.am e altri. Una riguarda il modo in cui l’intelligenza artificiale potrebbe colpire i lavori “testa, mano, cuore”. citare l’autore britannico David Goodhart — o coloro che mettono in campo capacità cognitive, manuali e di cura.

Nel XX secolo la digitalizzazione ha colpito soprattutto i lavori svolti “a mano”. E lo spostamento degli operai nelle fabbriche occidentali da parte dei robot ha alimentato la polarizzazione dei redditi, anche se altri posti di lavoro sono stati creati altrove, come sostengono gli economisti. come ha notato David Autor.

Ma la differenza tra l’intelligenza artificiale oggi e l’automazione nel 20° secolo è che la nuova tecnologia sta colpendo i posti di lavoro “capo” (e, in misura minore, i ruoli “cuori”), come ha detto Josephine Teo, ministro digitale di Singapore, a una riunione del WEF . Ciò danneggia le professioni d’élite, probabilmente per la prima volta. Da qui le grida di allarme degli esperti, che potrebbero far sentire giustificati alcuni lavoratori manuali schadenfreudeosserva Teo (anche lei ex leader sindacale).

Il secondo fattore è che la storia mostra anche che le rivoluzioni tecnologiche “minano gli operatori storici”, afferma Andrew McAfee, economista della business school del MIT. Questo vale sia che si tratti di aziende, di paesi o di gruppi economici.

Ciò potrebbe sembrare difficile da immaginare oggi, dal momento che le élite che hanno sviluppato e utilizzato l’intelligenza artificiale sono diventate favolosamente ricche. Ma se l’acronimo viene presentato in termini di intelligenza “aumentata” – piuttosto che “artificiale”, è possibile capire perché le gerarchie potrebbero ancora essere messe in discussione da uno strumento che consente ai lavoratori di eseguire compiti cognitivi complessi molto più facilmente di prima.

Considera i lavori di scrittura di contratti legali, codici informatici avanzati o diagnosi mediche. Oggi sono dominati da un’élite istruita. Ma se i lavoratori meno istruiti potranno utilizzare l’intelligenza artificiale per svolgere questi ruoli in futuro, ciò romperà alcune delle barriere all’ingresso per il lavoro “capo”. Questo è spaventoso per l’élite. Non tanto per gli altri.

Ecco perché alcuni leader dell’IA, come James Manyika di Alphabet, sostengono che ciò sta già suscitando un atteggiamento più positivo nei confronti dell’IA nel mondo in via di sviluppo rispetto a quello sviluppato. E perché gli attivisti sociali, incluso will.I.Am, sperano che mettere gli strumenti di intelligenza artificiale nelle mani dei bambini più svantaggiati dia loro potere.

Il cinico che è in me ribatterebbe che ci sono infiniti ostacoli che potrebbero silurare tutto ciò. Le élite ricche sono spesso estremamente brave a trovare modi per proteggere i propri privilegi e a costruire “fossati” professionali. E un aspetto sporco dell’intelligenza artificiale è che il suo sviluppo fino ad oggi è stato dominato dalle élite occidentali.

Ciò significa che c’è un bisogno urgente di ottenere una più ampia partecipazione alla creazione della tecnologia, afferma Alex Tsado di Alliance4ai, un gruppo di lobby che promuove l’accesso nei paesi africani. Senza questo, la tecnologia rafforzerà pregiudizi e gerarchie. È necessario sviluppare politiche governative proattive, intelligenti e olistiche per rafforzare l’istruzione e l’accesso all’IT e per garantire lo sviluppo dell’IA open source.

Ma ecco il punto chiave: se un rapper cresciuto in un quartiere povero di Los Angeles può osare sognare un livellamento verso l’alto per l’intelligenza artificiale, anche altri esperti dovrebbero provare a farlo, anche in mezzo alle chiacchiere distopiche. Vorrei solo che i Black Eyed Peas creassero una canzone che esorti i governi a realizzare politiche a sostegno di ciò; potrebbe finalmente attirare l’attenzione degli elettori.

[email protected]