Ven. Mag 24th, 2024
Come ottenere grandi numeri quando si prevede l'effetto dell'intelligenza artificiale sulla crescita

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Ammetto di aver ignorato gran parte del dibattito sulla possibilità che l'intelligenza artificiale ci distruggerà tutti. Se i nostri signori digitali alla fine mi trasformeranno in una graffetta, allora almeno avrò goduto i miei ultimi preziosi momenti come essere umano. Li avrò spesi considerando una parte diversa del dibattito, su quanto l'intelligenza artificiale influenzerà la crescita. La posta in gioco è leggermente più bassa, ma c’è altrettanto disaccordo. Perché?

La discussione centrale riguarda la portata, la portata e la velocità dell’IA. L’intelligenza artificiale sarà una forza che accelera l’automazione o accelererà anche l’innovazione? E i suoi effetti saranno l'affettatrice dell'avocado nella preparazione del cibo o il microonde? E poi c’è il rischio che, mentre ai tecnologi piace muoversi velocemente e rompere le cose, i dirigenti aziendali preferiscono uno stile di vita più sedentario.

Sono stati fatti diversi tentativi di stimare gli effetti dell’intelligenza artificiale generativa sulla crescita della produttività annuale, con risultati piuttosto contrastanti. L’anno scorso Goldman Sachs stimava che nei paesi ricchi il contributo potrebbe essere pari a circa 1,5 punti percentuali nell’arco di un decennio.

Subito dopo, McKinsey previsto che potrebbe fornire tra 0,1 e 0,6 punti percentuali tra il 2023 e il 2040. E più recentemente Daron Acemoglu del MIT calcolato una spinta nel prossimo decennio pari al massimo a 0,2 punti percentuali.

Il divario tra queste cifre riguarda principalmente le differenze in termini di velocità e scala. Ciascuno cerca di stimare quanto il lavoro esistente sarà influenzato dall’intelligenza artificiale generativa, nonché il potenziale risparmio sui costi.

Acemoglu, ad esempio, suggerisce che nel prossimo decennio circa il 5% delle attività sarà sostituito o potenziato con profitto dall’intelligenza artificiale. (Sosterrò che i miei redattori dovrebbero tenersi stretto a me altrimenti le colonne potrebbero diventare troppo divertenti.) Anche in questo caso, il risparmio medio sui costi per queste attività potrebbe essere solo del 15% circa – o inferiore se l'intelligenza artificiale fatica a sostituire quelle più difficili dove le decisioni richiedono molto contesto o mancano di misure oggettive di successo. (Ho sentito che scrivere colonne è molto difficile.)

McKinsey afferma di avere le idee chiare riguardo al ritmo di diffusione, basandosi su prove storiche secondo cui le tecnologie impiegano fino a 27 anni per raggiungere un plateau di adozione dopo essere diventate disponibili in commercio. Ma sembra essere più ottimista di Acemoglu riguardo alla possibilità di automatizzare le attività. In un rapporto separato McKinsey stima che negli Stati Uniti l’intelligenza artificiale generativa potrebbe rappresentare l’8% delle ore di lavoro automatizzate entro il 2030.

Anche gli analisti di Goldman Sachs ritengono che una buona parte del lavoro sarà influenzata dall’intelligenza artificiale. Ma la differenza più grande riguarda i tempi. Citano il motore elettrico e i personal computer come scoperte che porteranno a un boom della produttività del lavoro negli Stati Uniti di circa 1,5 punti percentuali all’anno nell’arco di un decennio. Stranamente, ci sono voluti 20 anni per iniziare. In altre parole, il boom previsto dura da “un decennio”, non quello che inizia adesso.

In una nota più recente gli analisti di Goldman Sachs citano sondaggi che suggeriscono che meno di un’azienda su 20 segnala “l’uso dell’intelligenza artificiale generativa nella produzione regolare”. E confermano che la maggior parte della spinta al Pil globale arriverà dopo il 2030.

Le domande sulla velocità e sulla portata sono importanti. Ma forse la domanda più grande riguarda la portata dell’intelligenza artificiale. Tyler Cowen della George Mason University di recente criticato L'articolo di Acemoglu per aver escluso la possibilità che l'intelligenza artificiale svolga nuovi compiti o produca cose nuove: basta guardare i chatbot che impersonano Shakespeare o Elon Musk. La tesi di Acemoglu è che l'attenzione dell'industria è altrove, ad esempio sulla pubblicità digitale.

Potrebbero esserci vantaggi maggiori in serbo. Nel corso dei decenni il mondo ha investito una quota crescente di risorse nell’innovazione, con rendimenti decrescenti. UN studio pubblicato nel 2020 ha rilevato che la produttività della ricerca per l’economia statunitense era diminuita di un fattore pari a 41 dagli anni ’30.

Gli ottimisti suggeriscono che l’intelligenza artificiale potrebbe aumentare tali rendimenti e accelerare la velocità con cui scopriamo nuove idee. Proprio questa settimana, Google DeepMind ha presentato un modello di intelligenza artificiale che potrebbe aiutare i ricercatori a trovare nuovi farmaci. Ben Jones della Northwestern University suggerisce che gli effetti sulla produttività potrebbero essere persino maggiori delle più ottimistiche stime precedenti basate sull’automazione.

“Un po’ di incertezza è ovviamente salutare”, dice Acemoglu del cambiamento portato dall’intelligenza artificiale, poiché “siamo proprio all’inizio”. Ciò significa che ci sono molte altre domande importanti su cui riflettere, incluso il modo in cui vengono condivisi i bottini di qualsiasi crescita. Oltre a questi, forse mi permetterò di chiedermi se un giorno ci sarà un'intelligenza artificiale così potente da poter trasformare le graffette di nuovo in esseri umani.

[email protected]

Segui Soumaya Keynes con myFT e così via X