Gio. Mag 23rd, 2024
La tecnologia cinese sta cercando di crescere in Medio Oriente

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La Cina è il più grande importatore mondiale di petrolio. Per decenni, i paesi del Medio Oriente, in particolare l’Arabia Saudita, hanno dato priorità alle relazioni con la Cina per salvaguardare un cliente chiave. Da parte della Cina c’è stata meno urgenza di ricambiare: le sue esportazioni nella regione sono impallidite rispetto alle sue importazioni. Ora la situazione potrebbe cambiare.

Una serie di gruppi tecnologici cinesi hanno iniziato a trasferirsi in Arabia Saudita come parte di aggressivi piani di espansione globale. L’ultimo è il gigante della consegna di cibo Meituan, che sta cercando di assumere personale con sede a Riyadh. Ciò è significativo: Meituan sceglierebbe il Medio Oriente come prima espansione all’estero al di fuori della Cina.

Nel frattempo, il colosso cinese dell’e-commerce Alibaba sta lavorando alla collaborazione con aziende locali in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti per l’espansione nella regione. Tencent prevede di espandere lì la propria attività nel cloud e di investire nell'archiviazione dei dati. Il colosso della moda veloce e dell'e-commerce Shein ha aumentato la sua presenza lanciando sfilate di moda e il suo primo reality show in Arabia Saudita.

Mentre la tecnologia cinese in settori quali i servizi cloud e l’intelligenza artificiale sta avanzando rapidamente, la domanda per le sue app e la sua tecnologia in grandi mercati come gli Stati Uniti è stata minacciata dalle crescenti tensioni geopolitiche. Le aziende si troverebbero ad affrontare un controllo politico minore in Medio Oriente, dove i legami sono incentrati principalmente sugli interessi economici. La Cina è il principale partner commerciale per la maggior parte delle nazioni del Medio Oriente.

Il rallentamento economico interno ha aggiunto l’urgenza di un’espansione all’estero. I ricavi di Alibaba nel trimestre di dicembre hanno deluso le aspettative. Le vendite di Tencent nel suo core business dei giochi sono state colpite da un rallentamento inaspettatamente brusco. Il margine principale del commercio locale di Meituan è in calo; le sue azioni sono scese di un quinto nell'ultimo anno.

Il tempismo è buono. Mentre l’Arabia Saudita cerca una crescita che vada oltre i combustibili fossili, sta prendendo sul serio gli investimenti in settori emergenti come l’intelligenza artificiale. Quest’anno ha creato un fondo da 100 miliardi di dollari per investire in nuove tecnologie. Ha una scena tecnologica relativamente nascente, con il mercato locale dei servizi cloud, ad esempio, pari a circa 4 miliardi di dollari, rispetto agli oltre 200 miliardi di dollari negli Stati Uniti e ai circa 100 miliardi di dollari in Cina.

Ci sono incentivi anche per l’Arabia Saudita. L’anno scorso, la Russia ha superato l’Arabia Saudita diventando il più grande fornitore di petrolio della Cina. Per ora le esportazioni cinesi verso l’Arabia Saudita rappresentano solo la metà delle importazioni. Entrare nei buoni libri di Pechino aiuterebbe ad approfondire i legami e a migliorare le relazioni commerciali.

[email protected]