Gio. Giu 13th, 2024
Come un nuovo arrivato sta usando i suoi legami con Nvidia per sfidare i giganti del cloud computing

Uno sfidante emergente dei giganti del cloud computing Amazon e Microsoft sta sfruttando la sua alleanza con Nvidia per trasformare i chip di intelligenza artificiale in una “nuova classe di asset” e raccogliere miliardi di dollari.

CoreWeave, con sede nel New Jersey, fondata nel 2017 da ex trader di energia come minatore di criptovalute, ha raccolto 8,6 miliardi di dollari in debito e azioni nell'ultimo mese per aumentare la sua valutazione a 19 miliardi di dollari. Un anno fa, Nvidia ha acquisito una quota di 100 milioni di dollari, valutandola 2 miliardi di dollari.

Il balzo del prezzo evidenzia come CoreWeave sia diventato un altro beneficiario della crescente domanda di chip AI che ha spinto Nvidia a una valutazione di 2,8 trilioni di dollari e ha incrementato le azioni degli altri partner del produttore di chip come Dell e Supermicro. Ora l’azienda sta cercando di utilizzare quel capitale costruendo strutture nel Regno Unito e in Europa.

CoreWeave affitta l'accesso alla sua ambita scorta di chip Nvidia, tra cui il richiestissimo H100 e l'imminente B200, che funzionano all'interno dei suoi data center. Le sue strutture sono state progettate per soddisfare le particolari esigenze del calcolo ad alte prestazioni, dalla rete ad alta velocità tra cluster di chip AI ai server raffreddati a liquido, ha affermato Michael Intrator, il suo amministratore delegato.

Gli investitori di CoreWeave, tra cui l’hedge fund Magnetar Capital, Blackstone e Coatue, scommettono che la crescente domanda di servizi specializzati di intelligenza artificiale rimodellerà il mercato del cloud computing da 500 miliardi di dollari, nonostante le decine di miliardi che le aziende Big Tech stanno spendendo per i propri data center.

“Il modo in cui il cloud verrà utilizzato per la prossima generazione è molto diverso da come è stato utilizzato al suo inizio 20 anni fa”, ha affermato Intrator, chiamando l'azienda la Tesla della Ford di Big Tech.

Intrator ha affermato che è stato “incredibilmente difficile” proporre ai suoi primi finanziatori, che dovevano diventare “esperti in un campo di cui non sapevano nulla, al punto da poter prestare miliardi di dollari e portarli al loro comitato di investimento per proporre una nuova classe di asset”, ad esempio utilizzando le unità di elaborazione grafica di Nvidia come garanzia.

CoreWeave si era da tempo allontanato dalle criptovalute quando il rilascio del ChatGPT di OpenAI, sostenuto da Microsoft, nel novembre 2022, scatenò un'enorme ondata di domanda per l'informatica basata sull'intelligenza artificiale.

Cogliendo l'opportunità, l'azienda ha rapidamente intensificato i propri sforzi finanziari.

Nella prima metà del 2023 ha raccolto più di 420 milioni di dollari in azioni, poi altri 2,3 miliardi di dollari in finanziamenti di debito pochi mesi dopo. Alcuni azionisti esistenti hanno venduto azioni per un valore di 642 milioni di dollari a Fidelity e ad altri a dicembre. Poi il mese scorso ha concluso altri due accordi per raccogliere 7,5 miliardi di dollari di debito e 1,1 miliardi di dollari di azioni.

CoreWeave aveva bisogno dei finanziamenti per “essere in grado di espandersi abbastanza da poter supportare chiunque volesse partecipare al boom dell’intelligenza artificiale”, ha affermato Intrator, indipendentemente da quante migliaia di chip avessero bisogno.

Ora CoreWeave punta a una rapida espansione in Europa. Mercoledì ha rivelato i piani per investire 2,2 miliardi di dollari per costruire tre data center in Norvegia, Svezia e Spagna entro la fine del prossimo anno. Recentemente ha stanziato 1,3 miliardi di dollari per due strutture nel Regno Unito, dove ha sede la sua sede europea.

Per crescere più rapidamente negli Stati Uniti, CoreWeave ha annunciato questa settimana una partnership con Core Scientific, un minatore di bitcoin, per riconvertire molti dei suoi data center per ospitare le sue GPU. Bloomberg ha riferito martedì che CoreWeave si è anche offerto di acquistare Core Scientific a titolo definitivo per più di 1 miliardo di dollari. Le aziende non hanno commentato il rapporto.

Come Amazon Web Services o Azure di Microsoft, CoreWeave offre un'alternativa alle aziende che acquistano e mantengono i propri server, offrendo un accesso flessibile alla potenza di calcolo.

Ma a differenza di AWS, che è stata fondata nel 2006 e può ospitare una gamma quasi infinita di applicazioni e dati, il data center di CoreWeave serve una nicchia specifica di clienti con esigenze di elaborazione estremamente elevate, dai ricercatori sull'intelligenza artificiale e sui farmaci ai gruppi dei media.

Nonostante la sua dipendenza dalle GPU di Nvidia per il cuore del suo servizio, Intrator sostiene che ci sia un “malinteso” sul rapporto di CoreWeave con il produttore di chip più prezioso al mondo. “Nvidia non ci dà accesso alle GPU perché hanno qualche interesse nei nostri confronti o perché abbiamo un accesso vantaggioso.”

Il suo vantaggio competitivo non si limitava semplicemente ad avere le chip giuste, ha affermato Intrator. Ad esempio, CoreWeave aveva sviluppato un software che gestisce e mantiene automaticamente cluster di GPU.

Egli respinge le domande sul fatto se i potenziali investitori fossero preoccupati di sostenere un'azienda che aveva raccolto capitali da Nvidia, solo per spendere una parte significativa di quei fondi sui prodotti di quella società.

“È una storia davvero schifosa”, ha detto. “Nvidia ha investito 100 milioni di dollari. Noi abbiamo [raised] 12 miliardi di dollari tra debito e capitale proprio. Si tratta di una somma di denaro irrilevante rispetto alla scala relativa della quantità di infrastrutture che stiamo acquistando”.

Nvidia nega inoltre che le aziende in cui ha investito ottengano un accesso preferenziale ai suoi nuovi prodotti. “Non aiutiamo nessuno a saltare la coda”, ha detto l'anno scorso al MagicTech Mohamed Siddeek, capo della divisione venture NVentures di Nvidia.

Ciononostante, Intrator ha affermato che il fatto che Nvidia esaminasse l'attività di CoreWeave e accettasse di investire era “uno strumento incredibilmente potente” quando si trattava di raccogliere capitali.

“Ci sono un sacco di domande a cui sono in grado di rispondere in base al fatto che le persone che ne sanno più di chiunque altro sono disposte a investire enormi quantità di capitale dietro ciò che stiamo facendo”, ha detto.

È stato in grado di convincere gli istituti di credito ad accumulare miliardi di dollari sfruttando una combinazione delle sue risorse GPU, del valore dei contratti a lungo termine firmati con i clienti e di una “comprovata capacità di esecuzione”, ha aggiunto Intrator.

Entro la fine del 2024, CoreWeave avrà 28 data center negli Stati Uniti e in Europa, con l’intenzione di creare una “impronta veramente globale” nei prossimi due anni. “L'azienda continua a crescere il più velocemente possibile”, ha affermato Intrator.